QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ecco come un tribunale olandese sta cercando di risolvere un omicidio di 32 anni…

Con foto impressionanti, i visitatori della mostra a Bodel nei Paesi Bassi, nel Brabante settentrionale, tornano indietro di 32 anni. Durante lo spettacolo, Marie-Louise Hensen, 32 anni, è stata strangolata. Gli inquirenti hanno ora fotografato la ricostruzione. Utilizzando occhiali virtuali, chiunque lo desideri viene trasportato sulla scena del crimine. “Speriamo che le persone che si trovavano nella zona in quel momento possano ancora ricordare cose utili per le indagini”, afferma la polizia olandese.

Molti lo vedono come un’attrazione aggiuntiva gratuita per le mostre. Ma questo non è affatto il caso. La maggior parte dei visitatori che sono scesi dall’autobus della polizia dopo aver visto le foto sono rimasti molto colpiti da ciò che hanno visto. Tutto sembra essere molto reale, dice un portavoce della polizia del Brabante orientale.

“Perché attraverso gli occhiali per la realtà virtuale sentono di essere sulla scena del crimine dove giaceva Wies Hensen. Inoltre, ti senti presente durante il processo di ricostruzione”.

Immagine: indagine richiesta
Ecco come un tribunale olandese sta cercando di risolvere un caso di omicidio di 32 anni
Immagine: indagine richiesta

L’interessata Wies era un volto familiare nella sua città natale di Budel. Dove ho lavorato durante il giorno con i genitori in Vert. Uscire ha subito una vera trasformazione. Era vestita in modo relativamente grezzo e aveva una presenza impressionante attraverso il suo comportamento.

Wes, 32 anni, voleva avere figli e stava lavorando al processo di concepimento attraverso la fecondazione in vitro. Un tentativo iniziale di farlo fallì, ma Wies ci riprovò all’inizio di settembre 1989. Prima di allora, voleva “uscire di nuovo” nello show di Boddle, disse a una delle sue nipoti.

READ  Boris Johnson sbatte dopo la battuta sulla chiusura del carbone

La sera di martedì 29 agosto 1989, Wies ha visitato la fiera nella sua città natale. Diverse persone l’hanno vista lì accompagnata da due giovani sconosciuti dalla pelle chiara.

Uno aveva i capelli biondi ricci e l’altro aveva i capelli scuri. Verso le 22, Wies aveva lasciato la fiera con loro due. Entrambi gli uomini, che dovevano avere più di 50 anni, non sono mai stati identificati.

Quella stessa sera, intorno alle 23:45, un testimone ha visto un camioncino a Loonderweg a Dommelen. L’auto si è fermata brevemente mentre il corpo di Wes è stato trovato il giorno dopo. C’è una buona probabilità che l’autore del reato o i trasgressori stiano guidando il veicolo.

La polizia spera che molti dei contemporanei di Wies vedranno il film. Sperando che si ricordino qualcosa, martedì sera è apparso sul programma investigativo olandese Opsporing Verzocht che grande attenzione è stata dedicata a questo caso freddo che si spera sia completamente risolto.

Le immagini mostrano come Wies, in questo caso una bambola, si trova nel canale lungo Loonderweg a Dommelen vicino a Valkenswaard. Due ciclisti l’hanno trovata lì la mattina presto del 29 agosto 1989. La sua testa, dai riccioli scuri, poggia sul suo corpo più caldo e coriaceo. Girala intorno ai suoi jeans e una delle sue scarpe nere, tra le altre cose. La polizia ha confermato che non è stata abusata o derubata. Aveva ancora con sé soldi e gioielli. I gioielli includono uno splendido anello con teschio. Guardandosi intorno con occhiali speciali, i visitatori ottengono anche maggiori informazioni sulla traccia di pneumatici trovata nella zona, l’impronta della scarpa Adidas del potenziale colpevole e il DNA del sospettato.

READ  Nuova ricerca: le persone completamente vaccinate possono sviluppare una variante delta...
Ecco come un tribunale olandese sta cercando di risolvere un caso di omicidio di 32 anni
Immagine: indagine richiesta

Tracciamento del DNA

Le tracce di DNA trovate in quel momento non hanno aiutato le indagini. Né si trattava di un effetto “puro”, ma piuttosto di un’immagine mista sia dell’autore che della vittima.

“Ma poiché la pista è stata ben conservata, può ancora essere utilizzata come guida in nuovi sviluppi. Grazie alle nuove tecnologie, è stata elaborata in modo tale da poter essere confrontata con il potenziale sospettato che rimarrà agli arresti. “, afferma Arnaud Kahl dell’Istituto forense olandese.

Avvio mancante

“La vittima indossava stivali neri quella notte. Uno di loro è stato lasciato indietro mentre Wies è stato trovato a Dommelen, ma lo stivale sinistro non è stato trovato. Potrebbero esserci state persone che ricordano qualcosa di quel tempo sulle scarpe che qualcuno indossava con cui non siamo stati in grado di farlo”, hanno detto gli investigatori.

Sperando di continuare a risolvere questo caso freddo, il pm ha ora promesso anche una ricompensa di 30.000 euro per la punta d’oro.