QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diminuzione della cognizione nei pazienti di Alzheimer a causa di un alterato flusso sanguigno cerebrale

Nella malattia di Alzheimer, è stato a lungo sospettato che i cambiamenti nel flusso sanguigno cerebrale nel tempo abbiano un ruolo nel decorso della malattia. Numerosi studi sono stati condotti in tutto il mondo che non lo dimostrano in modo definitivo. Questi studi erano relativamente piccoli e quindi potrebbero mancare di potere statistico. Dopotutto, più dati raccogli, più forti saranno le statistiche. Quindi i ricercatori di Radboudumc hanno combinato cinque studi comparabili e hanno analizzato questo set di dati aggregati più ampio.

Ingrandisci

“Nella nostra analisi, ora vediamo una chiara associazione tra la riduzione del flusso sanguigno cerebrale e il deterioramento della funzione cerebrale”, afferma il dottorando Ralph Wiggs. “Nelle persone sane, il flusso sanguigno diminuisce con l’avanzare dell’età, dallo 0,1 allo 0,5 per cento all’anno. Tuttavia, nei malati di Alzheimer si osserva una diminuzione da tre a dieci volte maggiore. Inoltre, i test di memoria mostrano che esiste un’associazione con un diminuzione delle funzioni cognitive.

A proposito, non tutte le aree del cervello mostrano la stessa diminuzione del flusso sanguigno. “La riduzione del volume dell’intero cervello non è così grande, motivo per cui non è stata trovata in precedenti studi individuali”, spiega Wiggs. “Ma se ingrandiamo, vediamo che in alcune aree del cervello il flusso sanguigno non è né ridotto né leggermente ridotto, e in altre aree è chiaramente in diminuzione. Ciò indica che la diminuzione del flusso sanguigno cerebrale, che si vede attraverso il cervello, è Il risultato di una diminuzione del flusso sanguigno in alcune aree sono le regioni cerebrali più piccole, che sono generalmente strutture associate alla memoria e alle prestazioni dei compiti, che sono state collegate al morbo di Alzheimer in studi precedenti”.

READ  Barendrecht Dagblad | Quasi 9 persone anziane su 10 sono state vaccinate, ed è meno entusiasta dell'ORC

La gallina o l’uovo?

Ora, la domanda importante con cui molti ricercatori dell’Alzheimer sono alle prese da molto tempo è: prima sorge uno scarso flusso sanguigno e questo causa danni al cervello e quindi il morbo di Alzheimer? O il danno cerebrale si verifica prima e ha un effetto negativo sul flusso sanguigno? È come, ‘Chi è venuto prima, la gallina o l’uovo? “Non ne siamo ancora sicuri, ma il nostro studio fornisce nuove intuizioni”, afferma Dick Thiessen, professore di fisiologia cardiovascolare.

I ricercatori hanno escluso che la diminuzione del flusso sanguigno sia un processo generale ed è presente in tutti nella stessa misura. Quindi credono che il danno cerebrale si verifichi per primo, ad esempio a causa dell’accumulo di una proteina nelle cellule cerebrali tipica del morbo di Alzheimer. Questo danno porta quindi a una riduzione del flusso sanguigno. Thijssen: “Se inizialmente fosse causato dal flusso sanguigno, ti aspetteresti più della stessa diminuzione del flusso sanguigno in tutte le aree del cervello, ma non lo vediamo. La diminuzione è particolarmente visibile nelle aree del cervello che sono coinvolto nell’Alzheimer”.

piccolo movimento

Il geriatra clinico Jürgen Claassen aggiunge: “La domanda chiave rimane: la riduzione del flusso sanguigno è una logica conseguenza della ridotta domanda da parte del tessuto cerebrale danneggiato? O i vasi cerebrali sono danneggiati nelle aree in cui il danno cerebrale e il flusso sanguigno sono attivi? Queste aree diminuiscono di conseguenza. Sempre di più?” Per quanto riguarda quest’ultimo, ultimamente ci sono sempre più indizi in arrivo”.

Il ridotto flusso sanguigno cerebrale nella malattia di Alzheimer fornisce nuovi indizi per il trattamento. Thijssen: “Sappiamo che i fattori dello stile di vita hanno un impatto significativo sulla salute vascolare. Ad esempio, il fumo, l’ipertensione e la mancanza di esercizio fisico hanno un effetto negativo. Questi sono anche noti fattori di rischio per l’Alzheimer. Non credo che può prevenire la malattia, ma studieremo, ad esempio, se l’esercizio fisico può migliorare il flusso sanguigno e quindi rallentare la malattia”.

READ  Omroep Flevoland - Notizie - GGD chiede ai genitori di bambini di 9 anni un parere sulla vaccinazione HPV

A cura di: National Care Guide