QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Deportata in Italia la “donna afgana dagli occhi verdi”

1985 Ritratto di un’iconica “donna afgana dagli occhi verdi” Geografia nazionale-La copertina è tornata ad essere un rifugiato. Il governo di Mario Tracy ha annunciato giovedì di essere stato trasferito in Italia.

Sharfat Kula è stato fotografato in un campo profughi al confine tra Afghanistan e Pakistan nel 1984, dove è rimasto con la sua famiglia quando aveva 12 anni. Ora è di nuovo fuori dall’Afghanistan, questa volta con le sue figlie.

Dopo che i talebani sono saliti al potere, la situazione di Kula e della sua famiglia è diventata gradualmente insopportabile. Così ha chiesto al governo italiano di ottenerli. Un portavoce del presidente del Consiglio Mario Draghi ha detto dopo la sua visita a Roma giovedì che era successo. Ha intenzione di rimanere in Italia per i prossimi anni. Il governo italiano aiuterà a coordinarla, ha detto Draghi.

Il volto di una catastrofe

La fotografia di Kula del fotografo di guerra Steve McCurry è apparsa sulla copertina della rivista nel 1985. Geografia nazionale E presto è diventato uno dei film più popolari nella storia della fotografia delle riviste. La giovane dagli occhi verdi divenne il ‘volto’ di una catastrofe umanitaria: milioni di civili afgani dovettero fuggire in quegli anni in cui l’Unione Sovietica invase il Paese.

Dopo molti anni di ricerche, McCurry l’ha trovata nel 2002 e di nuovo il suo ritratto è apparso sulla copertina. Geografia nazionale. Bassa luminosità, ma ancora quegli occhi verdi intensi.

Si nasconde in Pakistan

La terza fotografia conosciuta di Sharpat Kula è un makshat. Si è nascosto in Pakistan nel 2014, dove ha vissuto per molti anni. È rimasta lì con documenti falsi ed è stata condannata a quattordici anni di carcere e una multa di $ 5.000 per quella “truffa d’identità”.

READ  L'Italia è ottimista contro il pass Corona
“Mc Shot” di Kula.
Foto: afp

Nel 2016, pochi giorni prima del suo ritorno in patria, è stato catturato e deportato a Kabul. L’allora presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani l’ha accolta a braccia aperte e ha promesso di fornire assistenza finanziaria. Pochi mesi dopo, le consegnò ufficialmente le chiavi di una nuova casa.

“Spero che il governo mantenga tutte le sue promesse”, ha detto all’epoca. scrive BBC. “Voglio essere proprio qui. Spero che ci sarà pace in questo paese”. Come molte donne afgane, Kula ha dovuto seppellire quella speranza.