QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Due esperti spiegano come il giardinaggio può renderti più felice. “Rafforza anche il tuo sistema immunitario” | paziente sociologico

Una vita più lunga, più felice e più resiliente? Radica il terreno e vai in trance nel giardino, perché la coltivazione di ortaggi è diventata una potente forma di consapevolezza. La giornalista e “urban tree stout” Eileen Van Lanker e l’agricoltore biodinamico e mietitrice selvatica Jana Melbaugh sono state tutte influenzate dal giardinaggio consapevole. “I batteri nel terreno stimolano la produzione dell’ormone della felicità”.

La felicità verde è stata in cima all’agenda sin dalla crisi del Corona: la natura è stata un antidoto. Abbiamo esplorato in massa le nostre riserve naturali nazionali e i centri dei parchi hanno raggiunto un fatturato record. Nel suo libro, Het Groene Geluk, Eileen Van Lanker afferma che il giardino era in realtà una sorta di santuario secoli fa.

Nelson Mandela, ad esempio, descrisse la coltivazione di ortaggi come il suo ultimo respiro di libertà nella prigione di Robben Island e Sigmund Freud vi trovò sollievo dopo aver dovuto fuggire dal suo paese durante la seconda guerra mondiale. “Anche i primi raccolti in epoca preistorica, secondo gli storici, non erano per l’autosufficienza, ma per i sacrifici rituali agli dei. Il giardino esisteva principalmente per rafforzare la salute e la felicità.

euforia da giardino

Con successo: i giardinieri sono tra le persone più felici e longeve del mondo. Grazie alla loro fatica fisica, all’aria fresca, ai mono compiti curativi nell’orto e sorprendentemente: la spinta che il terreno ti dà.


Citazione

Quando si radica nel terreno, vengono rilasciati alcuni batteri. Inalandolo, stimoli la produzione dell’ormone della felicità, la serotonina.

Giornalista e “Albero urbano” Eileen Van Lanker

Eileen Van Lanker: “Quando scavi nel terreno, vengono rilasciati alcuni batteri che rafforzano il sistema immunitario e migliorano la flora intestinale. Ma la cosa più importante è che l’inalazione di questi batteri stimoli la produzione dell’ormone della felicità, la serotonina”.

Per la coltivatrice biodinamica e mietitrice selvatica Jana Melpo, il giardinaggio è una forma di consapevolezza. “Non mi sento da nessuna parte qui e ora come mi sento in campo. Perdo il senso del tempo: conta solo il ritmo della natura. Con le mani per terra mi sento con i piedi per terra in senso letterale e figurato”. .”

Elaine chiama questa esperienza “un giardino di trance”. “Mentre innaffiamo le piante ed estirpiamo, le nostre teste vengono nutrite di nuovo e liberate da pensieri inquietanti”.

(Leggi di più sotto l’immagine.)

Jana Melbo, contadina vitale e mietitrice selvatica. © Emma Boussat

Lezioni dalla natura

Anche se non puoi sfuggire (opzione) all’oscurità nel tuo orto. Basti pensare al gelo devastante, alla siccità costante o alla peste devastante. “Sono i capricci di Madre Terra che costringono a mettere le cose in chiaro”, dice Eileen. “Perché non importa quanto tu sia coinvolto o negligente, non c’è mai una connessione diretta tra la cura di un giardiniere e il risultato finale. In una società orientata alla performance in cui ci viene insegnato che tutto è possibile se ci impegniamo abbastanza, questo è assolutamente idea rivoluzionaria: in effetti puoi solo essere umile. E vedere cosa succede”.


Citazione

Pomodori, melanzane, zucchine… La fruttificazione avviene secondo uno schema fisso, in un determinato periodo dell’anno. Devi rispettarlo.

Jana Melbaugh, coltivatrice biodinamica e mietitrice selvatica

Jana crede che il giardinaggio significhi imparare a lasciarsi andare. E abbraccia la bellezza della pazienza. “Pomodori, melanzane, zucchine… La fruttificazione avviene secondo uno schema fisso, in un determinato periodo dell’anno. Bisogna accettarlo e rispettarlo. È una bella lezione di vita: non sempre si può dare frutto, e questo va benissimo: prima devi passare attraverso diverse fasi”.

trattamento del giardino

Quindi non è sorprendente che terapia orticola Famoso. Il concetto di terapia clinica del giardino risale a duecento anni fa, ma in sempre più paesi – guidati dal Regno Unito e dalla Scandinavia – i medici prescrivono il giardinaggio a pazienti che soffrono di depressione, ansia o solitudine.

Eileen van Lanker: “Secondo i medici, l’effetto terapeutico sta principalmente nell’assumere il ruolo di cura, soprattutto perché le piante sono molto meno complesse e intimidatorie delle relazioni umane. Inoltre, promuovono la fiducia ideale: non importa quanti rancori abbiano i pazienti su se stessi, le piante in crescita sono la prova vivente che possono contribuire con qualcosa di buono al mondo”.

Per saperne di più?

Felicità verde, Elaine Van Lanker (Baffi editore, € 24,99

Leggi anche:

Coltivare ortaggi è un clamore: 4 fiamminghi condividono i loro migliori consigli, appena usciti dall’orto. Ci sono molti trucchi naturali.

Uno per gli amanti delle piante estreme: con il “karting” aggiungi un tocco di verde al cruscotto

“Aiuto, tutti i miei pomodori sono marci!” Grazie ai consigli di Wildfarmer Dries, il tuo orto avrà successo

READ  La figlia di Daniel Craig fa un'apparizione straordinaria all'after party di "No Time to Die" | spettacolo