QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo Schachmann, anche Kobe Goossens ha criticato il comportamento delle gare Jumbo-Visma: “A lungo andare potrebbe funzionare contro di loro”

Le cadute hanno rovinato ancora una volta la tappa finale della sesta tappa del Tour de France, giovedì. Successivamente, Maximilian Schachmann (BORA-hansgrohe) ha criticato Jumbo-Visma. Prima dell’inizio della settima tappa, Kobe Goossens si è unito a Schachmann: “Non è la prima volta che succede qualcosa di simile ai corridori jumbo-visma”.

fonte: BELGA

Lui vive. Guarda da vicino la fase 7 del tour qui!

Kobe Goossens ha corso oggi con un ginocchio danneggiato dall’incidente di ieri. Il motivo di questo crollo è stato Primoz Roglic. “Non è passato da nessuna parte”, ha detto Goossens a Sporza. “Questa non è la prima volta che succede qualcosa del genere a un pilota Jumbo-Visma. Ha guidato attraverso la ghiaia e ha iniziato a scivolare da solo e non potevo andare da nessuna parte. Rimasi lì”.

“Sono arrabbiato ora? Non l’ha fatto consapevolmente, ma succede regolarmente a Jumbo Visa. A lungo termine potrebbe funzionare contro di loro. “

Schachmann: “Guidano come matti”

“Jumbo-Visma ha bisogno di agire normalmente per una volta”, ha detto eccitato. “Roglic ha causato un’altra caduta oggi. Fa impazzire l’intera squadra e sta guardando l’ultimo centimetro di strada. E ancora non possono. È pericoloso per tutti i piloti e totalmente inutile. Penso che non sia appropriato. “

Il 28enne tedesco ha visto il suo leader Alexander Vlasov cadere a 13 chilometri dal traguardo. Il russo alla fine è riuscito a farla franca con alcuni graffi e tagli. Ha perso anche solo cinque secondi ed è sesto in classifica, a 52 secondi dalla maglia gialla Tadej Pojjakar (UAE Team Emirates). Quando Vlasov cadde, Roglic dovette sterzare e guidare per pochi metri attraverso la banchina.

© Reuters

“Se non c’è posto, allora non c’è posto”, ha continuato Schachmann. “Devi accettarlo e non cercare il minimo distacco per arrivare in testa. Roglic è stato fortunato a non essere caduto lui stesso oggi”. Lo sloveno ha affrontato duramente sull’asfalto mercoledì sulla tappa acciottolata ad Arenberg. Si è lussato la spalla e ha perso due minuti.

Leggi anche.200 km di fiamma per 20 punti e 2.000 euro: i pro non superano i contro per Wout van Aert

Leggi anche.Anche Wout van Aert è stato criticato dopo una lunga corsa al Tour: “Se è van der Poel, va bene, ma si lamenterà comunque”

READ  Hollerbach, allenatore di STV: "Perché metterei le copertine al primo posto? Perché non ho nessun altro" | calcio