QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopotutto, l’MRSA non è stato creato dall’uomo

Nella ricerca dell’origine dei superbatteri, i ricercatori stanno – sorprendentemente – finendo non con i nostri antibiotici, ma con … il riccio.

L’MRSA è considerato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una delle maggiori minacce per la salute umana. Questo perché i superbatteri non sono sensibili (resistenti) al trattamento con l’antibiotico meticillina; Un farmaco di uso comune. È stato a lungo creduto che l’avvento degli antibiotici fosse la base per l’origine dei batteri resistenti agli antibiotici. ma secondo Nuovo studio Sorprendentemente, questo non è il caso.

resistenza agli antibiotici
Gli antibiotici sono medicinali che il medico prescrive se si contrae un’infezione causata da batteri. L’antibiotico quindi uccide i batteri o ne blocca la crescita. Tuttavia, sempre più batteri stanno diventando resistenti agli antibiotici, il che significa che il farmaco non funziona più. La resistenza agli antibiotici è stata a lungo considerata un fenomeno recente guidato dall’uso clinico degli antibiotici.

temperamento natura
Come accennato, i batteri MRSA sono resistenti all’antibiotico meticillina e quindi non possono essere uccisi. Di conseguenza, i batteri possono causare infezioni difficili da trattare e talvolta fatali. MRSA tiene occupate le persone per molto tempo. Poiché la maggior parte degli antibiotici che usiamo oggi ha origine in natura, i ricercatori ipotizzano che la resistenza ad essi possa già esistere in natura. Negli ultimi anni sono stati esaminati molti animali. Perché un certo tipo di MRSA è presente anche in natura?

ricci
La risposta è sì. In un nuovo studio, gli scienziati hanno esaminato i tamponi di diversi ricci che vivono sia in Europa che in Nuova Zelanda. Il sessanta percento dei ricci intervistati è risultato positivo per un tipo di batterio MRSA noto come mecC-MRSA.

READ  Singapore smette di contare i casi di Covid e prevede di trattare un virus come l'influenza

Shemel
Oltre ai batteri, i ricercatori hanno trovato anche un fungo sulla pelle di questi animali. Trichophyton erinacei Chiamata. Questi funghi sono noti per produrre alcune sostanze chimiche che possono uccidere i batteri. Un tipo di antibiotico. Poi tutti i pezzi del puzzle sono andati a posto all’improvviso. Perché è possibile che la resistenza agli antibiotici MRSA si sia sviluppata perché vive accanto ai funghi sulla pelle del riccio.

Origine
I ricercatori hanno quindi deciso di sequenziare i geni mecC-MRSA trovati sui ricci per rilevare la loro prima comparsa. “Abbiamo scoperto che esisteva già nel 19° secolo”, ha detto il ricercatore Ewan Harrison. MecC-MRSA probabilmente ha avuto origine circa 200 anni fa, intorno al 1800, molto prima che la meticillina fosse introdotta nel 1959. “Quindi il nostro studio mostra che l’uso della penicillina non era l’origine dei batteri resistenti agli antibiotici; È stato un processo biologico naturale”, spiega Harrison. “Sospettiamo che l’MRSA si sia evoluto in una lotta per la sopravvivenza sulla pelle dei ricci e poi si sia diffuso al bestiame e agli esseri umani attraverso il contatto diretto”.

avvertimento
Ciò significa che i temuti batteri MRSA non sono stati creati dall’uomo, ma sono precedenti all’uso di antibiotici in ambito medico e agricolo. La resistenza agli antibiotici può insorgere in natura. “Questo studio è un chiaro avvertimento”, ha detto il ricercatore Mark Holmes. “Quando usiamo gli antibiotici, dobbiamo usarli con cautela. C’è un “serbatoio” molto grande in natura in cui i batteri resistenti agli antibiotici possono sopravvivere. Da lì, è un piccolo passo per il bestiame e poi per gli umani”.

READ  Rhett aveva un linfoma a causa di una protesi mammaria ed è una delle 60.000 donne che ora vogliono l'equità

Secondo i ricercatori, i risultati non sono motivo di temere i ricci: le persone raramente vengono infettate da mecC-MRSA. “Inoltre, non sono solo i ricci ad ospitare batteri resistenti agli antibiotici: tutta la fauna selvatica trasporta diversi tipi di batteri, oltre a parassiti, funghi e virus”, ha detto Holmes. “Animali selvatici, bestiame e persone sono tutti interconnessi: condividiamo tutti un ecosistema. Non è possibile comprendere l’evoluzione della resistenza agli antibiotici se non si guarda all’intero sistema”.

Lo sapevate…

… Potrebbero le minuscole particelle d’oro essere un’arma sorprendente nella lotta contro la resistenza agli antibiotici? Anche la crescita di MRSA può essere efficacemente inibita in questo modo. leggere qui inoltre!