QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dott. Zoe Williams rivela i modi migliori per affrontare la febbre da fieno e prevenire i sintomi spiacevoli, dal prurito agli occhi al prurito alla gola

Potrebbe essere bello e soleggiato fuori, ma per chi ha la febbre da fieno, questo periodo dell’anno può essere infelice.

Circa un adulto su quattro soffre di raffreddore da fieno e la maggior parte di loro è allergica al polline di graminacee, che divampa da metà maggio a luglio.

Sono stato sommerso dalle domande dei lettori su come gestire e prevenire i sintomi fastidiosi, dal prurito agli occhi al naso che cola e alla gola.

Quindi qui rispondo ad alcune delle domande che continuano a emergere. Spero che aiuti a portare un po’ di sollievo.

SQuali sono i migliori trattamenti per i pazienti con raffreddore da fieno e dove posso ottenerli?

R: La farmacia è il primo punto di riferimento per questo, soprattutto perché gli antistaminici generici (senza marchio) e altri rimedi contro il raffreddore da fieno sono disponibili allo sportello e sono generalmente più economici di una prescrizione.

Avviso di febbre da fieno, dove i livelli di polline sono alti in due aree, sei a rischio?

Ecco l’ordine di cosa provare:

Prevenire è meglio che curareEvitare il polline può fare una grande differenza e non dovrebbe essere dimenticato.

Dai un’occhiata al risciacquo del seno NeilMed consigliato da molti allergologi.

Antistaminici in aggiunta allo spray nasale steroideo: La terapia farmacologica di prima linea consiste in un antistaminico (cetirizina o loratadina) o in uno spray nasale steroideo.

Potrebbero essere necessari da alcuni giorni a tre settimane prima che uno spray steroideo abbia effetto.

Quindi, idealmente, inizia a prenderlo alcune settimane prima di aspettarti qualsiasi sintomo.

La maggior parte delle persone dimentica di farlo, ma vale la pena tenere a mente questo ritardo e continuare a usarlo anche se non si ottiene un sollievo immediato dai sintomi.

Terapie complementariIl farmacista può consigliare ulteriori trattamenti che puoi provare in base ai tuoi sintomi.

READ  In Canada è stato identificato un possibile caso di infezione da coronavirus da cervo a uomo

Questi includono tipi alternativi di spray nasali (sodio cromoglicato, ipratropio bromuro o decongestionanti) e colliri.

Se i sintomi persistono, il passo successivo è consultare il medico di base, che può prescrivere l’antistaminico fexofenadina, o per coloro che hanno anche l’asma, un farmaco chiamato montelukast.

A volte, per casi gravi vengono utilizzati brevi cicli di steroidi e alcune persone che non si sentono a proprio agio nonostante tutto quanto sopra possono essere indirizzate all’immunoterapia.

Circa un adulto su quattro ha la febbre da fieno e la maggior parte di loro è allergica al polline di graminacee, che divampa da metà maggio a luglio

2

D) È sicuro assumere farmaci per la febbre da fieno se aspetto un bambino?
a) Le donne che hanno già la febbre da fieno possono scoprire di essere più sensibili ai pollini durante la gravidanza e altre possono sviluppare la febbre da fieno per la prima volta.

Evitare il polline è sempre consigliato come prima strategia, che tu sia incinta o meno, e semplici accorgimenti come la vaselina nelle narici possono fare una grande differenza.

Per i farmaci, il trattamento di prima linea dovrebbe essere uno spray nasale steroideo o uno spray nasale cromoglicato di sodio e dovrebbe essere iniziato due settimane prima che i sintomi siano attesi, poiché potrebbe essere necessario del tempo prima che abbiano effetto.

Poiché viene iniettato direttamente nel naso, quantità molto piccole entrano nel flusso sanguigno. È anche una buona idea usare colliri di sodio cromoglicato.

Se i sintomi persistono e soprattutto se sono abbastanza gravi da influenzare negativamente la tua salute fisica o mentale, ad esempio impedendoti di fare esercizio o dormire correttamente, dovresti parlare con il tuo medico o farmacista per prendere in considerazione l’assunzione di un antistaminico.

Non ci sono prove che sia dannoso per un bambino, ma non è stato testato in modo specifico.

READ  Epatite cronica B: chi può fermare gli analoghi di Nucleos(t)ID?

Di solito, la loratadina è preferita da assumere durante la gravidanza.

Questo e la cetirizina possono essere assunti naturalmente durante l’allattamento.