QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Draghi si dimette, l’Italia potrebbe andare alle elezioni anticipate

Il premier italiano Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni al presidente Mattarella giovedì dopo un voto di fiducia al Senato in cui i tre partiti al governo si sono astenuti. L’ha accettato. In autunno potrebbero esserci elezioni anticipate.

Nella stanza dove è intervenuto Mario Draghi giovedì mattina, ha ricevuto un minuto di applausi che lo ha commosso. Il Presidente del Consiglio uscente ha ringraziato i politici per il loro lavoro e il loro apprezzamento. C’era ancora spazio per una battuta: “Vedi anche i banchieri centrali usano il loro cuore di tanto in tanto”.

Draghi è sopravvissuto al voto di fiducia al Senato mercoledì sera, ma i tre partiti al governo si sono astenuti. Manca dunque l’unità, condizione per continuare a governare. Si è recato dal presidente Sergio Mattarella e ha aggiornato la Camera per presentare le dimissioni.

Il Presidente ha ora accettato le dimissioni. Il Parlamento di solito viene sciolto e le elezioni anticipate in Italia si tengono tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre. Fino ad allora, Draghi sarà primo ministro di un governo provvisorio.

Governo di unità nazionale

La partenza di Draghi segna la fine prematura del governo di unità nazionale, a cui tutti i partiti politici tranne uno (l’estrema destra Fratelli Italia di Giorgia Meloni) hanno partecipato dal febbraio dello scorso anno.

Draghi, non un politico di partito ma un tecnocrate, ha assunto l’incarico del presidente Sergio Mattarella di guidare un governo di unità per guidare l’Italia fuori dalla pandemia di Covid che ha colpito duramente l’Italia umanamente, socialmente ed economicamente. Il capo dello Stato ha rivolto tale richiesta a Draghi, in quanto l’ex presidente della Banca centrale europea ha una lunga esperienza e una forte reputazione.

READ  Sir Edmund Gin inizia a collaborare con Meragally Spirits in Italia

Il governo Draghi è partito alla grande, definendo un piano convincente per portare miliardi dal fondo di ristrutturazione europeo e avviare le riforme. Ma nelle ultime settimane i problemi politici si sono accumulati e Draghi ha gradualmente fatto il pieno.

Mercoledì mattina, Draghi ha pronunciato un emozionante discorso al Senato in cui ha propagandato i risultati del suo governo. Allo stesso tempo era franco e severo e non risparmiava le sue critiche ai piantagrane. Draghi ha notato che nel corso dei mesi la spaccatura era cresciuta. Ha detto senza mezzi termini di essere venuto in parlamento dopo la sua offerta di dimissioni la scorsa settimana, ispirato da un forte appello della società italiana a continuare a governare. “Siamo qui oggi per quella questione degli italiani – e solo per questo”, ha dichiarato.

Una barriera a destra

Non essendo mai stato eletto, Draghi ha preferito fare affidamento sul più ampio sostegno possibile in parlamento come capo del governo. Quindi ha chiesto ai senatori se fossero disposti a ricostruire un’ampia maggioranza che potesse governare il Paese in caso di emergenza, senza assecondare interessi politici di parte. Le parole dirette di Tragi ‘Imbroglia Brondy?!’ o “Sei pronto?” Accorciate questa crisi del governo italiano e passate alla storia.

Ma già durante il discorso di Draghi nell’auditorium di Palazzo Madama era chiaro che non tutti i senatori erano d’accordo. Decisamente disapprovante Matteo Salvini, senatore e capogruppo della Lega di destra al potere. Ben presto divenne chiaro che Leka non era soddisfatto del discorso di Draghi. Nemmeno il Movimento Cinque Stelle è responsabile di questa crisi di governo.

Tuttavia, questa volta il centrodestra ha sollevato un nuovo ostacolo. La Lega di Salvini e Forza Italia, il partito dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, hanno avanzato una serie di richieste dopo che Draghi ha chiarito di non voler accettare nuove richieste, veti o dichiarazioni finali. Il centrodestra ha però detto di voler riaffermare la fiducia nel governo Draghi a condizione che la squadra di governo venga completamente rimescolata e il Movimento Cinque Stelle venga cacciato.

READ  Nations League: l'Inghilterra incontra Germania, Italia e Galles - Belgio e Olanda

Dopo ore di discussioni, Draghi ha avuto l’ultima parola. Il Primo Ministro ha dato l’impressione che stesse finendo la pazienza e ha detto che non aveva molto da aggiungere al suo discorso di quella mattina. Tuttavia, non ha mancato di sottolineare che “non stava chiedendo il potere assoluto” – come ha accusato, tra gli altri, la politica dell’opposizione Georgia Meloni. Draghi ha detto che se non avesse voluto rispettare la democrazia parlamentare, sarebbe tornato quella mattina per ripetere le dimissioni. “Allora votate ora”, ha detto, senza una parola sulle richieste aggiuntive del centrodestra.

Può leggere solo ‘Vota il mio governo’. Ma l’opposizione Movimento Cinque Stelle, Lega e Forza Italia no. Si sono astenuti dal voto, con il risultato che il governo Draghi ha acquisito fiducia in un Senato ancora notevolmente assottigliato, ma senza il sostegno dei tre partiti al governo.

La BCE dovrebbe frenare il debito pubblico italiano

Le elezioni anticipate sono previste per fine settembre o inizio ottobre, circa sei mesi prima della fine del mandato. Ma quei sei mesi, con Draghi al timone, avrebbero fatto davvero la differenza. Non è ancora stato approvato un budget e 55 obiettivi per i fondi di ristrutturazione europei devono ancora essere raggiunti per sborsare 19 miliardi di euro.

Per coincidenza, oggi, giovedì, la Banca Centrale Europea annuncerà anche maggiori dettagli su un nuovo strumento per evitare che i rialzi dei tassi di interesse (nella lotta all’inflazione) facciano deragliare il debito pubblico italiano. L’esperienza della leadership di Draghi è fondamentale per rassicurare la BCE ei mercati. Giovedì mattina la borsa di Milano ha registrato una perdita immediata del due per cento.

READ  L'ambasciatore afghano, licenziato dai talebani, ha rivendicato la carica di ambasciatore in Italia