QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Direttore di pompe funebri USA condannato a 20 anni di carcere per aver venduto parti del corpo | all’estero

Un ex proprietario di un’impresa di pompe funebri nello stato americano del Colorado è stato condannato a 20 anni di carcere per frode ai parenti del defunto. Megan Hess, 46 anni, ha eseguito autopsie su 560 corpi e ha venduto le parti del corpo senza il consenso dei parenti prossimi. La madre di 69 anni, responsabile dello smembramento dei corpi, è stata condannata a 15 anni di carcere.

“Questo è il caso più emotivamente estenuante che abbia mai affrontato”, ha detto in udienza il giudice distrettuale statunitense Christine Arguello. “È motivo di preoccupazione per la corte che l’imputata si rifiuti di assumersi qualsiasi responsabilità per la sua condotta”.

Proibito

I parenti hanno descritto l’orrore che hanno provato quando hanno scoperto cosa era successo ai loro cari. “Cara madre, l’hanno tagliato”, ha detto Erin Smith, la cui madre le ha venduto spalle, ginocchia e piedi. “Non abbiamo nemmeno un nome per un crimine così atroce”.

Negli Stati Uniti è illegale vendere organi come cuore, reni e tendini per trapianti: devono essere donati. Ma la vendita di parti del corpo – come hanno fatto l’impresario di pompe funebri e sua madre – per l’uso nella ricerca scientifica o nell’istruzione non è regolata dalla legge federale.

Anche le aziende e le istituzioni non sanno nulla

Il giudice ha concluso che gli imputati hanno comunque commesso reati quando hanno truffato i parenti del defunto mentendo sulla cremazione e le autopsie e vendendoli senza permesso. Ad esempio, un’impresa di pompe funebri di un parente prossimo ha pagato fino a $ 1.000 per cremazioni che non hanno mai avuto luogo. Circa 200 altre famiglie hanno ricevuto le ceneri.

READ  Spiegazione del "medio termine" americano: cosa sono e perché sono importanti? | All'estero

I registri del tribunale affermano che le società e le istituzioni che hanno acquistato braccia, gambe, teste e busto dall’impresa di pompe funebri non sapevano che erano state ottenute in modo fraudolento.