QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Epidemia di Corona tra gli scalatori dell’Everest: il governo rifiuta le misure | all’estero

Il coronavirus ha raggiunto anche il lontano Himalaya. Un numero crescente di alpinisti e guide sono stati evacuati dal Monte Everest e dalle montagne circostanti a causa del loro inquinamento. I medici temono un’epidemia ancora più grande ora che una nuova ondata è emersa in Nepal.




All’ombra dell’India, dove i tristi dischi della corona vengono infranti ogni giorno, un dramma simile si svolge in relativo silenzio in Nepal. Il virus si sta attualmente diffondendo più velocemente che in qualsiasi altra parte del mondo. All’inizio di marzo si sono verificati meno di 100 nuovi casi ogni giorno in Nepal, rispetto agli oltre 7.500 casi di martedì scorso. Si tratta di un numero record dallo scoppio della pandemia lo scorso anno.

Corona ora sta raggiungendo anche l’Himalaya. Alla fine di aprile, il primo alpinista che voleva conquistare l’Everest, la montagna più alta del mondo, è risultato positivo e allo stesso tempo sempre più alpinisti sembravano essere contagiati. Nelle ultime settimane molti alpinisti sono tornati dal campo base dell’Everest alla capitale nepalese, Kathmandu. Hanno sviluppato sintomi di Covid-19 e sono risultati positivi anche al loro ritorno.

Ieri, i media nepalesi hanno riferito che altri 14 alpinisti, tra stranieri e sherpa, erano stati trasferiti dal Monte Daulagiri a causa dell’infezione con il Coronavirus.

Campo base dell’Everest. © Agence France-Presse

Industria redditizia

Le autorità minimizzano la situazione. Il governo del Nepal si è impegnato a mantenere viva la redditizia industria dell’arrampicata himalayana. Questa primavera, il Monte Everest ha riaperto per la prima volta da maggio 2019, dopo che le campagne Corona dell’anno scorso si sono fermate completamente. Sono stati rilasciati un record di 408 permessi. Il Nepal ne guadagna milioni.

Il governo ha negato un’epidemia al campo base dell’Everest. Ha anche rifiutato di dire quanti alpinisti sono stati evacuati. “Ho sentito che ci sono solo pochi casi di polmonite”, ha detto Mira Acharya, un funzionario del Ministero del Turismo del Nepal, presso il Ministero del Turismo del Nepal. New York Times. “Non è un caso di Corona”.

Il tempo di una spedizione prima che inizino la scalata alla vetta della montagna più alta.

Il tempo di una spedizione prima che inizino la scalata alla vetta della montagna più alta. © Agence France-Presse

Tuttavia, i medici temono che il virus si stia diffondendo rapidamente tra gli alpinisti nepalesi e le loro guide. Sono particolarmente vulnerabili perché la loro immunità è peggiore ad altitudini più elevate e il livello di ossigeno nel sangue è basso lì.

Centinaia di alpinisti sul Monte Everest stanno cercando di proteggersi dal virus isolandosi nelle loro tende, mentre si preparano a scalare la vetta di 8.849 metri.

Il mese scorso l’alpinista austriaco Lucas Würtenbach ha avvertito che tutti gli alpinisti e le guide dovrebbero essere testati il ​​prima possibile per evitare di terminare prematuramente la stagione di arrampicata. “Abbiamo urgentemente bisogno di test collettivi al campo base, test per tutti e isolare ogni squadra”, ha detto Fortenbach. Deve essere fatto ora o sarà troppo tardi “.

Francia Agenzia di stampa

© Agence France-Presse

L’alpinista norvegese Ireland Ness è stato il primo a contrarre la malattia al campo base dell’Everest il mese scorso. È stato portato in un ospedale di Kathmandu in elicottero e ambulanza. “Sono risultato positivo al test lo stesso giorno in cui sono arrivato a Kathmandu dalle montagne”, dice Ness per telefono da Oslo. New York Times.

Un altro alpinista, Steve Davis, ha dichiarato il mese scorso sul suo blog di essere risultato positivo. La scorsa settimana, il suo collega polacco Paul Michalsky ha scritto su Facebook che più di 30 persone con difficoltà respiratorie sono state portate a Kathmandu in elicottero. Secondo Michalsky, i risultati del test sono stati positivi.

Gli ospedali sono sovraffollati

L’assistenza sanitaria in Nepal non è ora in grado di far fronte alla nuova ondata di Corona nel paese. Il ministero della Salute ha recentemente avvertito del sovraffollamento negli ospedali.

C’è un rigoroso blocco nel paese, ma il governo si rifiuta di interrompere le spedizioni di arrampicata in Himalaya. “Le spedizioni non verranno cancellate”, ha detto Rudra Singh Tamang, direttore generale del Dipartimento del turismo, che ha contratto il virus. “Il monte Everest è una zona isolata, quindi non c’è rischio di Coronavirus”.

Un paziente infetto da Coronavirus giace su una bombola di ossigeno nel corridoio di un ospedale di Kathmandu.

Un paziente infetto da Coronavirus giace su una bombola di ossigeno nel corridoio di un ospedale di Kathmandu. © AP


READ  Amsterdamse ha ricevuto i giornali di 20 anni per sei mesi ...