QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“È stato un sollievo essere chiamato ‘Alzheimer'” – de Solliners

Tempo di lettura 2 minuti

generale

ZWOLLE – Quella che sembra essere stanchezza si rivela una forma di demenza. Mark Decker (57 anni) è una di quelle persone che hanno questa malattia in tenera età. Gli è stato diagnosticato 6,5 anni fa. Adesso è difficile parlare. Sua moglie Yolanda lo dice a Strick a nome loro. “Non vedi niente in Mark, ma può fare sempre meno in modo indipendente”.

Le bollette rimangono non pagate, Mark ogni tanto chiede un nuovo PIN e al lavoro dimentica una cosa dopo l’altra. Esausto, esausto, cosa sarebbe? A lui e Jolanda non è mai venuto in mente che potesse essere una forma di demenza – Mark è sulla quarantina in quel momento. Dimenticarlo peggiora. “Quando abbiamo discusso durante la cena che avremmo potuto avere un gelato come dessert, dopo pochi minuti ha preso casualmente il latte dal frigorifero”, ricorda Jolanda.

chiarezza

Mark va a lavorare con i quaderni, la consapevolezza e la psicoterapia, ma non cambia nulla. “Quando ho scoperto che ha chiamato il dottore tre volte in un giorno per fissare un appuntamento, ho capito che qualcosa non andava”, dice Yolanda. Inoltre, il premuroso Mark era sempre meno interessato ai capricci di coloro che gli erano vicini. Solo un anno e mezzo dopo gli è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer. I medici volevano prima escludere tutte le altre opzioni. Capisco che siano desiderosi di apporre un'”etichetta” su di esso, ma per noi è stato un sollievo. Chiarezza finalmente,” dice Jolanda.

Le reazioni nel loro ambiente variano. Uno offre aiuto, l’altro affronta il dubbio. Da “Marco ti riconosce ancora?” a “Ma non vedo niente di lui.” “Questa è la parte complicata”, dice Jolanda. “Vogliamo comunque aiutare gli anziani, ma qualcuno che è giovane e in forma e che va ancora in bicicletta non si adatta all’immagine che abbiamo di qualcuno che può usare l’aiuto”.

READ  La pressione è in aumento nella clinica post-corona e i pazienti sono spesso giovani

competenza

Quello che gli estranei non vedono è che anche se Mark ha preso la bici, non ha trovato il suo obiettivo. “Quando Mark è andato al contenitore di vetro, è tornato con il ‘contenitore di vetro non più lì’. Quindi non riesce a trovarlo”, spiega Jolanda. “I suoi occhi funzionano, ma le immagini non vengono elaborate correttamente. Fortunatamente, sta ancora ritrovando la strada di casa”. Il suo cervello continua a deteriorarsi. “Oltre a dimenticare, non elaborare le cose o non riuscire a trovare qualcosa, ha perso il senso del tempo, ha difficoltà a conversare e non sa cosa fare a casa”, dice Jolanda. “Se non gli do niente da fare, andrà in bagno cento volte di seguito.”

comfort

Alcune cose non cambiano: Mark è ancora una persona socievole e ama correre. Sorride quando Jolanda inizia a parlare delle sue attività quotidiane tre giorni alla settimana. “In bicicletta”, ha risposto quando gli è stato chiesto cosa gli piace fare lì. e camminare. Il gruppo è misto. Dal piccolo al grande. Bello, Mark pensa che sia lì. È felice di avere persone di tutte le età. Perché andare in palestra con gli anziani non è niente. Anche se… “Allora vinco io,” disse improvvisamente brusco. Quando Jolanda ride, ride anche lui.

indipendenza

La coppia si incontra regolarmente con altri coniugi, uno dei quali soffre di demenza. “Comunicare con i compagni di sventura basta una mezza parola. Recentemente è stato lanciato a Zwolle lo Jungheimercafé per i giovani con demenza e i loro cari. Bella iniziativa. Bisognerebbe prestare maggiore attenzione a questo gruppo. Inoltre, sarebbe bene che le persone stare con il datore di lavoro con alcune modifiche, altrimenti perdono molta indipendenza”. Per le persone nella stessa situazione di Mark e Lei, Jolanda ha dei consigli. “Vedi gli altri. Parlami di ciò. E più le persone sanno di lui, meglio possono tenerne conto”.

READ  Non c'è dubbio che il caffè fa bene alla salute