QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dove sono finiti tutti gli uomini a Mosca? “Sento che ora siamo un paese di donne”

Nell’intera capitale russa, ci sono molti meno uomini nei ristoranti, nei negozi e negli incontri sociali. Molti di loro sono stati chiamati a combattere in Ucraina. Altri sono appena fuggiti per evitare la coscrizione.

Valerie Hopkins

Il negozio di barbiere Chop Chop nel centro di Mosca era sempre affollato il venerdì pomeriggio, ma all’inizio dello scorso fine settimana solo uno dei quattro posti era occupato. “Normalmente saremmo pieni ormai, ma circa la metà dei nostri clienti se ne sono andati”, ha detto il manager, una donna di nome Olya. Molti clienti – inclusa la metà dei parrucchieri – sono fuggiti dalla Russia per sfuggire alla campagna del presidente Vladimir Putin per mobilitare centinaia di migliaia di uomini per la campagna militare in Ucraina.

Molti degli uomini rimasero all’interno, temendo di essere chiamati alla leva. Quando Olya è venuta al lavoro venerdì scorso, ha visto le autorità controllare i documenti a ciascuna delle quattro uscite della stazione della metropolitana. Anche il suo ragazzo, che faceva il parrucchiere nel salone, è scappato e il divorzio ha avuto un pesante tributo. “Ogni giorno è duro”, dice Olya, che, come le altre donne intervistate, non vuole usare il suo cognome per paura di rappresaglie. “È difficile per me sapere cosa fare. Abbiamo sempre pianificato tutto in coppia”.

Sicuramente non è sola. Sebbene ci siano ancora molti uomini in una città di 12 milioni di persone, la loro presenza è diminuita in modo significativo: nei ristoranti, nella comunità hipster e negli incontri sociali come cene e feste. Ciò è particolarmente vero per l’intellighenzia cittadina, che spesso dispone di entrate e passaporti per viaggiare all’estero.

Braciola da barbierefoto del New York Times

Imballaggio parziale

Alcuni oppositori maschi partirono per invadere l’Ucraina allo scoppio della guerra; Altri contrari al Cremlino generalmente fuggivano per paura di essere catturati o perseguitati. Ma la maggior parte degli uomini che se n’erano andati nelle ultime settimane erano stati arruolati per prestare servizio nell’esercito e volevano evitare la coscrizione o temevano che la Russia chiudesse i suoi confini ora che Putin aveva dichiarato la legge marziale.

Nessuno sa esattamente quanti uomini siano rimasti da quando Putin ha annunciato la “mobilitazione parziale”, ma centinaia di migliaia di uomini sì. Venerdì Putin ha affermato che erano stati richiamati almeno 220.000 uomini.

Almeno 200.000 uomini sono andati nel vicino Kazakistan, dove i russi possono entrare senza passaporto, secondo le autorità. Decine di migliaia sono fuggiti in Georgia, Armenia, Azerbaigian, Israele, Argentina ed Europa occidentale.

“Sento che ora siamo un paese di donne”, ha detto Stanislava, una fotografa di 33 anni, a una festa di compleanno a cui hanno partecipato principalmente donne. “Stavo cercando degli amici maschi che mi aiutassero a spostare dei mobili e mi sono reso conto che erano quasi tutti spariti”.

Stazione della metropolitana di Mosca, la maggior parte dei passeggeri oggi sono donne.  foto del New York Times

Stazione della metropolitana di Mosca, la maggior parte dei passeggeri oggi sono donne.foto del New York Times

Arrivederci

Molte donne sposate sono rimaste a Mosca quando i loro mariti sono fuggiti, o dopo aver ricevuto una povestka – una convocazione – o prima che una di loro potesse arrivare.

“Io e i miei amici ci riuniamo per bere, parlare e sostenerci a vicenda, per sentire che non siamo soli”, ha detto Lisa, 43 anni, il cui marito è avvocato per una grande multinazionale, pochi giorni prima di Putin. Annunciato ha ricevuto una chiamata. Ha lasciato il lavoro ed è fuggito in un paese dell’Europa occidentale, ma Lisa è rimasta perché la loro figlia va a scuola e tutti i suoi nonni sono in Russia.

Le donne i cui mariti sono stati chiamati spesso hanno tempo solitario davanti a loro, ma la sensazione di solitudine è offuscata dalla paura che i loro mariti possano non tornare in vita. La scorsa settimana, mogli, madri e figli si sono riuniti in un voenkomat, o commissariato militare, nel nord-ovest di Mosca per salutare i propri cari che erano stati mandati al fronte.

I parenti si salutano all'ufficio di collocamento a Mosca.  foto del New York Times

I parenti si salutano all’ufficio di collocamento a Mosca.foto del New York Times

“Questi ragazzi sono come giocattoli nelle mani dei bambini”, ha detto Ekaterina, 27 anni, il cui marito Vladimir, 25 anni, era dentro a raccogliere le sue razioni e stava per portarlo in un campo di addestramento fuori Mosca. “È solo carne da cannone.” Avrebbe voluto che fosse sfuggito alla convocazione, dicendo che sarebbe stato meglio per lui trascorrere qualche anno in prigione piuttosto che tornare a casa morto.

Strip club vuoti

Mentre i moscoviti hanno potuto godersi un’estate divertente quando sembrava che nulla fosse cambiato radicalmente dall’invasione dell’Ucraina, la situazione è molto diversa con l’inizio dell’inverno e gli effetti della guerra, comprese le sanzioni, che diventano più evidenti.

Lunedì il sindaco di Mosca ha annunciato la fine ufficiale della mobilitazione nella capitale. Ma molte aziende hanno già subito una battuta d’arresto. Nelle due settimane successive alla chiamata, gli ordini nei ristoranti di Mosca sono diminuiti del 29% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il quotidiano Kommersant ha riferito che Sberbank, la più grande banca russa, ha chiuso 529 filiali solo a settembre.

Molti centri commerciali del centro sono vuoti, con cartelli “IN AFFITTO” davanti alle finestre. Anche la più grande compagnia aerea russa, Aeroflot, ha chiuso i suoi uffici nell’elegante via Petrovka. Nelle vicinanze, le vetrine dei negozi sono finalmente coperte poiché i designer occidentali hanno cambiato le loro statue per tutta l’estate.

“Mi ricorda l’Atene nel 2008, durante la crisi finanziaria”, ha affermato Alexey Ermilov, fondatore di Shopshop. Ermilov ha affermato che tra i 70 barbieri a pieno titolo, Mosca e San Pietroburgo sentono maggiormente l’assenza di uomini. Ciò è in parte dovuto al fatto che più persone hanno i mezzi per andarsene.

I media locali hanno riferito che la partecipazione a uno dei più grandi strip club di Mosca è diminuita del 60% e che ci sono meno guardie di sicurezza disponibili a causa della mobilitazione o della fuga.

Le reclute posano per una foto con i loro parenti in un'agenzia di collocamento a Mosca.  foto del New York Times

Le reclute posano per una foto con i loro parenti in un’agenzia di collocamento a Mosca.foto del New York Times

Uomini disponibili

Nel frattempo, i download di app di appuntamenti sono aumentati notevolmente nei paesi in cui gli uomini russi sono fuggiti. In Armenia, il numero di nuove registrazioni su Mamba, l’app di appuntamenti, è aumentato del 135 percento, ha detto un rappresentante dell’azienda a RBK, una rivista di notizie russa. In Georgia e Turchia, il numero di nuovi download ha superato il 110 per cento, mentre in Kazakistan è aumentato del 32 per cento.

“Tutti gli uomini sani di mente se ne sono andati”, ha detto Tatiana, una venditrice di tecnologia di 36 anni, guardando una partita a biliardo con i suoi amici in una confraternita nella trendy Stoleshnikov Alley. “Il piscina di incontri Riduci almeno il 50 percento. “In estate, il vicolo era ancora pieno di giovani russi che volevano divertirsi. Ma lo scorso sabato sera era relativamente vuoto. Tatiana ha detto che molti dei suoi clienti se ne erano andati, ma aveva intenzione di restare. Il suo lavoro non non permettere il lavoro a distanza E non voleva il suo grosso cane su un aereo.

D’altra parte, altri moscoviti stanno ancora progettando di partire. Alyssa, 21 anni, un altro membro della confraternita, ha detto di essersi appena laureata e di voler risparmiare abbastanza soldi per lasciare la Russia una volta che i suoi amici hanno finito gli studi. In modo che possano affittare insieme una casa all’estero. “Non vedo alcun futuro qui in Russia, almeno non mentre Putin è al potere”.

Olya, direttrice del barbiere Chop Chop.  Il suo ragazzo è fuggito dalla Russia.

Olya, direttrice del barbiere Chop Chop. Il suo ragazzo è fuggito dalla Russia. “È difficile per me sapere cosa fare”, ha detto. Abbiamo sempre pianificato tutto in coppia”.foto del New York Times

Per gli uomini che sono rimasti, spostarsi per la città è diventato snervante. “Cerco di guidare ovunque perché per strada e vicino alla metropolitana possono emettere citazioni”, ha affermato Alexander Peribalkin, direttore del marketing e caporedattore di Blueprint, una pubblicazione di moda e cultura.

Pereblakin è rimasto in Russia perché si sentiva obbligato nei confronti dei suoi oltre cento dipendenti a far andare avanti l’azienda. Ma i suoi uffici ora gli ricordano i primi mesi della pandemia di Corona a causa di tutte le persone scomparse. Lui ei suoi soci in affari non sanno cosa fare. “Il marketing è il tipo di attività che si fa nella vita normale”, ha detto in un caffè elegante, ma non in tempo di guerra, Uno spazio per il lavoro di squadra. Il caffè era quasi completamente pieno di donne, incluso un gruppo che festeggiava un compleanno con un corso di addobbi floreali.

Nel parrucchiere Chop-Chop, il fondatore Ermilov ha detto qualcosa di simile. È partito per Israele alla fine di settembre e ora ha in programma di aprire una società che non ha presenza fisica nel suo paese d’origine ed è “meno esposta ai rischi geografici”. In Russia, i manager dei parrucchieri hanno discusso della possibilità di espandere i servizi alle clienti donne. “Stiamo parlando di riorientare l’azienda”, ha detto Olea, il manager. “Ma è impossibile pianificare ora, ora che l’orizzonte di pianificazione è cambiato a circa una settimana”.

© 2022 The New York Times Company

READ  È vero che le zanzare come il tuo gruppo sanguigno sono migliori? † Dalì