QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo McDonald’s, anche Starbucks e Coca-Cola si sono ritirate dalla Russia | Guerra tra Ucraina e Russia

McDonald’s chiude temporaneamente tutti gli 850 ristoranti in Russia. Secondo il CEO Chris Kempinski, questa è stata una decisione difficile. Sembra che “non si possa ignorare la sofferenza umana degli ucraini”. In totale, McDonald’s ha circa 62.000 dipendenti nel paese. L’azienda continuerà a pagarli, promette. Anche Starbucks e la Coca-Cola Soft Drink Company non operano più in Russia.

Nei giorni scorsi molte aziende americane hanno già annunciato che smetteranno di vendere in Russia, ma McDonald’s è rimasto in silenzio per un tempo notevolmente lungo. Molti messaggi si sono diffusi sui social network chiedendo all’azienda americana di lasciare la Russia.

Yum Brands, la società madre di KFC, sta boicottando la Russia cessando di investire in espansioni. È difficile forzare la chiusura dei fast food locali perché sono gestiti da franchisee indipendenti.

La Russia era solo un importante mercato in crescita per KFC. Oltre a Cina e India, il paese era il mercato con il maggior numero di nuovi stabilimenti. Circa cento nuovi ristoranti aprono ogni anno nel Kentucky Fried Chicken.

Starbucks

Starbucks ha anche smesso di fare affari in Russia. Ciò significa che la catena di caffè americana non fornirà più prodotti Starbucks a 130 negozi russi del marchio, come chicchi di caffè o tazze con il famoso logo.

La scorsa settimana, il CEO Kevin Johnson ha confermato che circa 2.000 persone in Russia dipendono da Starbucks per il loro reddito, rendendo irresponsabile un’improvvisa partenza dal Paese. Ora che la guerra in Ucraina è durata quasi due settimane, Johnson dice che sospenderà tutte le attività in Russia. In una dichiarazione, Johnson ha promesso che il titolare della licenza di Starbucks in Russia avrebbe sostenuto centinaia di persone che ora sono disoccupate.

READ  Cupcake 'Instagram-degno' al negozio di pranzo rosa Mooy: 'Già... (Anversa)

Starbucks in Russia guadagna principalmente dalle licenze che vende per aprire e gestire una filiale del marchio. In precedenza, la società ha annunciato che donerà tutti questi proventi agli aiuti di emergenza in Ucraina. Starbucks non ha filiali in quel paese.

Coca Cola

Il gigante delle bevande analcoliche Coca-Cola non farà più affari in Russia. compagnia americana Dice che simpatizza Con “le persone che subiscono le conseguenze incalcolabili dei tragici eventi in Ucraina”. Non è subito chiaro cosa significhi concretamente per la vendita di Coca-Cola e di marchi come Fanta in Russia.

A PepsiCo è stato detto che sospenderà tutti gli investimenti e le promozioni in Russia. “Ora più che mai, come azienda alimentare, dobbiamo rimanere fedeli al lato umano della nostra attività”, si legge in un’e-mail interna. “Ciò significa che abbiamo la responsabilità di continuare a offrire i nostri altri prodotti in Russia, comprese le necessità quotidiane come latte e altri prodotti lattiero-caseari, alimenti per l’infanzia e alimenti per l’infanzia”.

Leggi anche: Il paragrafo precedente Jimmy (77) riferisce all’ambasciata ucraina come volontario di guerra: “Sì, tornerò. E no, non tra quattro assi ”(+)