QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dal 1 gennaio 2022, i neonati riceveranno un’iniezione di vitamina K

Il Board of Health ha già fornito la consulenza per le iniezioni di vitamina K nel 2017. Ciò riguarda i bambini allattati al seno. Per i neonati allattati artificialmente, la somministrazione orale di vitamina K è attualmente sufficiente. Questa vitamina è presente anche nel tipo di cibo che ricevono. Tuttavia, questo non si applica ai bambini allattati al seno. L’Health Council ha dichiarato nel 2017 che assorbono meno bene la vitamina e sono quindi più inclini a sanguinare.

Un aumento della dose orale nel 2011 non ha ridotto il sanguinamento, quindi raccomanda un’iniezione intramuscolare (attraverso il tessuto muscolare) di 1 milligrammo di vitamina K per i neonati allattati al seno.

Alternativa orale

Il Board of Health comprende che ci sono genitori che non vogliono iniettare i loro figli e consiglia a questi genitori di dare ai loro figli un milligrammo di vitamina K tre volte per bocca. Questo dovrebbe essere fatto subito dopo la nascita, da quattro a sei giorni dopo e da quattro a sei settimane dopo. Nulla cambia per i bambini allattati artificialmente dall’inizio. Con il consiglio, il consiglio spera di ridurre il numero di casi di emorragie annuali.

buone informazioni

Secondo l’ostetrica Margot Van Dyck, è importante che i genitori e le ostetriche sappiano che esiste un’alternativa. Può immaginare che non tutte le ostetriche vogliano iniettare un bambino in questo modo. Van Dyck ritiene inoltre che l’alternativa proposta dall’Health Board sia altrettanto efficace. “L’unico motivo per cui non è stato scelto ora è perché le iniezioni sembrano funzionare un po’ meglio. Ma i bambini malati nello studio non hanno ricevuto l’intera dose di vitamina K”, ha detto in un’intervista con Algemeen Dagblad.

READ  Lo screening del cancro cervicale condivide il 50% nel 2020

A cura di: National Care Guide