QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Emma Messman torna dalla Russia: “Sostenere la decisione, ma non una dichiarazione politica” | Il conflitto in Ucraina

Emma Messmann (28 anni) è sana e salva sul suolo belga. La gatta belga ha lasciato il suo club russo Ekaterinburg qualche giorno fa in fretta e furia a causa della guerra tra Russia e Ucraina. Messman sottolinea che ci sono delle sfumature nella storia, che secondo lei ha molti aspetti e colpisce anche gli innocenti.

E da Ekaterinburg, Mosca e la Turchia sono passate al Belgio. Emma Messman è atterrata da noi questa mattina. Lunedì ha deciso di lasciare la Russia.

“Eravamo praticamente al sicuro lì, ma alcune famiglie erano preoccupate e sempre più strade per il fronte interno sono state chiuse”, racconta la sua versione della storia. “C’erano molti punti interrogativi sul futuro”.

“Lunedì abbiamo detto ufficialmente che saremmo tornati a casa. Noi? Questi sono i giocatori stranieri. Volevamo che fosse una decisione comune”.

Messman sottolinea che sostiene questa decisione. “Lo sostengo, ma questo non significa che mi piaccia farlo. Eravamo al sicuro lì, ma il basket resta un gioco e non è il più importante ora”.

“Se succede qualcosa a casa e non so se posso tornare a casa subito, non mi fa stare bene. Non è stato intelligente restare. Potrebbe andare meglio o peggio la prossima settimana”.

“Ma il mio lato umano ha avuto difficoltà a concentrarsi sul basket mentre era in corso una guerra. Non mi sentivo bene”.

Eravamo praticamente al sicuro lì, ma alcune famiglie erano preoccupate e sempre più strade per il fronte interno erano chiuse. C’erano molti punti interrogativi per il futuro.

Emma Messman

“Non generalizzo Putin a tutta la popolazione”

Tuttavia, c’era ancora qualcosa da sgranocchiare Emma Messman. “Non sono contro i miei compagni di squadra russi. Questa non è una dichiarazione politica. Sono totalmente in disaccordo con Putin e la sua decisione, ma la mia squadra non può farne a meno. Alcune persone lo dimenticano”.

“Cerco di vederlo attraverso gli occhi dei residenti. Ho suonato lì per 7 o 8 anni e nessuno vuole la guerra lì. Non possono farne a meno e non la supportano. Ma la libertà di espressione in Russia è difficile”.

“Ho giocato in Russia solo per la sfida sportiva, l’avventura e la cultura. Li conosco tutti molto bene ed è per questo che la vedo da una prospettiva diversa”.

“Non generalizzo Putin all’intera popolazione, anche se sostengo e comprendo le sanzioni. Ma le persone che non hanno nulla a che fare con loro sono le più colpite. E dolore è l’unica parola”.

Fondamentalmente è stato un addio molto sorprendente in Russia. Non sai mai se rivedrai mai più i tuoi compagni di squadra. Questo è acido. Non vedo i russi come cattivi, ma conosco bene i miei amici.

Emma Messman

Emma Messman ribadisce che può mettere in prospettiva il lato atletico. Ma cosa riserva il prossimo futuro? Spiega che ci sono ancora molti punti interrogativi.

“Nei nostri incontri non si trattava di inadempimento contrattuale o di mancato guadagno. L’aspetto umanitario ha avuto la precedenza. Non posso ancora dire nulla al riguardo”.

Né chiederemo il pagamento dei nostri stipendi. Teniamo conto anche della salute del club. Questo dovrebbe essere discusso in seguito. “

Un viaggio più veloce negli Stati Uniti, dove la WNBA inizierà all’inizio di maggio, è un’opzione. “Vedrò tutto passo dopo passo”.

“È stato fondamentalmente un addio molto sorprendente in Russia. Non sai se rivedrai mai più i tuoi compagni di squadra. È triste. Non vedo i russi come cattivi, ma come amici lo conosco molto bene”.

READ  tasso breve. Van Aert di nuovo nominato per il Vélo d'Or - Il Giro avrà sette possibilità di sprint l'anno prossimo | Ciclismo