QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

De Croo: “Siamo già in crisi profughi, ma ad essa si presta meno attenzione” | interno

Il primo ministro Alexandre de Croo (Open VLD) ha risposto al programma di dibattito “De Afspraak op Friday” (Canvas) a I problemi dell’accoglienza dei richiedenti asilo nel nostro Paese. Il premier ha ammesso: “Siamo effettivamente in una crisi di rifugiati, ma ci si presta meno attenzione, perché ora ci sono altre due o tre crisi”.


York Dupont


Ultimo aggiornamento:
14-10-22, 23:00


fonte:
Copertura speciale, VTM NIEUWS, “L’appuntamento è venerdì”, Belga

Non è un problema solo per il Belgio, sottolinea de Croo. “Non è una scusa, ma non siamo l’unico paese in Europa che sta attraversando momenti difficili. Se guardi ai Paesi Bassi, il problema è molto più grande lì. Ci sono gli stessi problemi in Germania e Austria. Siamo in una situazione con molti rifugiati”, ha detto a Evan de Vader.

Il gabinetto principale del governo federale ha deciso venerdì di assumere 150 funzionari dei servizi del governo federale per aiutare Fedasil a gestire centri di accoglienza per richiedenti asilo. Il ministro del servizio civile Petra de Satter (verde) non ha escluso il trasporto obbligatorio davanti alla telecamera del VTM NIEUWS. Guarda l’intervista di questa mattina qui sotto.

Secondo de Croo, “Con una settantina di persone puoi salvare circa 1.500 posti”. Tuttavia, secondo lui, non è molto chiaro trovare dipendenti. Coinvolgere i militari, ad esempio, non sarà sempre così semplice. Spesso si riferisce anche a persone che hanno vissuto cose orribili, ha detto. È quindi importante trovare dipendenti pubblici con le competenze sociali necessarie.

camere d’albergo

perché lì Giovedì Non c’era posto per 125 persone in famiglia, comprese donne e bambini, che venivano accudite in una stanza d’albergo. Venerdì c’era abbastanza spazio per famiglie e minori non accompagnati, ma Fedasil ai nostri redattori ha assicurato ai nostri redattori che c’era ancora È una lista d’attesa di 3.500 uomini single aventi diritto al rifugio.

READ  Un incidente in un complesso nucleare iraniano, il regime parla di una terra ...

Giovedì il Partito dei Verdi, che fa parte del governo federale, ha sostenuto di prendere in considerazione l’idea di alloggiare i richiedenti asilo vulnerabili negli hotel, ma il primo ministro afferma che questa “non è una buona soluzione per diversi motivi”.

“So che un certo numero di ONG ne ha beneficiato in situazioni di emergenza, ma non è una soluzione e lo hanno fatto senza l’approvazione del Gabinetto”, ha affermato il Segretario di Stato per l’asilo e l’immigrazione Nicole de Moore (CD&V). Corvo dentro Appuntamento del venerdì.

Venerdì a Vidasil c’era abbastanza riparo per famiglie e minori, in lista d’attesa circa 3.500 persone

125 persone soccorse all’ultimo minuto di una notte in strada

Il quartiere di Klein Castelljee geme sotto l’afflusso di profughi: “balconi, ponti, porte, tutto è pieno di sera”