QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo giorni di combattimenti, 181 morti e tanti scappano: finisce l’attacco dell’Isis a un carcere siriano | all’estero

Dopo giorni di combattimenti dentro e intorno alla prigione della città siriana di Hasaka, le forze democratiche siriane a guida curda sono riuscite a riprendere il controllo dell’intera prigione. L’attacco dello Stato Islamico (IS) ha ucciso 181 persone. Diversi prigionieri sono fuggiti.




Più di cento terroristi dello Stato islamico hanno lanciato giovedì sera un attacco alla prigione di Ghwairan con armi pesanti e camion bombe.

I jihadisti volevano liberare i membri dell’ISIS incarcerati dal carcere situato in una zona controllata dai curdi siriani. In seguito anche altri prigionieri si unirono alla rivolta nella speranza di scappare.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che monitora la guerra in Siria dalla Gran Bretagna, il carcere in questione contiene circa 3.500 sospetti membri dell’Isis. Ciò include alcuni membri di spicco del gruppo terroristico.

dura lotta

Dall’inizio dell’attacco giovedì, sono scoppiati aspri combattimenti intorno e all’interno della prigione. E le autorità curde hanno annunciato, lunedì, che avrebbero inviato ulteriori rinforzi. Ha inoltre chiuso l’accesso alla città per impedire la fuga dei membri delle cellule terroristiche. Ci sarà un coprifuoco completo dentro e intorno ad Hasaka nei prossimi giorni.

Le famiglie del quartiere sono fuggite dalle violenze. © AFP

Palazzo come scudi umani

Le SDF hanno accusato l’Isis di utilizzare gli eventi del carcere come scudi umani durante i combattimenti. La presenza di questi giovani in carcere è stata la più grande difficoltà per l’attacco dei curdi, che hanno cercato di penetrare ulteriormente nell’edificio. Secondo l’UNICEF, ci sono almeno 850 minori nel carcere di Ghwairan, alcuni dei quali hanno appena 12 anni.

Supporto degli Stati Uniti

Alla fine, le forze armate, compreso il supporto aereo degli Stati Uniti, sono riuscite a respingere l’Isis nella parte settentrionale del complesso. Mercoledì, gli ultimi combattenti jihadisti rimasti si sono arresi.

Soldati americani ad al-Hasakah.

Soldati americani ad al-Hasakah. © AP

L’attacco ha ucciso un totale di 181 persone, tra cui 124 combattenti dell’Isis, 50 combattenti curdi e sette civili, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Inoltre, secondo Human Rights Watch, ci sono ancora circa 200 prigionieri in fuga.

È uno degli attacchi più mortali da parte dello Stato Islamico da anni.

Membri delle forze democratiche siriane in carcere.

Membri delle forze democratiche siriane in carcere. © AFP

Jeep blindata americana in prigione.

Jeep blindata americana in prigione. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Famiglie di rifugiati si sono radunate in una moschea da qualche parte ad al-Hasakah.

Famiglie di rifugiati si sono radunate in una moschea da qualche parte ad al-Hasakah. © Agenzia per la protezione dell’ambiente


READ  Il Comitato delle Nazioni Unite per il clima pubblica il tanto atteso rapporto sul clima | Ambiente