QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dall’Algeria all’Italia – Doorbraak.be

Joachim Bolman non è certo uno scrittore. È un ex portavoce della N-VA, un’ala destra di Bart de Weaver e l’attuale capo del gabinetto di John Zamboen. Per un certo periodo ha scritto paragrafi per de Morgan, dove ha punito la sinistra di destra con gioia vergognosa.

Hullebeck fiammingo

Quel film conservatore non ha bloccato i suoi primi due romanzi (Sempre qualcosa Nel 2012 e La propria unione Nel 2016) ha ricevuto molti elogi da critici che erano ideologicamente lontani da lui. Il caporedattore di Nert, Bert Bulding, lo ha anche chiamato “The Flemish Hullebeck” e Joel de Sueler ha descritto il suo secondo libro in de Morgan. Grande romanzo fiammingo Raramente è stato scritto.

Ciò significa che il nuovo lavoro di Pohlmann è atteso con impazienza e acclamato dalla critica. Ora è tutto: orfanotrofio, Un titolo intrigante specifico che il lettore capirà. Il vecchissimo Vittor era il padrino di un piccolo paese italiano dove visse per molti anni sul Potentate. Ha restaurato quell’edificio fatiscente e ha fatto rivivere il vigneto fatiscente, ottenendo vini meravigliosi. Una giovane infermiera lo aiuta, ma Dal suo primo pensiero è chiaro che si è rassegnato alla sua fineSimpatizza con la morte, che chiama “la nostra unica certezza”.

pied noir

Nessuno nel villaggio sa da dove venga Vittor. È nato in Algeria e anche se faceva parte della Francia non ha mai detto a nessuno di essere un cosiddetto “bite noir”. L’amorevole Padrino ha avuto una vita particolarmente violenta. Per proteggere la sua patria dai combattenti per la libertà, si arruolò nell’esercito straniero. Il presidente francese de Gaulle, dopo il suo “Je vous ai compris!” Per la sua anima “non può tradire il tradimento più degli altri”.

READ  Mario Draghi diventa Primo Ministro d'Italia - Mondo

La resistenza del legionario Victor si trasforma in una brutale orgia di omicidi e sangue. Alla fine, come migliaia di altri malati di morsi, dovrà lasciare l’Algeria. Fu in un piccolo appartamento a Marsiglia che si rese conto che sua madre era morta. Vagò per la Spagna e alla fine finì in un villaggio italiano. Lì inizia una nuova vita, ma non riesce a liberarsi del passato. Come il morente Orson Welles Cittadino Kane “Rosebud” mormora con nostalgia del passato e dei perduti, mentre Vittor pronuncia il nome del romanzo della sua ragazza algerina d’infanzia nel sonno. Alla fine si riunisce con lei in modo drammatico.

Orfanotrofio Algeria

In un’intervista con Knock, Bolman afferma che la storia della guerra algerina “ha davvero preso il controllo del mio intero processo di scrittura”. Così facendo, mette subito il dito sui punti di forza e di debolezza del suo romanzo. La descrizione dei turbolenti anni algerini è interessante, soprattutto perché sono scomparsi dalla nostra memoria collettiva. Chi si ricorda che l’Algeria non è realmente una colonia ma fa parte della Repubblica francese?

Il protagonista è Victor, la terza generazione di Bite Noir. I Bite Sicks si resero conto di avere la loro casa in Algeria e divennero orfani della terra che avevano perso dopo la loro fuga forzata in Francia. L’Algeria Francaise È diventata un’illusione perduta, un orfanotrofio.

Ma il lettore è subito d’accordo con il vecchio Vittorio, cosa molto difficile con il combattente Victor. Con il vecchio ci immaginiamo nella sua testa, una sensazione accresciuta dall’urgenza di usare la prima persona al presente. Nei capitoli algerini l’autore si sposta al passato, il che crea un grande distacco. Bolmann fornisce meravigliose descrizioni delle città e delle campagne algerine, affermando che lui stesso era lì o che si era documentato meglio.

READ  Calcio: hanno vinto Germania, Inghilterra e Italia, ma la Spagna ha vinto le qualificazioni ai Mondiali

Ma sembra che Bolman fosse davvero preso dalla storia L’Algeria Francaise, E di conseguenza, non è affatto immerso in ciò che sarebbe stato davvero interessante: la tormentata psicologia di Victor trasforma anche il più prezioso per lui in un robot assassino. È un peccato che l’autore non usi qui lo stesso stile conciso dei vecchi capitoli di Vittorio.

Albert Camus

Il libro ha certamente questo eccellente pregio: fornisce importanti spunti sul corso della Guerra d’Indipendenza algerina. Inoltre, anche coloro a cui piace una metafora con i temi della decolonizzazione, della popolazione e dell’Islam possono vederla. Un personaggio, Bolman, ha persino detto che avrebbero “ripulito” Algeri, il che sembra essere un intervento nelle parole del suo ministro che una volta voleva ripulire Molenbeek.

Bolman non ha espresso alcun giudizio. Nemmeno della sanguinosa e senza speranza esacerbazione della malattia del morso. Nell’intervista di cui sopra, ha citato una dichiarazione provocatoria o sottile di Albert Camus, nato in Algeria: “Se devo scegliere tra la giustizia e mia madre, scelgo mia madre”. Questo libro dovrebbe essere letto tenendo presente questa riflessione sul premio Nobel francese.