QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Discussione. Le attuali sanzioni contro la Russia sono sufficienti per cambiare l’opinione di Putin? † Guerra tra Ucraina e Russia

L’Unione Europea ha annunciato un severo pacchetto di sanzioni che avrà “conseguenze gravi e pericolose”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso durante un discorso che “Putin diventerà un paria sulla scena internazionale” e il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato “il pacchetto di sanzioni più grande e difficile di sempre”. Le sanzioni vengono imposte alla Russia in tutto il mondo dopo l’invasione dell’Ucraina, ma sono sufficienti per fermare il presidente Putin? O dovrebbero essere presi più provvedimenti? Qual è la tua opinione? Stasera raccogliamo le reazioni più sorprendenti in un nuovo pezzo. Leggi di seguito cosa ne pensano alcuni esperti e politici.

Leggi tutto sulla guerra tra Russia e Ucraina in questa vita

Le sanzioni europee saranno dettagliate in un’ulteriore riunione dei ministri degli Esteri venerdì sera. Deve comparire in serata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, che entrerà ufficialmente in vigore. È già noto che l’Unione europea sta prendendo provvedimenti anche contro il presidente russo Vladimir Putin e il suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Di solito, in tali azioni contro individui, l’UE sceglie di congelare tutti i beni in Europa e imporre un divieto di ingresso, ma Putin e Lavrov possono comunque entrare nell’UE. In tal modo, l’UE desidera segnalare che tiene aperta la porta alla diplomazia, anche se solo simbolicamente.

Venerdì pomeriggio si terrà il vertice della NATO sull’Ucraina. Il segretario generale Jens Stoltenberg ha annunciato il rafforzamento della presenza militare della coalizione negli Stati membri dell’Europa orientale. “Abbiamo rivitalizzato i nostri piani di difesa per dare ai nostri comandanti militari una maggiore autorità per spostare e schierare forze quando necessario”, ha detto Stoltenberg dopo una riunione del Consiglio del Nord Atlantico giovedì. Ha aggiunto: “Stiamo lavorando per aumentare la presenza delle forze Nato nella parte orientale dell’alleanza”.

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky continua a insistere su ulteriori misure e sostegno all’Occidente. Sostiene l’esclusione della Russia dalla rete di pagamenti Swift e un embargo sul petrolio e sul gas russi.

Veronique Goossens, capo economista di Belvius: “Il potenziale danno per la Russia è enorme”

Tuttavia, l’Occidente per ora tiene in tasca la cosiddetta “bomba atomica finanziaria”. Escludere i russi dalla rete di pagamento Swift significa escludere completamente i russi dai pagamenti internazionali. Swift, l’associazione per la comunicazione finanziaria interbancaria globale, regola il movimento dei pagamenti internazionali e costituisce quindi il sistema nervoso centrale del sistema bancario. “Si tratta di una partnership affiliata con 11.000 banche e istituzioni finanziarie di oltre 200 paesi”, spiega Veronique Jossens, capo economista di Belvius. “Si occupa di tutte le connessioni tra le banche di tutto il mondo.”

READ  Da oggi puoi fare una passeggiata nei giardini di Buckingham Palace e questo è il primo | Comfort

“Il danno per la Russia sarà probabilmente enorme”, dice. Gli interessi di esportazione dei russi in Europa sono molto grandi. Hanno bisogno di un reddito. Soprattutto in tempo di guerra, perché costa un sacco di soldi. Inoltre, in quanto Paese gigante, la Russia ha un PIL non superiore a quello dei Paesi del Benelux. Quindi puoi chiederti fino a che punto possono resistere al divieto finanziario”.

Tuttavia, gli osservatori temono che l’esclusione incoraggerà la Russia a sviluppare un proprio sistema di pagamento alternativo. Dopo la minaccia del Regno Unito nel 2014, ha iniziato a sviluppare il proprio servizio di informazioni sui pagamenti. Con 400 banche membri, al momento si tratta principalmente di un’emissione domestica. Ma espanderlo ed eventualmente collegarlo al sistema di pagamento cinese danneggerebbe il ruolo di Swift come servizio di messaggistica globale e renderebbe la Russia meno sensibile a questo tipo di sanzioni a medio termine. Garantisce che questa “bomba atomica finanziaria” è un’arma che l’Occidente può usare solo una volta.

Il premier de Croo: “Bisogna chiudere la rete intorno all’élite a Mosca”

Venerdì pomeriggio, il primo ministro belga Alexandre de Croo ha chiesto l’imposizione di sanzioni al presidente Putin. “Quando vedi gli atti terribili che vengono commessi in Ucraina e se guardi al discorso di Putin, è chiaro che ne è responsabile”, ha detto. E poi ha senso che tu debba congelare le sue finanze e risorse e quindi dovrebbe essere nell’elenco delle sanzioni”.

De Croo vede “violazioni gravissime del diritto internazionale”. Ha espresso la sua soddisfazione per l’annuncio di ulteriori sanzioni europee contro la Russia. “È necessario chiudere il più possibile la rete attorno all’élite di Mosca. Gli ucraini non volevano questa guerra. Dobbiamo arrivare dove fa male”.

De Croo ha sottolineato che anche il Belgio si assumerebbe le sue responsabilità se la NATO richiedesse supporto. Ha detto che sarebbe stato anche il caso se gli fosse stato chiesto di difendere il territorio della NATO.

Sophie Villemis indaga sugli aiuti militari all’Ucraina

Oltre alle sanzioni, i leader europei parlano anche di sostegno all’Ucraina. Alcuni Stati membri dell’Est ancora una volta argomentano a favore del candidato all’adesione dell’Ucraina. “Dobbiamo parlare dello status del candidato ucraino e, naturalmente, del generoso sostegno finanziario, economico, sociale e politico”, ha affermato il presidente lituano Gitanas Nosida. “Hanno bisogno del nostro supporto oggi e domani potrebbe essere troppo tardi”.

READ  Il presidente Trump voleva dichiarare brogli elettorali | Notizia

Nel frattempo, il nostro Paese sta valutando la possibilità di fornire armi all’Ucraina. Il ministro degli Esteri Sophie Wilmès ha chiesto al ministero della Difesa di stilare un elenco di armi che potrebbero andare all’esercito ucraino. “Spero che non sia troppo tardi”, dice.

Ieri il ministro della Difesa Ludivine Dedonder (PS) ha ribadito su VTM News che il nostro Paese non invia armi in Ucraina. Lo ha confermato il giorno prima anche il primo ministro Alexandre de Croo (Open Vld). “La difesa belga ha bisogno di queste armi per poter adempiere ai suoi obblighi all’interno della NATO”, ha spiegato il Primo Ministro dopo una riunione del Consiglio di sicurezza.

Nel frattempo, è stato possibile sostenere che esiste ancora una scorta di armi che possono essere inviate in Ucraina. Non è ancora chiaro esattamente quante e quali armi vengano utilizzate. Pertanto, il ministro Willems chiede al ministero della Difesa di stilare un elenco di possibili armi.

Il vicepremier Frank Vandenbroek di Foreut: “Mostriamo i denti il ​​più possibile”

Sembra che le sanzioni europee avranno “gravi conseguenze” per il Paese. L’ex vice primo ministro Frank Vandenbrooke chiede sanzioni più severe per costringere la Russia a fermare la guerra† Ritiene che si debba tener conto di eventuali conseguenze negative per la società belga. Secondo Vandenbroek, l’Europa deve fare un altro passo avanti. Sembra che “la mia e la nostra opinione è che dovrebbero essere davvero sostanziali”. Secondo il vice primo ministro Forouet, è probabile che l’Europa imponga sanzioni più severe, anche se prima devono essere discusse una serie di questioni “tecniche”. “Penso che sia davvero importante in futuro mostrare i nostri denti il ​​più possibile con i rigori, e penso che dobbiamo solo tenere conto del fatto che anche noi ne risentiamo”, ha affermato chiaramente Vandenbrooke.

Charles Michel: “Un ulteriore pacchetto di misure è in lavorazione”

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha annunciato su Twitter che è in preparazione un ulteriore pacchetto di misure. L’Europa sostiene il popolo ucraino e continuerà a sostenerlo. Ieri sera è stato concordato un secondo pacchetto di misure con conseguenze molto gravi. Un pacchetto aggiuntivo è in fase di preparazione urgente”, sembra.


L’esperta russa Laura Vansina (VUB): ‘Putin fondamentalmente comprende il linguaggio del potere militare’

L’efficacia delle sanzioni è sempre complessa. Combattere il fuoco con il fuoco… Putin conosce già il linguaggio del potere militare. Ma i paesi occidentali hanno una filosofia specifica sul conflitto che si inserisce nel quadro dei loro standard e valori. Lo useranno solo come possibile ultimo passaggio. Inoltre, sia la NATO che gli Stati Uniti hanno già affermato che non invieranno truppe in Ucraina”.

Il professor David Krickemans di politica internazionale: “Sono possibili opzioni militari molto limitate”

Da allora diversi paesi hanno promesso aiuti militari all’Ucraina sotto forma di una risorsa, ma finora nessun paese occidentale si è impegnato a inviare personale militare in Ucraina, il che fa chiaramente arrabbiare il presidente ucraino Zelensky. Né sembra che la NATO intenda intervenire immediatamente, ed è attualmente concentrata sul rafforzamento del confine intorno all’Ucraina. “La Russia è una potenza nucleare. Putin ha chiarito che se si interviene contro la Russia sul campo, la Russia ha pronta una risposta adeguata. Ci sono opzioni militari molto limitate, come fornire assistenza all’Ucraina”. Si ritiene inoltre che il professore di politica internazionale David Crickmans (UAnwerp)

Il Cremlino dice che si vendicherà contro le sanzioni occidentali

Nel frattempo, il Cremlino ha confermato che si vendicherà contro le sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. “È chiaro che ci sarà vendetta”, ha detto alla stampa il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Fino a che punto saranno simmetrici o disuguali dipenderà dall’analisi delle sanzioni contro la Russia”, ha aggiunto.

“Tutte queste limitazioni non sono state ancora analizzate”, ha spiegato Peskov. “Naturalmente, i nostri interessi saranno la principale preoccupazione nell’analisi” delle sanzioni imposte dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, ha affermato il portavoce dell’agenzia di stampa russa Tass.

E ora tocca a te. Cosa ne pensi? Fatecelo sapere nei commenti sotto questo articolo. Stasera stiamo mettendo insieme le reazioni più sorprendenti in un nuovo pezzo.