QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Danielle ha il morbo di Crohn e ha avuto 14 interventi chirurgici in 4 anni: ‘ero esausta’

Lotta per alcuni mesi fino a quando Crohn prende il pieno controllo della sua vita. Riceve il cibo solo attraverso un tubo – il suo sistema digestivo non può gestire nient’altro – ed è difficile uscire di casa. Danielle: “Dovevo andare in bagno ogni mezz’ora e ho sempre voluto un bagno vicino. Se non potessi, non andrei. Tutto ruotava intorno al dolore e agli ostacoli che derivano dalla malattia. Semplicemente non potevo”. Non essere più spensierati ventenni. “

Stoma

Seguirai almeno quattordici processi nei successivi quattro anni. Inizialmente, una parte del colon viene rimossa, il che significa che Danielle deve convivere con una stomia. Questo dovrebbe dare sollievo al suo tratto intestinale e quindi migliorare, ma non funziona. Le infezioni continuano ad apparire e compaiono problemi con la sua stomia. “Una borsa come questa dovrebbe consentire la libertà di movimento, ma per me si è piegata. La borsa non è più appiccicosa correttamente. Quindi fai un passo e tutto filtra nei tuoi vestiti. Non c’è nessun posto dove andare”, dice.

Viene eseguita una serie di interventi chirurgici di follow-up, inclusa l’amputazione rettale. Dice che è stato un ostacolo. “Poi sceglie una stomia che durerà tutta la vita, quindi rinuncia alla speranza che le cose andranno ancora bene. Era difficile, ma questo retto era la fonte di tutte le infezioni. Doveva solo andare, e non lo era più. realistico per mantenere la speranza “.

Non svegliarti più

Con questa operazione la situazione nel suo intestino migliora, ma la stomia causa ancora problemi. Quando è finita sotto i ferri per la quattordicesima volta alla fine del 2015, Danielle era appena sopra. Fisicamente e mentalmente: “Prima di ricevere l’anestesia, ho detto: se mi sveglio più tardi e la situazione non è migliore, non svegliarmi”. Hai finito in un batter d’occhio. “

READ  Nuove diagnosi rivelano anomalie genetiche "non rintracciabili"

Il personale medico ne fu scioccato e lo consultò immediatamente. “Hanno anche chiamato un chirurgo in pensione, credo. Con una costruzione speciale hanno ricostruito la stomia nel mio stomaco. Con successo, da allora non ho avuto bisogno di un intervento chirurgico. Davvero un miracolo”.

depressione

Questo processo ha posto fine alla maggior parte dei suoi problemi fisici, ma si è rivelato essere l’inizio dei suoi problemi mentali. Quando Danielle si fu riposata e lasciò che tutto affondasse, si rese conto solo di quello che aveva passato. “Durante la malattia, sono stato scortato nel processo, ero vivo. Quando è caduto, mi ha lasciato una vita che non conoscevo. Ho pensato che fosse noioso, vero?” Uno psichiatra mi ha spiegato che questo era vita reale, senza modalità sopravvivenza Vita e adrenalina. Quando sono entrato in possesso di Crohn, la battaglia con me stesso è iniziata davvero.

“Potevo solo guardare quello che non avevo”, continua. “Nessun rapporto, non abbiamo mai vissuto insieme, nessuna possibilità di avere figli. Pensavo che sarei sempre stato solo, nessuno sta aspettando una ragazza con una borsa sullo stomaco. Non voglio chiamarla depressione, ma io ‘ Sono stato depresso e depresso per molto tempo. Alla fine, per aptonomia, mentre seguivo un corso di formazione, sono tornato a chiamare me stesso “.

Leggi anche
Natalie ha la sindrome da stanchezza cronica: ‘non sono stanca, ma sono esausta’

Aiuto psicologico

Condivide la sua storia ora perché crede che sia importante anche evidenziare adeguatamente il lato mentale delle malattie croniche. “Ho ricevuto l’aiuto di un assistente sociale in ospedale, ma non vedevo che ne avevo davvero bisogno”, dice Danielle. “Ero preoccupato per il dolore e sono stato in grado di resistere a quell’aiuto psicologico abbastanza facilmente. In effetti, dovrebbero essere proprio accanto al tuo letto e iniziare una conversazione in modo accessibile. A proposito anche con i membri della famiglia, perché un tale la diagnosi li affligge così gravemente “.

READ  Trova la riabilitazione domiciliare dopo l'infarto del miocardio

Affrontare la malattia di Crohn non è facile, ma Danielle vuole dire agli altri che è possibile. “A volte vuoi rinunciare; dai spazio a quei sentimenti. Siedi in un sacco e cenere per un po ‘, ma poi riprenditi. Sii flessibile, parla con le persone. Puoi gestirlo meglio insieme che affrontarlo da solo.”