QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Decisione finale: la stazione di servizio di Vilvoorde non otterrà un permesso, lo farà Tsinderloo

Engie/Electrabel è ora finalmente autorizzata ad abbandonare i piani per costruire una centrale elettrica a gas a Vilford.

Engie/Electrabel ha già ricevuto una telefonata ravvicinata sulla centrale a gas da 875 MW di Vilford, principalmente perché le emissioni di ammoniaca della centrale proposta erano così elevate. Sia la contea di Velmis Brabant che il ministro dell’Ambiente Zuhal Demir (N-VA) hanno respinto la domanda di licenza, a causa della quale Vilford non ha potuto competere nell’asta per sovvenzionare centrali elettriche a gas e altre centrali elettriche dal 2025, la cosiddetta CRM.

La società ha presentato una nuova richiesta per ridurre le emissioni di ammoniaca del 61 percento, ma anche questa ha ora ricevuto una decisione negativa. “Sebbene le emissioni di ammoniaca siano state notevolmente ridotte in entrambe le bobine dopo il precedente rifiuto della bobina, la revisione tecnica mostra che Engy non sta utilizzando BAT per ridurre al minimo le emissioni”, afferma Demir. La centrale elettrica a gas più leggera emetterà più della centrale elettrica più pesante di Tessenderlo, che utilizza la tecnologia migliore e più innovativa.

Il regolatore dell’energia Craig: “La bolletta energetica per la famiglia media può salire a 6.200 euro all’anno”

La centrale a gas di Tessenderlo, anch’essa respinta, riceverà un’autorizzazione. Nella bobina originale, la centrale da 900 MW emetterebbe 344.000 kg di ossidi di azoto e 103.000 kg di ammoniaca. Grazie all’uso di nuove tecnologie, questo è ora ridotto a 298.000 kg di ossidi di azoto e 30.000 kg di ammoniaca, afferma Demir. Si tratta di una riduzione del 70 per cento delle emissioni di ammoniaca.

TDS, tuttavia, sarà soggetto a una serie di rigorose condizioni preliminari. Ad esempio, l’azienda deve assicurarsi di essere climaticamente neutra entro il 2040 e avrà il compito di raggiungere un totale di 30 ettari di foresta aggiuntiva, di cui 12 ettari continui entro i primi due anni.

READ  Le turbine sono l'ultima risorsa in caso di interruzione di corrente

“Ho sempre detto che avrei valutato i file in base al loro contenuto e dato la responsabilità”, afferma Demir. Se fossi sicuro che saremmo rimasti nel settore dell’energia nucleare, non ci sarebbe bisogno di un permesso e non sarebbero necessari permessi aggiuntivi. Nemmeno quelli di Tessenderlo. Ma Groen ha sapientemente distrutto il fascicolo sull’energia nucleare e le possibilità di un’interruzione di corrente sono aumentate notevolmente.

Engi reagisce con delusione e vuole approfondire l’esatto motivo del ministro Demir. Perché l’azienda ritiene di aver sufficientemente modificato i suoi piani originali.