QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Due missili sono stati lanciati contro l’ambasciata americana in Iraq dopo l’accordo di Biden con il primo ministro iracheno | Notizia

Due missili sono stati lanciati questa mattina nella zona verde protetta di Baghdad, dove si trova l’ambasciata degli Stati Uniti. Una fonte della sicurezza irachena ha detto all’AFP che non ci sono state vittime o danni. L’operazione sarà una protesta contro le forze straniere ancora presenti.




L’attacco arriva dopo che Joe Biden ha deciso di porre fine alla missione di combattimento in Iraq entro la fine dell’anno, ma non ha ritirato tutte le truppe. Invece di una missione di combattimento, inizierà una nuova fase di cooperazione militare con l’Iraq. Lo ha deciso il presidente degli Stati Uniti dopo il suo incontro con il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi. Lo sviluppo è stato ben accolto dall’ala politica della coalizione filo-iraniana in Iraq, ma si è opposta ai gruppi più estremisti. Sono stati proprio quei potenti gruppi armati fedeli all’Iran a compiere l’attacco all’ambasciata.

Prelievi precedenti

I gruppi estremisti armati sono da tempo desiderosi di attaccare gli interessi americani. Quindi, stanno cercando di forzare un nuovo ritiro delle forze straniere. Le forze di combattimento statunitensi si sono ritirate dall’Iraq nel 2011, dopo il rovesciamento del regime di Saddam Hussein. Tuttavia, sono tornati nel 2014 a causa della lotta contro l’ISIS.

Ora, nel 2021, Biden organizzerà un ritiro simile a quanto accaduto nel 2011, con i militari che continuano ad addestrare l’esercito iracheno ma non partecipano più alle operazioni di combattimento. Biden ha anche ritirato le forze statunitensi dall’Afghanistan all’inizio di quest’anno. A differenza dell’Afghanistan, l’Iraq sembra essere in grado di difendersi da gruppi terroristici come l’ISIS.

READ  Elicottero lanciato contro il presidente colombiano | all'estero

Al momento, la coalizione internazionale per combattere il terrorismo in Iraq conta ancora 3.500 soldati stranieri, di cui 2.500 americani.

Biden: la fine della missione di combattimento degli Stati Uniti in Iraq