QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È possibile che un semplice sonnifero riduca il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer

È possibile che un semplice sonnifero riduca il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer

Da tempo esiste un legame tra dormire a sufficienza e il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno ora studiato se i sonniferi stessi hanno un effetto sull’accumulo di proteine ​​che aumentano il rischio di sviluppare la malattia. Questo si è rivelato il caso.

Nell'ultimo studio di Università di Washington I ricercatori stanno studiando se migliorare il sonno con l’aiuto di sonniferi può ridurre i livelli di proteina tau e beta amiloide nel liquido cerebrospinale. Precedenti ricerche hanno dimostrato che anche una sola notte di sonno disturbato può aumentare i livelli di beta-amiloide.

Ad un gruppo di volontari di età compresa tra 45 e 65 anni è stato somministrato un sonnifero o un placebo un'ora dopo che i ricercatori avevano raccolto una piccola quantità di liquido cerebrospinale. Hanno quindi raccolto un campione ogni due ore per 36 ore mentre i partecipanti dormivano e nel corso del giorno e della notte successivi, per misurare come cambiavano i livelli proteici.

Non sono state riscontrate differenze nel sonno tra i gruppi, ma i livelli di beta-amiloide sono stati ridotti del 10-20% dalla dose di suvorexant, un farmaco comunemente prescritto per trattare l’insonnia. La dose più elevata di suvorexant ha anche ridotto temporaneamente i livelli di tau iperfosforilata, una forma modificata di proteina tau associata alla formazione di grovigli di tau e alla morte cellulare. Ciò è incoraggiante anche quando si tratta di ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

READ  Farmaci migliori e più veloci sul mercato? Questo esperto dice che è possibile con l'intelligenza artificiale