QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

De Winter sta arrivando: “Il miglior talento, ma la forza di volontà determina se avrà successo” | Champions League

Ora che la Difesa dei Demoni è gradualmente allo stremo, attendiamo con impazienza la successione di Vertonghen, Vermaelen e co. Ieri sera un nuovo candidato si è presentato con la diciannovenne Connie de Winter. Jackie Mathiesen, il suo allenatore nella riserva belga, e Yorick Vandenderich, l’ex coordinatore delle giovanili dello Zulete Wargem, conoscono de Winter dall’interno.

1. Come è iniziato?

Connie de Winter, con sede ad Anversa, è diventata la seconda belga (dopo Dauda Peters) ieri sera a indossare la maglia della Juventus in una partita ufficiale.

“Ho pensato che fosse bello, in sua presenza”, dice Joric Vandendriessche, che ha lavorato con De Winter nella gioventù Zulte Waregem, a Sporza.

“Era in grado di giocare a calcio in modo rapido e preciso sotto la pressione del Chelsea, era giocabile e non perdeva mai la palla. Era anche forte in fase difensiva e vinceva le sue partite aeree. All’epoca non era chiaro quando aveva 19 anni. Il livello, la profondità del gioco, subito per riprendere il ritmo della competizione”.

Non finisci in panchina alla Juventus. Devi forzarlo.

Jacqui Matijsen (allenatore della nazionale under 23)

“Naturalmente non possiamo trarre grandi conclusioni da quei 10 minuti”, afferma Jackie Mathiesen, allenatore della nazionale belga Promises. “Doveva ricoprire il ruolo di terzino destro, non proprio il suo ruolo. Lo vedo crescere invece come difensore centrale. Sarebbe un gesto da parte dell’allenatore principalmente per il lavoro che ha svolto in queste settimane”.

“Ma non finisci solo sulla panchina della Juventus. Lo ha dettato lui stesso. Penso che quei 10 minuti siano meno importanti di tutto il lavoro che è venuto prima, in allenamento e nelle partite delle giovanili bianconere, che giocano in Serie UN.”

“Sono particolarmente felice di essere me stesso”, dice Vandendriessche. “Ha circa 20 anni e quindi è importante aumentare le tue chance, anche in un club come la Juventus. È bello che ce l’abbia, anche in partite come questa. Dimostra che alla Juventus credono in lui”.

2. “La Nuova Compagnia”?

Quando Mathiesen e Vanendreich descrissero le qualità di Connie de Winter, parole come coraggio, catarro, presenza, eleganza, grazia, persona distinta… furono fatte in Inghilterra, e presto furono fatte.

Vandendriessche: “In Italia è diventato un calciatore più completo, prima era più lassista in difesa. ultimo terzoE ora sta guidando anche lì. È chiaro che la scuola calcio italiana, dove la difesa è una professione in sé, gli ha giovato”.

“Capisco il paragone con Kompany, perché è anche un difensore alto ed elegante. Ma è troppo pericoloso paragonare qualcuno a questo giocatore eccezionale.

“Quindi lascia perdere per un po’ quei grandi paragoni e superlativi”, dicono Vandendrichi e Mathiesen quasi all’unisono. “Bisogna portare la pace intorno, e questa è una delle sfide principali al momento”.

Capisco il paragone con Kompany, ma è troppo pericoloso paragonare qualcuno a un livello così straordinario.

Joric Vandendriessche (Coordinatore sportivo Essevee)

“C’è ancora molto da fare”, afferma Matissen. “Non voglio alzare l’asticella per gli uomini che hanno appena iniziato la loro carriera. Tale confronto è spesso un peso aggiuntivo”.

“Ma è senza dubbio un ragazzo con molte qualità e attualmente sta facendo un ottimo lavoro sviluppandole. Sono felice e orgoglioso di poterlo aiutare in questo sviluppo”.

“Se uno dei tuoi ospiti può giocare 10 minuti con una squadra come la Juventus, sei molto contento. Felice anche che ti ci sei messo. Ripensi alle conversazioni che hai avuto con lui. Una piccola percentuale, ma loro potrebbe aver contribuito a qualcosa”.

3. Lo sostituirà alla Juventus?

Connie de Winter ha scelto di lasciare Scholt Wargem per la Juventus all’età di 16 anni. Diversi talenti belgi lo hanno preceduto in uno dei maggiori club europei, ma alla fine non sono riusciti a sfondare. Perché dovrebbe essere diverso ora?

“Quando mi ha informato in una conversazione personale con suo padre all’epoca che non aveva accettato la nostra proposta di rimanere con Isefi, siamo rimasti molto delusi”, afferma Vandenderich. “Dopotutto, era un giocatore importante nella nostra rinnovata visione giovanile”.

“Ma il La delusione si placò rapidamente quando, alla fine di quella conversazione, lei… Segretamente ha scelto la Juventus perché sin da bambino era il club dei suoi sogni. Ho visto la felicità nei suoi occhi, è stato così bello vederla. ”

“Ha fatto la scelta più difficile perseguendo il suo sogno lontano dalla sua famiglia, in una lingua che non conosceva. Molti giovani ‘talenti’ promettenti lo hanno accettato e sono diventati soli o tristi lontano dalla sua terra natale. È sopravvissuto”.

“Vero o falso, è la professione che lo decide. Se hai visto il suo sviluppo ora, dovrebbe essere chiaro che questa è stata la scelta giusta per lui”.

Quale posto migliore della Juventus, dove ogni giorno puoi rubare gli occhi a Chiellini e Bonucci?

Jackie Mattijsen

Jackie Mathisen non vede alcun problema. “Dove si trova meglio? A 19 anni può giocare a ‘calcio per adulti’ ogni settimana in terza divisione. I giovani giocatori non hanno questo aspetto qui in Belgio, anche se vogliamo andare lì”.

In più può rubare ogni particolare allenamento a ragazzi come Bonucci e Chiellini. Chi ha questo privilegio? Chi proverebbe a poter sedere nello spogliatoio della Champions League con quel tipo di cilindro? Anche se perdi 0-4, anche questa è una cosa.” Impari da lui.”

“Non deve ancora giocare con questi ragazzi al di fuori della squadra. Finché può giocare una partita ogni fine settimana. Avrei avuto più problemi se non avesse potuto prendere minuti, come hanno fatto alcuni degli altri giocatori dell’U23 . Di conseguenza, il suo margine di crescita è più ampio. anche”.

4. Lo vedremo presto con i Red Devils?

È chiaro da tempo che i Red Devils hanno bisogno di sangue fresco, soprattutto dietro, visto che il Mondiale in Qatar potrebbe essere il loro ultimo grande torneo per Vertonghen, Alderweireld e Vermaelen. L’anno scorso ragazzi come Faes, Bornauw, Delcroix, Theate e Vanheusden hanno fatto il provino, ma possiamo aggiungere presto il nome Koni De Winter a quella lista?

“Non possono venire e portarmi via tutti adesso”, ha promesso l’allenatore delle battute Jackie Mathisen. Quando si tratta delle opportunità di promozione di De Winter, gli piace segnalare una recente rubrica di René Vandereycken. “Ha scritto che è quasi certo dell’attuale generazione di promesse che due giocatori arriveranno in prima squadra: Amadou Onana van Lille e Kone de Winter”.

“Rene è uno con molta esperienza internazionale, molto più di me. Chi sono io per contraddirlo? De Winter è comunque coinvolto nel progetto con i ragazzi che sono inseguiti anche in prima squadra”.

“Vedo sicuramente due giocatori qualificarsi in prima squadra: Onana van Riysel e Kone de Winter”, ha detto Rene Vanderiken.

Jackie Mattijsen

Joric Vandendriessche è contento che con Pletinckx, Mvom, Zaroury e anche De Winter 4 (ex) Zulte Waregem i giocatori appartengano al cuore delle promesse. “È stato bello vedere un quartetto in azione all’Elindus Arena, ma ci godiamo anche i loro successi attuali. Comunque, sono un’ispirazione per le generazioni future”.

“De Winter è anche una delle persone più giovani a mantenere le nostre promesse, e questo indica il meglio per il futuro. Ma la sua forza di volontà e l’etica del lavoro determineranno se un giorno potrà diventare un diavolo rosso permanente”.

“Fondamentalmente è tutto lì che quel giorno arriverà un giorno, ma rimane una strada difficile da sfondare come giovane belga sul podio più alto”.

Ieri de Winter è stato uno dei pochi juventini ad aver salutato i tifosi dopo la partita

READ  Il coronavirus tiene lontani i Jelly Jeans da triathlon dal (per ora) triathlon olimpico