QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Denuncia contro il piano delle banche di ridurre le dimensioni degli sportelli automatici

L’associazione senza fini di lucro Financité ha presentato una denuncia all’autorità belga della concorrenza contro due nuove reti interbancarie di sportelli automatici. Questa organizzazione non profit sta combattendo da tempo il ridimensionamento di quella rete.

La denuncia di Financité è contro Batopin – una società per azioni i cui azionisti sono le quattro maggiori banche del paese, BNP Paribas Fortis, KBC, ING e Belfius – e Jofco, una cooperativa di istituzioni più piccole, come Argenta, AXA Bank e Bpost. L’associazione no profit definisce “incomprensibile” che tali società “orientate a ridurre notevolmente il servizio all’utenza, possano presentarsi senza alcuna restrizione”.

Macchine neutre

L’anno scorso, Batopin ha annunciato la sostituzione degli oltre 5.000 bancomat attualmente installati nelle filiali delle banche dei suoi azionisti con da 2.000 a 2.400 bancomat “neutri” in 650-750 sedi entro un raggio di 5 chilometri intorno alla casa per il 95% dei clienti. Residenti e entro un raggio massimo di 10 km intorno alla casa per il 98 per cento della popolazione. La finanza, che sta lavorando per una maggiore inclusione finanziaria, si oppone a questo piano.

Ora sembra che Financité stia legalmente cercando di impedire l’attuazione di tale piano attraverso un’azione con l’autorità belga della concorrenza. “Eravamo preoccupati per le due iniziative lanciate nel 2019 e nel 2020 per la gestione interbancaria delle reti ATM”, ha affermato la ricercatrice Anne Felley di Financité. Sera. “Dopo l’indagine, abbiamo concluso che nessun fascicolo è stato presentato all’autorità belga per la concorrenza prima della costituzione di queste due società, il che ci sembra essere contrario alla legge in questo settore”.

READ  Un sindacato socialista vuole abbassare l'età del pensionamento anticipato a 58 anni L'interno

Anche Finance definisce i due progetti una “pratica anticoncorrenziale”.