QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

DSM è l’ombra di se stesso in tour: “Un anno non è l’altro” | Viaggio

“Cosa sta succedendo? Avevamo l’ambizione di avere successo e questo non è un problema”, spiega il direttore sportivo Mark Reeve (per ora) il deludente DSM Tour.

“La preparazione del velocista Sis Paul non è stata perfetta: 3 settimane prima della partenza ha avuto la febbre per 6 giorni. Tessig Pinot è caduto due volte, e anche Kasper Pedersen ha avuto una brutta caduta. Non è stato come dovrebbe”.

Con Bol, DSM spera di invertire la tendenza ancora una volta. “Pensiamo che migliorerà. Non ha ancora passato un brutto momento. Fisicamente le cose stanno andando per il verso giusto”. Il corridore olandese si è assicurato l’unica vittoria della squadra finora a Parigi – Nizza.

Questo tour è un’enorme differenza rispetto al Sunweb Tour dell’anno scorso. Poi Mark Hershey era ovunque e la squadra iperattiva ha vinto anche due tappe con Soren Craig Andersen.

“Un anno non è l’altro”, Reeve rimane severo. “Siamo concentrati su ciò che possiamo fare e rimanere di buon umore”.

Nel frattempo, sempre più storie di brontolii e fastidio nel giro della squadra.

Soren Garage Andersen vivrà scontento perché non può decidere da solo l’altezza della sua sella, riposare con Ilan van Wilder è nell’aria e Tessj Bennott metterà in discussione anche il fitto calendario della squadra.

Mark Reeve: “Ci sono storie in corso, ma ci concentriamo sul Tour. Se questo influisce sulla squadra? Questo è uno sport generale e tutti hanno opinioni”.

“Se gli spettacoli non sono quello che sono, le persone inizieranno a cercare. Non puoi fermarlo. Fantastico: tutti possono avere un’opinione”.

READ  Il Galles fa un grande passo verso gli ottavi di finale sconfiggendo la Turchia e assumendo il ruolo di protagonista per il Bale European Championship 2020

“Krag Andersen? Abbiamo esperti nella squadra e lavorano in consultazione con il pilota. È così che lavoriamo. Van Wilder? Ci stiamo lavorando. Pinot? È stato così deluso dopo il suo ritiro”, ha continuato a schivare il direttore sportivo .