QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

De Croo dovrebbe liberarsi della sua wish list da 3,3 miliardi

Per sostenere il Belgian Investment Board, le sette parti di Vivaldi hanno presentato congiuntamente 43 progetti per un valore di 3,3 miliardi al primo ministro Alexandre de Croo (Open VLD). Si prevede che rimanga 1 miliardo.

Mentre il budget è fermo sangue rosso Due anni dopo la crisi di Corona, socialisti e verdi chiedono uno sforzo in più nei prossimi anni per compiere la transizione climatica e non perdere il treno della digitalizzazione. Il piano di rilancio di quasi 6 miliardi di dollari, finanziato con fondi europei, non basta per portare il tasso di investimento pubblico al 3,5% del Pil entro il 2024, come promesso dalle parti di Vivaldi nell’accordo di coalizione. Secondo PS Thomas Dermine, Segretario di Stato, ciò richiederà un’ulteriore ondata di investimenti tra 1,5 e 2 miliardi di dollari nei prossimi tre anni.


Vogliamo aiutare la Vallonia, ma nel rispetto delle regole attuali. Dare solo 600 milioni non è vero nei confronti delle Fiandre.

Egbert Lashar

Apri capo VLD

CD&V e i partiti liberali hanno meno voglia di frugare nelle tasche e preferirebbero iniziare con la ristrutturazione del budget, anche attraverso il mercato del lavoro e le riforme fiscali. De Croo vuole coniugare investimenti e riforme con un piano di ripartenza e transizione. Ma prima di tutto sarà un vigoroso ciclo di diserbo. Tutti i partiti di governo hanno riunito 43 progetti per un valore di 3,3 miliardi di euro.

Dall’isolamento alla sicurezza informatica

I partiti francofoni sono i più grandi stronzi. Ad esempio, il sottosegretario di Stato all’Agenzia per l’edilizia Matteo Michel (MR) ha chiesto 700 milioni di euro per la ristrutturazione attiva degli edifici governativi. Ps Il ministro Ludivine Dedonder vuole fare lo stesso con gli edifici della difesa per 500 milioni di euro. Il ministro della Mobilità Georges Gilkinet (ECOLO) spera di investire più di 700 milioni di euro nell’espansione del trasporto merci su rotaia, nell’accesso alle stazioni ferroviarie e nell’asse Bruxelles-Lussemburgo.

READ  Un tumulto per un video "down" dei colleghi politici di Ben Waits

Il ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten (Verde) vuole continuare a concentrarsi sull’espansione della rete dell’idrogeno, dell’eolico offshore e della tecnologia pulita (75 milioni). Il ministro della Giustizia Nordy Vincent van Quekenborn ha 150 milioni di progetti di desalinizzazione e acquacoltura e vuole investire più di 300 milioni in centri di detenzione a breve termine. Ancora una volta, Dedonder vuole investire 100 milioni di dollari nella sicurezza informatica. Il ministro della Sanità Frank Vandenbroek (Forweet) ha fornito quasi 130 milioni di euro in progetti relativi alla digitalizzazione della sicurezza sociale, alla banca dei virus e all’assistenza terapeutica per i giovani. Il ministro degli Interni Annelies Verlinden (CD&V) vuole investire 150 milioni di dollari nella digitalizzazione di i-Police. Il suo collega di CD&V Vincent van Bettieghem ha richiesto a Finance 53 milioni per la digitalizzazione doganale e 11 milioni per la sicurezza informatica.

Ricostruire la Vallonia

Oltre a questi progetti di investimento, ci sono anche richieste, ad esempio, da Tinne Van der Straeten per un’estensione temporanea della tariffa sociale per gas ed elettricità, che costa 200 milioni. Inoltre, il Partito Socialista chiede un investimento federale di 600 milioni di euro per la ricostruzione della Vallonia. Su VTM Nieuws, il presidente dell’Open VLD Egbert Laschert ha chiarito che il suo partito non pensa che questa sia una buona idea. “Vogliamo aiutare la Vallonia, ma entro le regole”, ha detto il liberale, riferendosi alla riduzione dell’Iva per la ricostruzione e alle garanzie sui prestiti. “Solo una distribuzione di 600 milioni non è giusta verso le Fiandre”.