QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diffonde speranza a Milano: tornano dal vivo i big della sfilata italiana – fashion

A due anni dall’epidemia, a Milano si svolge un’altra fashion week.

Per la prima volta in due anni Milano pullula di modelle, fotografi, giornalisti di moda, buyer e celebrità ospiti. Tutti pronti a scoprire le ultime opere di Gucci, Fendi e Giorgio Armani ei primi passi del marchio automobilistico Ferrari nella moda.

Da quando il Covid-19 ha colpito l’Italia nel febbraio 2020, il dipartimento ha dovuto occuparsi di video preregistrati o trasmessi in streaming. Sono diventati l’ombra dei soliti spettacoli di lusso che i grandi marchi organizzano per prendersi cura di se stessi. L’epidemia ha portato alla chiusura degli stabilimenti e al calo delle vendite, ma l’industria della moda italiana è determinata a riconquistare quote di mercato pre-Kovit.

Lo dimostrano i 58 live in corso a Milano. Carlo Cabasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), li vede come un “forte segnale di ottimismo e positività”, che dà al settore un nuovo slancio.

L’intera agenda

Tutti gli occhi sono puntati su Gucci, precursore della civiltà italiana. L’etichetta è ancora un po’ sorprendente perché è ancora all’ordine del giorno: il direttore creativo Alessandro Michael Corona ha annunciato di voler abbandonare le sfilate stagionali poco dopo l’epidemia e di voler mostrare i suoi tempi e i suoi luoghi solo due volte l’anno. propria scelta..

Il debutto della Ferrari nel mondo della moda domenica è atteso con impazienza, così come la prima collezione per Poteca Venetta dello stilista francese Matthew Blaze, dopo che il britannico Daniel Lee ha sorprendentemente viaggiato altrove a novembre. Già mercoledì è stata la volta dell’azienda italiana di jeans Diesel. Prima di allora, il designer belga Glenn Martens ha sfoggiato la sua seconda collezione.

READ  Re Filippo ha incontrato a Roma il Presidente Materella e il Primo Ministro Draghi

Omigron

Tuttavia, non sono state fatte osservazioni critiche. Ad esempio, la variante Omikron continua a destare preoccupazione in tutto il mondo. Una fitta agenda internazionale attende gli ospiti della Fashion Week: dopo aver già visitato New York e Londra, presto arriveranno Parigi e Berlino. D’altra parte, vale anche la pena notare che Corona non è del tutto un ricordo del passato: Tom Ford ha dovuto annullare la sua sfilata a New York perché la sua collezione non è stata completata a causa dell’influenza di Omigron sul suo team di design americano. Dipendenti della Fabbrica Italiana di Abbigliamento. .

Secondo CNMI, la moda italiana e le sue filiali dovrebbero generare 83,83 miliardi di fatturato entro il 2021, con un aumento del 20,9% su base annua. Tuttavia, quel numero è inferiore del 7,8% rispetto al 2019.

Per la prima volta in due anni Milano pullula di modelle, fotografi, giornalisti di moda, buyer e celebrità ospiti. Tutti pronti a scoprire le ultime opere di Gucci, Fendi e Giorgio Armani ei primi passi del marchio automobilistico Ferrari nella moda. Da quando il Covid-19 ha colpito l’Italia nel febbraio 2020, l’industria ha dovuto realizzare video preregistrati o trasmessi in streaming. Sono diventati l’ombra dei soliti spettacoli di lusso che i grandi marchi organizzano per prendersi cura di se stessi. L’epidemia ha portato alla chiusura degli stabilimenti e al calo delle vendite, ma l’industria della moda italiana è determinata a riconquistare quote di mercato pre-Kovit. Lo dimostrano i 58 live in corso a Milano. Carlo Cabasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), li vede come “un forte segnale di ottimismo e positività che darà nuovo slancio al settore”. Occhi puntati su Gucci, il fiore all’occhiello della moda italiana. L’etichetta è ancora un po’ sorprendente perché è ancora all’ordine del giorno: il direttore creativo Alessandro Michael Corona ha annunciato di voler abbandonare le sfilate stagionali poco dopo l’epidemia e di voler mostrare i suoi tempi e i suoi luoghi solo due volte l’anno. Dopo che il britannico Daniel Lee ha sorprendentemente viaggiato altrove a novembre, domenica è atteso il debutto della Ferrari nel mondo della moda, così come la prima collezione dello stilista francese Mathieu Blaze per la Poteca Venetta. Già mercoledì è stata la volta dell’azienda italiana di jeans Diesel. Prima di allora, il designer belga Glenn Martens ha sfoggiato la sua seconda collezione. Tuttavia, non sono state fatte osservazioni critiche. Ad esempio, la variante Omikron continua a destare preoccupazione in tutto il mondo. Una fitta agenda internazionale attende gli ospiti della Fashion Week: dopo aver già visitato New York e Londra, presto arriveranno Parigi e Berlino. D’altra parte, vale anche la pena notare che Corona non è del tutto un ricordo del passato: Tom Ford ha dovuto annullare la sua sfilata a New York perché la sua collezione non è stata completata a causa dell’influenza di Omigron sul suo team di design americano. Dipendenti della Fabbrica Italiana di Abbigliamento. . Secondo CNMI, la moda italiana e le sue filiali dovrebbero generare 83,83 miliardi di fatturato entro il 2021, con un aumento del 20,9 per cento all’anno. Tuttavia, quel numero è inferiore del 7,8% rispetto al 2019.

READ  Due morti in un incendio in Italia