QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diverse proteste in Turchia dopo l’omicidio di uno studente di 21 anni

Dopo che Azra Gülendam Haitoğlu, 21 anni, è scomparsa per cinque giorni, la polizia turca ha trovato il suo corpo senza vita in una foresta ad Antalya. Il referto dell’autopsia mostra che è stata violentata e uccisa. L’aggressore è stato arrestato. I gruppi per i diritti delle donne chiedono manifestazioni per affrontare il problema del femminicidio nel paese.

Dal 28 luglio la famiglia della studentessa universitaria di 21 anni Azra Gülendam Haitoglu non riesce a raggiungerla. Il 2 agosto, il suo corpo è stato trovato in una borsa sepolta in una foresta ad Antalya.

Secondo il rapporto dell’autopsia, sembra che sia stata violentata e uccisa. L’autore del reato, qualcuno che ha descritto nelle sue ultime parole in una conversazione telefonica con sua sorella come un “buon amico”, si è rivelato essere un agente immobiliare di 48 anni. L’agente immobiliare, Mustafa M. A, ha abusato di lei nel suo appartamento e poi l’ha uccisa. Questo dice la polizia turca sulla base delle immagini delle telecamere dentro e intorno al suo condominio. “Abbiamo visto l’autore del reato con una borsa entrare e uscire dall’appartamento più volte”, ha detto la polizia. BBC Turchia.

Mustafa M. è stato arrestato. un. Lunedì non ha negato i fatti. Il suo interrogatorio continua.

• “Recedere dall’Accordo di Istanbul significa proteggere gli assassini”

oggetto

Associazioni femminili di diverse città come Istanbul, Izmir, Antalya e Adana hanno organizzato proteste. I manifestanti non vogliono solo commemorare Azra Gülendam Haitioglu, ma vogliono anche sollevare la questione del femminicidio in Turchia.

Secondo la piattaforma turca Smetteremo di uccidere le donne Almeno 300 donne sono state uccise nel Paese lo scorso anno, ma il numero potrebbe essere più alto, poiché decine sono state trovate morte in circostanze sospette.

READ  440 bambini sono morti durante il viaggio verso l'Europa

Trattato di Istanbul

Lo scorso marzo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha deciso di recedere dal Trattato di Istanbul. Questa è la Convenzione europea dei diritti della donna. La Turchia è stato il primo dei 45 paesi a ratificare il trattato nel 2011, ma il crescente sentimento conservatore, nazionalista e religioso alimentato dal Partito per la giustizia e lo sviluppo del presidente sta invertendo la tendenza. Secondo i conservatori turchi, il trattato minerà i tradizionali ruoli di genere e i valori familiari promuovendo l’ideologia occidentale progressista.