QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dodi Lukebakio sulla fiducia, il ct della Nazionale e la squalifica: “Credo ancora che il cartellino giallo non mi prenderà tanto presto”

Dodi Lukebakio sulla fiducia, il ct della Nazionale e la squalifica: “Credo ancora che il cartellino giallo non mi prenderà tanto presto”

Proprio come il collega esterno Jeremy Doku, anche Dodi Lukebakio ha partecipato alla conferenza stampa dei Red Devils lunedì. Il giocatore del Siviglia ha parlato della sua squalifica, del suo buon rapporto con il tecnico della Nazionale e della sua fede. “Possiamo parlarne anche in questo gruppo”, ha detto.

La formazione dei Red Devils è sempre un’ipotesi, ma una persona che sicuramente non giocherà contro l’Ucraina mercoledì è Dodi Lukebakio. L’esterno è stato squalificato dopo aver ricevuto il suo secondo cartellino giallo in questo torneo contro la Romania.

“Quando ho sentito prima degli Europei che saresti stato squalificato se avessi ricevuto due cartellini gialli, ho pensato che non mi sarebbe successo tanto presto”, ha sorriso Lukabakio in conferenza stampa.

“Ma ho vinto subito nella prima partita. Purtroppo ho dovuto fare quell’errore contro la Romania. È stato un po’ difficile, ma in realtà sono riuscito a convertire lo scambio, l’ho fatto anche con Foot-Weiss”. E non ha dato quel passaggio troppo breve perché lo intendeva anche lui.

In realtà ne abbiamo riso sopra. Wout Faes non ha dato intenzionalmente questo passaggio così breve.

Dodi Lukebakio

Chi prenderà il posto da titolare di Lukebakio mercoledì sarà lasciato all’allenatore della nazionale. “Perché abbiamo tanti bravi giocatori. Questa competizione è un lusso. Mercoledì vedremo chi giocherà. Io vi sosterrò, ma sono fiducioso”.

Fiducia è anche ciò che irradia Lukebakio dalla nomina di Domenico Tedesco ad allenatore della Nazionale. Anche l’esterno sente che il tedesco crede in lui.

READ  Hermine Peters si precipita al sesto posto nella finale di kayak, Brooks diventa quinto nel finale in Do | le Olimpiadi

“Durante la generazione d’oro non è stato facile per me entrare in squadra, la competizione era agguerrita, ma ora c’è una nuova generazione e sento che l’allenatore ha grande fiducia in me, sa cosa posso fare e mi sta insegnando Me.” Cosa può farmi.”

Possiamo parlare di qualsiasi cosa in questo gruppo, inclusa la fede.

Dodi Lukebakio

Sembra che vedremo il miglior Lukebakio ogni volta con i Red Devils. Ha detto: “È un bel complimento sentire che pensi che io faccia sempre un buon lavoro con la nazionale. Indossare una maglia dei Red Devils mi dà sempre una sensazione molto speciale”.

E forse anche lui riceverà un aiuto dall’alto. Lukabakio parla anche del suo lato spirituale nella chat con la stampa. “La mia forza viene dalla mia famiglia e dalla mia fede”, rivela.

“Ci sono ancora ragazzi religiosi. A volte ne parliamo nel gruppo. Con chi? Lukaku, Mangala, Doko, Onana,… Possiamo parlare di tutto. Anche la fede fa parte di questo. Questo è semplicemente un grande gruppo. “

Credere quindi in qualcosa di più alto, ma anche – e forse soprattutto – nelle proprie capacità. Ha concluso dicendo: “Altri paesi? Questo non ci interessa. Abbiamo la nostra squadra, con buoni giocatori. Siamo davvero entusiasti di fare qualcosa di grande qui. Penso che apparteniamo ai grandi paesi”.

Imparentato: