QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Due donne palestinesi uccise a colpi di arma da fuoco in due incidenti in Cisgiordania | Notizia

Due donne palestinesi sono state uccise a colpi d’arma da fuoco in due incidenti separati in Cisgiordania domenica. Lo hanno riferito l’esercito e la polizia israeliani.

Il primo incidente è avvenuto vicino alla città di Betlemme. La donna si stava comportando in modo sospetto, secondo i militari. Si è avvicinata ai soldati quando hanno sparato colpi di avvertimento in aria e le hanno detto di fermarsi. I soldati le hanno sparato e l’hanno colpita nella parte inferiore del corpo. È morta mentre si recava in ospedale per le ferite riportate. Secondo i media israeliani, la donna non era armata.

La seconda è stata uccisa dopo aver accoltellato un agente di polizia nel centro di Hebron. “Sono andato a una stazione di pattuglia di frontiera per accoltellare un agente”. La polizia ha detto che l’agente ha riportato ferite lievi. Un portavoce della polizia ha poi detto all’Afp che la donna era morta. L’incidente è avvenuto vicino alla Moschea Ibrahimi, luogo sacro per ebrei e musulmani.

La situazione in Israele è molto tesa dopo quattro attacchi in due settimane che hanno ucciso 14 persone. Israele teme ulteriori violenze durante il Ramadan, iniziato all’inizio di aprile.

Giovedì, un palestinese di un campo profughi in Cisgiordania ha sparato ad altre tre persone a Tel Aviv.

Leggi anche. Tre palestinesi sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco in Cisgiordania