QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

De Bleeker vieta la vendita di assicurazioni ingannevoli per smartphone e tablet | Economia

Sono vietate polizze assicurative ingannevoli per smartphone e altri dispositivi multimediali. Il Segretario di Stato per la protezione dei consumatori, Eva de Bleecker (Open VLD), vuole garantire che i consumatori non possano essere fuorviati quando acquistano dispositivi mobili.

Il motivo del divieto è stato un torrente di lamentele all’inizio di quest’anno su Switch, l’allora distributore di prodotti Apple. Presumibilmente, chiunque abbia acquistato uno smartphone, un tablet o un altro dispositivo mobile da Switch ha ottenuto un’assicurazione gratuita di alcuni mesi. Con un tale acquisto, i consumatori dovevano fornire il proprio numero di conto e firmare alcuni documenti sotto forma di cashback. Alla fine, si è scoperto che di conseguenza hanno sottoscritto una polizza assicurativa a lungo termine che è diventata esigibile dopo il periodo gratuito.

imbroglione

Gli ispettori della FSMA e della Financial Services and Markets Authority hanno indagato su tutti i reclami e hanno concluso che era stata commessa una frode. Hanno immediatamente vietato a Switch di vendere prodotti assicurativi, dopodiché Apple ha interrotto la sua collaborazione con la catena di vendita al dettaglio.

Nel frattempo, sono iniziati i lavori legislativi per garantire che questi prodotti ingannevoli non potessero essere venduti in futuro. Ciò ha ora portato a un decreto reale con il quale de Bleecker, con i colleghi Pierre-Yves Dermann (PS) e Vincent van Bettieghem (CD&V), ha ancorato i regolamenti alla legislazione.

“È stato condensato senza scrupoli per troppo tempo.”

I principi generali di assicurazione non sono interessati dall’acquisto di un dispositivo multimediale. Tuttavia, ci sono limitazioni assicurative in quanto il consumatore è esentato dal pagamento di un premio nei primi mesi e poi improvvisamente deve affrontare premi più elevati.

READ  Le azioni subiscono un duro colpo dopo l'annuncio dell'aumento dei tassi di interesse

“Come consumatore, hai tutto il diritto di sapere cosa compri e quanto costa. I venditori che non rispettano questo obbligo sono stati in grado di frodare i consumatori senza scrupoli per troppo tempo. Fortunatamente, questo regio decreto garantisce che tali situazioni siano ora una cosa del passato e che i consumatori possono acquistare solo prodotti di cui possono decidere da soli di cui hanno bisogno”, ha affermato de Bleecker.