QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È stato trovato un collegamento tra la soda e il cancro del colon

Il cancro del colon è uno dei tipi più comuni di cancro nei Paesi Bassi. Ogni anno a 13.000 persone viene diagnosticato un cancro al colon. Ricerche precedenti hanno mostrato un legame tra il consumo di bibite zuccherate durante l’adolescenza e lo sviluppo di tumori del colon e cancro del colon più avanti nella vita. Utilizzando i dati dello studio di Maastricht e un grande gruppo internazionale di oltre 100.000 partecipanti, i ricercatori dell’UMC+ di Maastricht in collaborazione con l’Institute of Cancer Research di Londra hanno trovato un legame tra un’alterazione innata nell’elaborazione del fruttosio. Cancro al colon.

causa

Il ricercatore capo, il professor Martijn Brouwers, spiega: “Spesso è difficile dimostrare una relazione causale nella ricerca sulla nutrizione. Le persone che bevono bibite gassate spesso hanno anche altre abitudini di vita malsane, che potrebbero anche spiegare il legame con il cancro del colon-retto. Attraverso lo studio di persone che, a causa di una predisposizione genetica a elaborare meno bene il fruttosio nel corpo, possiamo guardare in modo specifico al ruolo del fruttosio nello sviluppo del cancro del colon-retto, e quindi i nostri risultati puntano maggiormente nella direzione dell’effettiva relazione causale tra l’assunzione di fruttosio e lo sviluppo del colon cancro”.

tassa sullo zucchero

Questi risultati supportano gli attuali piani del governo di introdurre una tassa sullo zucchero. Martijn Brouwers: “Il consumo di zucchero della frutta è alto nella società occidentale, soprattutto tra gli adolescenti, perché il fruttosio viene aggiunto agli alimenti trasformati, come le bibite, quindi è importante limitare il più possibile l’assunzione di questi tipi di zuccheri negli alimenti trasformati per prevenire problemi di salute”.

READ  Zoetermeers Dagblad | RIVM: I vaccini proteggono anche dalla trasmissione della variabile delta

A cura di: National Care Guide