QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo le difficoltà finanziarie, i “nuovi” belgi hanno ricevuto un altro colpo: “Fortunatamente, le ustioni non erano così gravi”.

“Mi svegliai” Ne disse all’epoca il presidente della KBSF, Cornet Lepotre. Il supporto di Sport Vlaanderen non è sufficiente per inviare più sciatori. “Soprattutto perché le prestazioni stanno aumentando, ed è molto fastidioso. Ora possono guidare solo se lo pagano da soli. È davvero un grosso problema, ma se non ci sono soldi, non posso spenderli. Ci speravamo che dopo ai successi olimpici, si aggiungerebbero gli sponsor, ma il budget è a zero.

Oltre a Matthias Fausti e Sandrine Tass, anche Isabel van Elst dovrebbe diventare un valore costante nelle finali di Coppa del Mondo. La pattinatrice 24enne si è trasferita dall’Olanda al Belgio quest’estate. Negli ultimi anni, Van Elst ha giocato per la squadra commerciale di Jota Leerdam World Stream ed è stato autorizzato a partecipare alle competizioni di Coppa del Mondo a Heerenveen. I suoi migliori tempi sono 38.03 ai 500m e 1:15.58 ai 1000m. Questo è meglio degli attuali record belgi detenuti da Sandrine Tass (38.66 e 1:16.46).

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Un vantaggio, ma poi Van Elst avrebbe dovuto pagare lei stessa le trasferte di Coppa del Mondo. Parla di Downer dopo averlo spento. “Finanziariamente, in questo momento ho il potenziale per andare ai Mondiali grazie agli sponsor speciali”, dice Van Elst, che si allena con la squadra norvegese, cosa che fanno anche gli Swings da anni. “Ma per arrivare alla fine della stagione in modo corretto, bisogna aggiungere qualcosa in più”.

READ  Il trionfo alla Parigi-Roubaix è stata la sua ultima opera d'arte: "Sonny Colbrelli è costretto a smettere di correre a 32 anni"

Acqua bollente

Ma come se dovesse essere così, Van Elst era attualmente alle prese con la sua salute. Ha riportato ustioni alle gambe e un’infezione respiratoria.

“Mentre fumavo a causa di questa infezione, ho dovuto tossire e poi la pentola dell’acqua bollente è caduta dal tavolo alle mie ginocchia”, sospira. “Non è stato piacevole, ma fortunatamente le ustioni non erano troppo gravi e da allora sono guarite. Sono andato subito dal dottore che mi ha messo una specie di benda acquosa. Di conseguenza, le gambe erano solo rosse, con alcune macchie dove c’è una piccola ferita da Piccole vesciche, ma per fortuna sono guarite rapidamente. L’infezione richiede molto tempo e questa è la parte peggiore. Fortunatamente, le cose stanno andando nella giusta direzione dopo due settimane di assunzione di antibiotici. Suppongo di” Tornerò a pieno regime per i Mondiali”.

Van Elst vuole mostrare subito cosa presenterà a Stavanger (11-13 novembre) in Norvegia. Suona come “Ho passato un’estate molto buona”. “Ho fatto passi da gigante sia fisicamente che tecnicamente. Tutti si ammalano di tanto in tanto, quindi spero che non influisca troppo sulla mia prestazione. Ovviamente sono stato in grado di stare sul ghiaccio meno degli altri quindi lontano. Forse questo avrà un effetto positivo a fine stagione. Con la Coppa del Mondo (2-5 marzo), che in definitiva è la più importante. Ovviamente spero anche di fare delle buone prestazioni in Coppa del Mondo. Al momento non so ancora a che punto sono, quindi questa sarà una sorpresa nelle prime partite”.

pressare

Un altro pattinatore che non gioca più per l’Olanda in questa stagione ma per il Belgio è Dan van der Elst (20). È nato e cresciuto in Belgio e ha una madre belga. Ma poiché ha iniziato a sciare a Breda, van der Elst ha iniziato a guidare sotto la bandiera olandese. Fino ad ora. L’intenzione è che si qualifichi per il Mondiale Under 23, ma punta anche ai primi posti del mondo. Ma sarà anche a sue spese.

“La mancanza di fondi per i migliori atleti e pattinatori in quest’area è comunque un grosso problema”, afferma lo skater del Team Frysk. “È davvero molto difficile ottenere sponsor personali in questi tempi e pagare tutto da soli è un pesante fardello. Quindi se qualsiasi forma di supporto finanziario dovesse scomparire, sarà una storia difficile per molti. Spero che l’entusiasmo aumenti ora che lo è uno sport Il pattinaggio è più popolare in Belgio dopo le Olimpiadi precedenti, perché spesso le porte si aprono solo quando c’è lo spettacolo, ma il percorso verso quella performance ha bisogno di altrettanta guida.

Van der Elst aveva anche gli occhi puntati sul circuito della maratona e sulla partenza di massa, parte del campione olimpico Bart Swings. Ma la sua preparazione per la nuova stagione ha subito una grave battuta d’arresto. Ha avuto una grave caduta durante la maratona di Amsterdam, Che ha anche partecipato a Swings ed è diventato 4°. Van der Elst è stato colpito alla gamba dalla lama del pattinatore davanti a lui e ha dovuto essere ricucito sul posto.

“Sto bene, ma è una specie di delusione”, sembra. Andrà tutto bene, ma i punti non potranno uscire per dieci giorni. Poi potrò ricominciare a costruire, credo”.

© Neeke Anna Wassenbergh-Smit