QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diminuzione della mortalità tra i pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche a causa di imatinib

(Annunci)


Nei casi molto gravi di COVID-19, i vasi sanguigni più piccoli nei polmoni sono danneggiati

Il farmaco imatinib era già utilizzato all’inizio della pandemia di Corona in pazienti con polmonite grave dovuta a Covid-19. Ci sono state prove significative che questo farmaco riduce la mortalità tra questi pazienti. Lo conferma un articolo pubblicato il 21 febbraio su The Lancet Respiratory Medicine. Il tasso di mortalità a lungo termine nel gruppo di pazienti trattati con imatinib è di circa il 50% inferiore rispetto ai pazienti trattati con placebo.

Era già noto che i pazienti ricoverati con polmonite grave dovuta a Covid-19 che erano stati trattati con imatinib richiedevano un periodo di respirazione più breve e quindi trascorrevano un periodo più breve in terapia intensiva. C’erano anche indicazioni significative che il tasso di mortalità tra loro da questo farmaco era inferiore di circa il 50%.

Anche per un lungo periodo di tempo
In uno studio di follow-up, i ricercatori dell’UMC di Amsterdam hanno esaminato se questo effetto fosse visibile anche per un lungo periodo – da marzo 2020 ad aprile 2021 – e hanno valutato l’effetto sul decorso della malattia durante l’unità di terapia intensiva. I risultati sono stati pubblicati su The Medicina respiratoria a lancetta† Ciò mostra che anche il tasso di mortalità a lungo termine nel gruppo di pazienti trattati con imatinib era inferiore di circa il 50% rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il placebo.

Il ricercatore Eric Daugwiller: “Non solo il tasso di mortalità è diminuito, ma i pazienti che hanno ricevuto imatinib hanno anche richiesto una respirazione artificiale meno intensa per i primi 14 giorni. Abbiamo visto che era necessaria una pressione di ventilazione inferiore. I polmoni dei pazienti erano anche in grado di assorbire ossigeno più rapidamente”. Da soli. Un chiaro segno che il farmaco sta combattendo gli effetti del Covid-19″.

Il COVID-19 danneggia i vasi sanguigni più piccoli
In casi molto gravi di Covid-19, i vasi sanguigni più piccoli nei polmoni sono danneggiati. Di conseguenza, non possono trattenere correttamente i liquidi nel sangue. Ciò fa sì che il fluido fuoriesca negli alveoli e interrompa l’assorbimento di ossigeno. Studi precedenti hanno già dimostrato che imatinib può contrastare questa perdita di liquidi. Questo potrebbe spiegare perché i pazienti con infezione da COVID-19 si sono ripresi con questo farmaco.

Per confermare questa ipotesi e capire meglio come funziona imatinib, i ricercatori stanno conducendo uno studio di follow-up. Il pneumologo Gorgan Aman: “In questo studio di follow-up esamineremo l’effetto di imatinib sulla perdita di liquidi negli alveoli in pazienti molto critici in terapia intensiva”. Poiché imatinib è un farmaco economico, sono in corso studi anche da parte dell’Unione Europea (UE) e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per valutare l’effetto benefico di imatinib nella malattia causata da Covid-19.


Informazioni aggiuntive…

Consultare la fonte e/o il fornitore per ulteriori informazioni su questa lettera. Le notizie possono cambiare e includere errori o imprecisioni. Leggi anche disclaimer E il Trasferimento Si prega di inviare messaggi, commenti e/o foto che sono in conflitto con Circostanze

Fai clic sui tag sottostanti per i post correlati, se presenti…

Nome dell’autore e/o editore di: Amsterdam UMC
Fotografo o agenzia fotografica: INGImages
La fonte di questo articolo: Amsterdam UMC
Qual è l’URL di questa risorsa?: https://www.amsterdamumc.org/nl/vandaag/minder-schrijven-bij-ernstig-zieke-coronapatienten-door-geneesmiddelen-imatinib.htm
titolo originale: Diminuzione della mortalità tra i pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche a causa di imatinib
il pubblico di destinazione: Professionisti sanitari
Storia: 2022-02-21

READ  Uno studio britannico rivela: "L'immunità naturale contro il freddo protegge meglio e più a lungo del vaccino contro la corona".