QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dal Labradoodle “amichevole” al Rottweiler “aggressivo”, la razza canina ha meno a che fare con la personalità canina secondo gli scienziati | gli animali

Quando le persone decidono di possedere un cane, scegliere un amico a quattro zampe significa molto di più del semplice aspetto. Le persone che vogliono un cane giocoso e intelligente vanno spesso al Border Collie. I Labrador sono spesso scelti come cani di famiglia e quando le persone vogliono un vero monitor, scelgono rapidamente un Rottweiler. Le razze canine sono state definite per anni da determinati comportamenti e temperamenti, ma ora un nuovo studio genetico suggerisce che la razza da sola è un cattivo predittore del comportamento canino.

Nel nuovo studio pubblicato su Science, i ricercatori statunitensi di Harvard e del Massachusetts hanno esaminato il DNA di 2.155 cani, comprese 78 razze pure, e hanno trovato pochissime varianti genetiche che potrebbero spiegare il comportamento comune dei cani. Gli autori hanno identificato 11 parti del DNA di un cane che sono strettamente correlate a tratti comportamentali, come il modo in cui un cane segue le indicazioni o quanto ulula. Ma nessuna di queste parti era specifica per la razza del cane. Le caratteristiche comportamentali sono state determinate dalle risposte di oltre 18.000 proprietari di cani di razza al sondaggio.

In effetti, la razza può spiegare solo il 9 percento della differenza comportamentale tra i singoli cani e nessun tratto comportamentale è esclusivo di una sola razza di cane. In effetti, l’età e il sesso del cane erano alcuni dei più forti predittori del suo comportamento.

ha detto Elinor Carlson, che ha contribuito allo studio. “Questi tratti genetici sono migliaia di anni più vecchi della nostra comprensione delle razze canine moderne”.

sottili differenze genetiche

READ  Zelensky: "Il mondo intero deve essere preparato alla possibilità che Putin utilizzi armi nucleari"

La maggior parte delle razze canine che incontri oggi sono state riconosciute solo come razze, selezionate per ideali estetici o fisici, negli ultimi due secoli. Prima di allora, i cuccioli venivano selezionati in base alle previsioni su quanto bene avrebbero cacciato, visto o braccato. La forma e il colore delle sue orecchie, la qualità e le dimensioni del suo mantello. “Ma la razza non determina se è amichevole e affettuoso o meno”, dice Carlson.

Tratti complessi come il comportamento, che risulta dall’interazione di molti piccoli geni tra loro e con l’ambiente, possono certamente essere ereditati da una generazione di cani all’altra. Ma i moderni proprietari dei nostri amici a quattro zampe potrebbero non aver avuto il tempo di avere un vero impatto sulle razze che conosciamo oggi. Almeno, non rispetto ai contributi dei nostri antenati.

Carlson e i suoi colleghi sono stati in grado di trovare solo sottili differenze genetiche nel comportamento dei cani da razza a razza. Se si considera che più della metà dei cani “purosangue” negli Stati Uniti ha origini da più di una razza, le differenze diventano ancora più sottili.

Divieto di razze canine aggressive infondate?

La personalità, l’ambiente e l’educazione del cane, così come l’età e il sesso del cane, giocano un ruolo molto più importante nel comportamento. Ad esempio, all’interno dello stesso lignaggio, un Labrador è socievole, mentre l’altro è solitario. Ma mostra anche che il comportamento aggressivo non ha nulla a che fare con la razza del cane, cosa che è stata spesso pensata fino ad ora.

Se gli autori hanno ragione e le nostre ipotesi sul comportamento della razza sono esagerate, le politiche nazionali che vietano alcune razze canine “aggressive” potrebbero non avere alcuna base. Lo stesso vale per le polizze assicurative che rifiutano di coprire razze come i tori. “Il comportamento di questi cani è principalmente modellato dal loro ambiente, non dalla loro razza”, afferma Carlson.

READ  Anche i soldati tedeschi hanno lasciato l'Afghanistan fuori dal paese

Eccezioni per ogni razza

La ricerca di Carlson è tra le prime a esplorare i geni dietro il comportamento basato sulla razza nei cani, ma studi precedenti hanno anche dimostrato che le differenze nel comportamento del cane all’interno di una razza sono quasi uguali a quelle tra le razze. I beagle, ad esempio, ululano di più, mentre i pitbull e i golden retriever sono più socievoli con le persone. Border Collie è più obbediente. Ma nessuna razza è senza eccezioni.

Sebbene quasi l’80% dei Labrador non pianga mai, l’8% dei proprietari di Labrador riferisce che i loro Labrador lo fanno. Il 90 percento delle torte non seppellisce mai i giocattoli, mentre il 3 percento lo fa regolarmente. I ricercatori hanno concluso: “Questo dimostra che la personalità canina è una questione molto complessa”.

È necessario più lavoro per svelare i geni dietro il comportamento del cane, ma le nuove scoperte suggeriscono che gli allevatori moderni non hanno avuto un impatto così grande sui nostri cani come pensavamo.

Leggi anche:

Un nuovo studio rileva che è colpa nostra se i cani con gli occhi piccoli ti fanno sciogliere il cuore

Un cane piange dopo aver perso un compagno

Un americano di 43 anni è stato arrestato dopo che la polizia ha trovato quasi 200 animali in un congelatore: “alcuni sono stati sepolti vivi”