QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Effie (19) ha un anno di vita: per esaudire il suo ultimo desiderio, gli olandesi hanno bisogno di aiuto | all’estero

Paracadutismo, snowboard attraverso le giungle del Costa Rica e viaggi in Asia. La maggior parte dei diciannovenni ha tutto il tempo del mondo per realizzare questi sogni, ma non è il caso di Evi di Rotterdam. La giovane donna ha solo un anno di vita e vuole sfruttare al meglio quel tempo. Ma ha bisogno di aiuto per questo.

Cominciarono gli olandesi raccolta di fondi Per realizzare il suo ultimo desiderio. Aveva in mente 25.000 euro. E in un giorno sono già stati raccolti 40.000 euro. Il prezzo del bancone ora è di circa 54.000 euro. Una sorpresa completa per Evi e la sua famiglia.

vestito nel suo braccio

Quando Evie aveva 14 anni, sviluppò un cancro alle ossa con metastasi ai polmoni. I medici le hanno dato poche possibilità. L’unica opzione era la chemioterapia. In un’intervista ad AD.nl, Evi ripercorre quel periodo che lei chiama “figa pesante”. “Non avevo assolutamente energia, non potevo fare nulla da solo. Non potevo mangiare perché avevo costantemente la nausea ed ero in ospedale per la maggior parte del tempo. ”

Il tumore era al braccio destro. Ha subito un intervento chirurgico e le sue ossa sono state sostituite con una protesi in titanio. “È stato un anno terribile. Quando finalmente mi è stato permesso di tornare a casa, ho dovuto riabilitarmi per un altro anno”. Non si è fermato qui, perché si è scoperto che si trattava di batteri sul suo braccio. Ancora una volta ha subito un intervento chirurgico, ancora una volta ha dovuto riabilitarsi.

READ  Il licenziamento di un ministro: un invito alla vaccinazione “spontaneo” provoca grande caos in Tunisia | all'estero


citazioni

È da anni che pende sulla tua testa come una specie di spada di Damocle, ma se queste metastasi si attivano davvero…

Juan van Emmerlot, il patrigno di Evie

Detto questo, il deposito sembrava essere finito e lei era tornata a scuola. Ha conseguito il diploma di scuola superiore e ha iniziato a studiare a Utrecht. Bello lo studio, con delle brave persone: sembra che non ci sia niente nell’aria. Qualche mese fa è dovuta anche andare in ospedale per un controllo. Questo è dove si è rivelato sbagliato. Si è scoperto che le metastasi nei suoi polmoni erano di nuovo attive ed erano così attive che si erano anche diffuse. Non c’è possibilità di cura.

Alla giovane Evi sono state date due scelte: sottoporsi all’intero processo di chemioterapia e riabilitarsi, oppure no. Lei ha scelto quest’ultima. “Con la chemioterapia, c’è la possibilità che possa allungare la mia vita. Ma ho scelto la qualità della vita e ora ne traggo il meglio. Ciò significa che ha meno di un anno di vita”. esattamente quello che volevo con il tempo rimasto.

Spada di Damocle

Il suo patrigno, Joan van Emerlot, dice che Evie è attualmente in ospedale con complicazioni. Gli ultimi mesi sono stati molto difficili per la famiglia, anche per la presenza di altre questioni familiari. “Quando Evi ha deciso coraggiosamente di non sottoporsi a ulteriori trattamenti, siamo rimasti così scioccati. Ti era rimasto sospeso per anni sulla testa come la spada di Damocle, ma se queste metastasi fossero diventate davvero attive…” Lo shock e l’incredulità hanno presto lasciato il posto alla domanda : “Cosa posso fare anche io?”


citazioni

Supponiamo che tu sia solo in Yosemite e che tu stia bene.

Juan van Emmerlot, il patrigno di Evie

Joanne, Evie e sua madre sedevano al tavolo discutendo come e cosa. Le abbiamo chiesto, cosa vuoi fare? Ho pensato al paracadutismo, ma poi le abbiamo chiesto se non voleva fare un bel giro. L’abbiamo davvero incoraggiata a pensare in grande”.

Vai avanti

Per raccogliere fondi per quel bellissimo viaggio, è stato chiesto l’aiuto di amici e familiari. Speravano di raccogliere fondi sufficienti attraverso il crowdfunding per realizzare il sogno di Evie. La cugina Joanne ha realizzato un video per Evie, in cui racconta la sua storia su una pagina di crowdfunding. “Nel video la vedi davvero per quello che è. Una donna emotiva molto positiva. È brava ad accettare e adattarsi alle cose. Ha uno scopo chiaro nella sua mente”.

La grande corsa di cui Evi ha parlato nel suo video è suddivisa in diverse corse più piccole. Va in Nord America per alcune settimane, poi torna a casa per riprendere fiato e fare gli esami in ospedale, quindi viaggia di nuovo. Joanne: “Voleva viaggiare da sola, ma vogliamo che abbia un amico. Ora ci sono abbastanza soldi per quello e questo ci rassicura molto. Diciamo che sei solo a Yosemite e stai bene…”

La speranza è che complicazioni e ospedalizzazione non la ostacolino troppo spesso. In effetti Evie era già in viaggio, ma il viaggio a New York, che farà con la madre, è stato posticipato a giugno. “Questo è davvero un desiderio per questi due”.

Guarda il video qui sotto con Evi, mentre racconta la sua storia: