QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo il 2030 non ci saranno più solo auto elettriche

Dopo il 2030 non ci saranno più solo auto elettriche

Dal 2030, Ford se ne andrà Tutto elettrico In Europa il marchio lo annuncia con orgoglio ormai da tempo. Si tratta di cinque anni prima del divieto dell'Unione Europea sui nuovi motori a combustione. Ora sembra che l’affermazione sul prossimo futuro delle auto elettriche non sia scolpita nella pietra.

Notizie automobilistiche in Europa Cita il tedesco Martin Sander, direttore generale di Ford Europe: “Se ci sarà una forte domanda, ad esempio, di ibridi plug-in, continueremo a offrirli dopo il 2030”.

Le vendite di auto elettriche sono deludenti

Non sorprende che Ford si stia allontanando dal suo ambizioso obiettivo elettrico, poiché la domanda di veicoli elettrici è alquanto deludente. I veicoli elettrici possono essere venduti solo con incentivi statali significativi. Se questo incentivo venisse meno, la domanda di auto elettriche diminuirebbe, come abbiamo visto in precedenza in Germania.

Ford ha già cancellato una serie di modelli popolari

A quel punto non ci sarà molto da scegliere a meno che il marchio non smantelli i vecchi miti. A causa degli ideali ecologici, la Fiesta, la S-Max e la Mondeo dovettero essere interrotte.

Anche il focus finirà presto, come ha detto con fermezza Martin Sander in precedenza. Ad ogni modo, chissà, forse Ford tornerà sull'argomento ora che le vendite di veicoli elettrici non sembrano essere così eccezionali.

Non tutti sono d’accordo con la messa al bando dei motori a benzina dal 2035

In quanto odiatore delle auto elettriche, questo messaggio sembra pieno di speranza, ma non farti illusioni. Dal 2035 in poi non esisterà più alcun motore a combustione. Almeno con il motore a benzina nelle auto nuove. Dopotutto, questo è ciò che ha deciso l’Unione Europea.

READ  Tom Hogmatens: "Con una pala in mano, esigi rispetto."

Non tutti sostengono questo piano e il modo in cui viene attuato è diventato chiaro quando abbiamo parlato con Sigrid de Vries, direttore generale di ACEA. “Con i progressi che stiamo vedendo ora, questo non è realistico”, afferma.

Hai notato un errore? Scrivici. Ti siamo grati.