QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Direttore sportivo e Yates! Come possono i belgi vincere il Premio Amstel? | L’Amstel Gold Race

“Sai quanti belgi hanno vinto l’Amstel Gold Race negli ultimi 30 anni?” È una domanda che Michelle Woyt ci fa quando lo chiamiamo. Gli abbiamo chiesto come avrebbe potuto aggiungere un nuovo nome belga domenica.

“I divisori piatti sono molto interessanti”

Philip Gilbert quattro volte e Johan Museo una volta. Questo è il bilancio belga dei vincitori dell’Amstel Gold Race negli ultimi 30 anni. Il percorso della 55a edizione è stato completamente ridisegnato grazie alle procedure Corona, e domenica giocherà quindi un ruolo importante. Ad esempio, la gara è di 40 km più corta del solito.

“Il profilo e la lunghezza sono in linea con il Brabant Arrow, ma la vera differenza è l’area dei partecipanti”, dice Michel Wuyts. “Fa caldo il doppio rispetto a mercoledì scorso.”

“E c’è un’altra differenza. I pezzi intermedi ora sono piatti. Ma quei pezzi intermedi sono molto interessanti. Dove è tornato van der Bohl nel 2019? Su un pezzo piatto!”

Wout van Aert: “è entrato in Cauberg per la dodicesima volta altrimenti sarebbe stato impiccato”

È stata una primavera piena come questa e domenica non farà eccezione: la speranza belga ricade pesantemente sulle spalle di Wout van Aert. Van Art può contare sul suo potente colpo finale. Oppure la fiducia nello sprint ha inciso dopo la Brabant Arrow?

“Non deve essere così. Il suo corridore è un’arma naturale. Potrebbe aver superato il suo meglio, ma non dovrebbe avere dubbi sulla sua volata. Sarebbe necessario che Cauberg colpisse il 12 ° giro. Deve essere così. nondimeno., Oppure è … “Squalificato. Ha questa maestria. Non ha mai mancato a quel punto in questa stagione. Guardate non solo le sue vittorie, ma anche tutti i suoi posti d’onore”.

“Molto dipenderà dalle intenzioni di Roglic, perché è la prima volta che Van Arte avrà sicuramente dei compagni di squadra dalla sua parte nella partita finale. Roglic è solitamente l’attaccante e lui è il corridore. Come direttore sportivo, vorrei chiedere di più a Van Ayrt. Per fargli capire che deve andarsene. “Altri si stanno impegnando di più, ma è contro la sua natura. Anche se potrebbe sorprendermi che non abbia imparato nessuna lezione da Brabant Arrow.”

“Jumbo-Visma sta giocando una partita in casa e proverà a dominare la pista. Mi aspetto che avranno il supporto di Ineos e che l’accetteranno con i ringraziamenti”.

Dylan Teens: “Gli attacchi a Bemillerberg”

Dylan Teens è diventato settimo nel Brabanty Beagle. Non era con il trio che era partito per la vittoria, ma avrebbe osato correre contro Van Airt e Bedcock? Gli adolescenti dovrebbero avere il coraggio di giocare a tutto o niente, ha l’età giusta per questo ora.

“Deve aspettarsi di essere in cima al Cauberg e poi guardare attentamente. Può andare a Bemelerberg o proprio di fronte ad esso. Questa è una montagna per cui si trova. Può farlo sulla pagina esterna e poi non può essere sottovalutato. ”

Mori Vanzevenant: “Guerriglia”

La nuova arrivata Mori Vincentant è giovane e talentuosa. Un fattore difficile da apprezzare per la sua squadra e la concorrenza. “Deceuninck-Quick Step è la squadra offensiva per eccellenza. Mi aspetto un’altra tattica di guerriglia e Vansevenant sarà un combattente”.

“La squadra gli dirà che dovrebbe essere con lui se uno di loro lascia il Round 11. In questo modo potrà diventare uno swing di Alavelipe. Molto in questa squadra dipenderà da come si sentirà il campione del mondo francese, ma penso che lo faranno di nuovo lavorando con diversi leader “.

“Penso che Alaphilippe stia principalmente prendendo di mira Liegi-Bastogne-Liegi, poiché hanno ancora alcuni conti aperti dopo gli anni precedenti”.

Greg Van Avermait: “Leggi attentamente il corso e resta sintonizzato.”

Gregg Van Avermait di solito migliora con il chilometro, quindi è inutile per lui fare l ‘”unica” gara di 220 chilometri. “A Van Avermait manca un’esplosione di violenza giovanile. Quindi ha due opzioni”.

“O sta prendendo parte a un volo relativamente presto, pensa di avere una possibilità di essere davanti in finale e si logora a un ritmo più lento rispetto agli altri. O sta cercando di seguire ovunque e leggere bene la gara. Penso che sia così. . Sceglie quest’ultimo. “

“Sicuramente non andrebbe nel panico se non fosse subito a Cauberg e potrebbe chiamare di nuovo dopo. Ma ho l’impressione che sia soddisfatto del posto d’onore”.

Tim Willins – Tesj Pinot – Jasper Stoen

Tim Wellens ha iniziato con grande forza nello Star of Bessèges, ma in seguito è diventato sempre più tranquillo intorno a Wellens. “Qualche anno fa era un fenomeno che dapprima dava lezioni di guida e poi si allontanava. Non ho una spiegazione per questo. In realtà è stato lì più volte all’Amstel”.

“Wellins dovrà forzare lui stesso e rispondere correttamente. È un maestro della sopravvivenza. Può ovviamente provare ad aumentare di peso da solo, ma non sottovalutare comunque il suo colpo finale.”

“Il suo svantaggio è che sente la pressione della partita che gli si addice e la pressione per far brillare la primavera della sua squadra”.

Lo svantaggio di Tim Wellens è che sente la pressione della partita che gli si addice e la pressione per portare brillantezza alla sua squadra.

“Tiesj Benoot è per sua natura un alleato – un compagno – di Tim Wellens. Proprio come Van der Boyle e Van Art. Purtroppo, Pinot si è fatto dimenticare un po ‘ultimamente”.

Se fossi stato il direttore sportivo di Jasper Stoen, avrei detto: “Imposta la tua rotta su Woot Van Airt e cerca di batterlo in uno sprint. “Stoen ha il vantaggio che la pressione è finita”.

“Rogelic sta facendo una buona gara e Valverde!”

Ad Amstel, i “cavalieri acciottolati” sono stati combinati per la prima volta con la violenza dell’arrampicata che era attiva durante un tour dei Paesi Baschi. “Laggiù nei Paesi Baschi, ho visto Rogelic fare una gara come non la vedevo da due anni”.

“E quando avanza in salita, Rogelic può vincere una gara a squadre con 40 concorrenti. La fine dell’Amstel è perfettamente piatta, anche se in TV non è sempre stato così”.

“Con Rogelic, Valverde ha giocato un po ‘nei Paesi Baschi. È bravo! Niente più” empatido “, ma non fidarti di averlo battuto sul nemico perché è cresciuto. È intelligente e astuto e quanto a Valverde, lui non importa se vince e finisce al decimo posto “.

READ  Con l'aiuto di Saelemaekers, il Milan può tornare a vincere dopo 0 su 6 | Serie A TIM 2020/2021