QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dirk Gerlo e il chirurgo della schiena sorpresi da Van Der Poel: “Scelta per la riabilitazione al limite” | piattaforma

Più che terzo a Sanremo, Matteo van der Poel era convinto di avere le spalle a posto. L’olandese ha guidato la sua prima gara dell’anno sabato dopo mesi di sofferenza alla schiena. Dirk Jerlot è stato in contatto con un medico di schiena per i migliori talenti. “E’ sorpreso, proprio come me.”

Una delle conclusioni matematiche più importanti della Primavera è che van der Poel è proprio lì. Chi vuole vincere la settimana ciclistica fiamminga deve affrontarlo.

Girlot ha convenuto in De Tribune che “uno è già stato aggiunto”. “Fa paura a me, non solo a me. Sono stato in contatto con il chirurgo che ha curato Matthew van der Poel sulla schiena. Qualche mese fa e anche oggi”.

“Questo ragazzo pensava che non fosse un problema strutturale, ma funzionale: uso sbagliato della schiena. L’idea principale era il riposo: questo faceva bene non solo al corpo, ma forse anche alla testa”.

“E poi l’idea era di tornare entro il 1 aprile per iniziare ad allenarsi in modo competitivo, per essere finalmente competitivi entro la fine della primavera, l’inizio dell’estate. Quindi anche il chirurgo è sorpreso”.

Riabilitazione al limite

“Il pilota e il suo entourage hanno optato per la ‘riabilitazione al limite’ (sull’orlo della riabilitazione, editore): questo significava che non volevano perdere un secondo di tempo. C’erano trattamenti estesi da un fisioterapista e un ortopedico”.

“C’è stata anche molta comunicazione al riguardo e ci sono state molte consultazioni: come va oggi?”

Conclusione: “Mathew van der Poel ha una regola eccezionale. Se ti si strappa il legamento crociato, sai che perdi tutto. Ma con la regola che ha Van der Poel, non ha iniziato a pedalare da zero, quando gli è stato permesso di iniziare a pedalare ancora.”

“Dato che è così talentuoso, è stato in grado di risarcire gli arretrati abbastanza rapidamente. Ora è importante tenerlo d’occhio per non peggiorare. Guida bene come nessun dolore. Il più piccolo segno ora dovrebbe essere raccolto”.

“Anche se lui stesso pensa che andrà tutto bene, dovrebbe parlarne subito, in modo tale da poter agire immediatamente”.

“Ma si presume che le sofferenze peggiori siano già state subite. Van Aert e tutti noteranno che Van der Poel giocherà per i grandi premi”.

(leggi sotto la foto)

Vandewig: “Ascolta l’allenatore e il principale per la stabilità”

Il collega ospite Hans Vandeweghe ha riconosciuto il notevole talento di Van der Poel: “Ma ha fatto davvero un assetto normale. Non fare il pazzo. Dopo una settimana di motocross, è seguita spesso una settimana di riposo, durante la quale è andato nel bosco con un cross di bmx .”

“Penso che ora abbia ascoltato il suo allenatore Christoph de Kegel da un lato, e dall’altro ha anche fatto i compiti in termini di stabilità del core, ecc. Ha lavorato molto duramente sui suoi muscoli profondi, che (allenatore di atletica leggera) Jack Burley ne parla sempre. Probabilmente lo ha sviluppato. Con i suoi parenti che sanno molto di lei”.

“Forse li ha esercitati in modo coscienzioso e poi ovviamente quel talent show”.

La domanda è… ha un tetto in casa… le fondamenta sono abbastanza solide da sostenere il tetto durante tutte le tempeste che soffiano… o crollerà dopo due o tre settimane?

Gerlo: “Non deve andare dappertutto e andare a tutti i costi. Deve allenarsi e puntare”.

Vandeweghe: “Da quello che abbiamo visto a Sanremo deve esserci più distanza di Van der Poel di quanto pensiamo. Una volta ho scritto che mette molto su Strava. Ma forse non è tutto in lui e ha fatto più di quanto pensiamo, si è allenato meglio, e anche correttamente. Penso che sia appena diventato più intelligente. “

Penso che Mathieu van der Poel stia diventando più intelligente.

Hans Vandeweghe

Ascolta l’intera puntata di De Tribune

Puoi anche ascoltare i podcast nell’app Sporza, toccando “podcast” nella parte superiore della navigazione.

READ  Potrebbe succedere? Il velocista francese Nasser Bouhani...