QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dieci anni di carcere per un carro armato russo che ha sparato a un condominio in Ucraina | All’estero

Un tribunale ucraino ha condannato un carrista russo a 10 anni di carcere per aver bombardato un condominio. Questo è ciò che dice il servizio di sicurezza ucraino. Il tribunale di Chernihiv ha condannato Mikhail Kulikov per “violazione delle leggi di guerra”. Il sergente è stato imprigionato dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Secondo la SBU, è stato stabilito che il carrista ha attraversato il confine con la Bielorussia e ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Quindi si è trasferito attraverso un’area gravemente devastata fino al capoluogo regionale.

“Il 26 febbraio ha eseguito un ordine del suo comandante e ha bombardato un condominio di 11 piani. Dentro c’erano molti civili. Diversi appartamenti sono stati gravemente danneggiati”. Poco dopo, il carro armato fu sequestrato e il sergente arrestato.

Dall’ergastolo a 15 anni di carcere

A maggio, i pubblici ministeri ucraini hanno condannato un sottufficiale russo (21) all’ergastolo per l’omicidio di un civile, pena ridotta in appello a 15 anni di reclusione. È il primo soldato russo ad essere condannato per crimini di guerra dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Due soldati accusati di aver attaccato con missili due villaggi vicino a Kharkiv sono stati imprigionati 11 anni fa. Molti altri soldati sono ancora in attesa di processo o giudizio nel loro caso.

Leggi anche: Mentre la Russia attacca la centrale nucleare ucraina: quanto è probabile Chernobyl 2.0? “Non è escluso, ma oggi i provvedimenti sono più decisivi” (+)