QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Equilibrio dopo la prima Jiroweek: i ‘vecchi’ sopravvissuti, l’arrivo del Landismo e la tragedia dell’Italia

Matthew van der Boyle ha vinto la fase di apertura come previsto, con Mark Cavendish e Arnaud Demare che si sono dimostrati i velocisti più veloci, Thomas de Gent è salito a Napoli e ha indossato la prima sconosciuta maglia rosa spagnola. Cos’altro ricordare dei primi nove zero giorni? Cinque risultati degni di nota.

Differenze temporali limitate

La corsa di oltre 5000 altimetri è la fine, con la salita più dura di questo jiro, verso la Blackhouse. Meno di cinque giocatori sono arrivati ​​primi contemporaneamente e sesti in tre secondi: 1. Jay Hindley, 2. Romain Bardet, 3. Richard Carabas, 4. Michael Landa, 5. Jono Almeida, 6. Dominico Bozovio (3″).

La corsa oltre i 5000 altimetri è la fine, con la salita più dura di questo jiro, verso la Blackhouse. Eppure i primi cinque piloti hanno chiuso contemporaneamente, finendo sesti in tre secondi: 1. Jay Hindley, 2. Romain Bartett, 3. Richard Carabas, 4. Michael Landa, 5. Jono Almeida, 6. Dominico Bozovio (3″). Già per tornare al Giro 2011. Quella salita è più un ‘runner’ che una salita al Blackhaus. Sempre più vittime domenica e il primo Jirowick: Simon Yates, accanto a Richard Carabas, il primo favorito del Blackhaws, maglia rosa e full. Sulla strada per la Blackhouse a causa del caldo abbiamo fatto una vacanza e potevamo già superare Tom Domoulin, Wilco Gelterman e Hugh Cardi come candidati al podio e Miguel Angel Lopez è andato a casa. Pedro Lopez, 2. Joao Almeida 12″, 3. Roma Jane Bardett 14″, 4. Richard Carrabus 15″, 5. Jay Hindley 20″, 6 Guillaume Martin 28″, 7. Mikel Landa 29″, 8. Domenico Pozzovivo 54″. A sette minuti dai sette corridori, quest’ultimo è stato un record in questo secolo, uno in più rispetto allo Zero del 2001, e poi nove livelli dopo, a meno di un minuto dal leader dei 12 corridori. Con differenze significative, è possibile rimuovere Lopez e Guillomo Martin, che già indossano le maglie Rose, dall’elenco dei restanti candidati/top five. Forse Emanuel Puchman e Bello Bilbao saranno schiacciati, ma il rosa non è realistico. Solo cinque piloti sembrano essersi qualificati per questo, incluso il nascente Jay Hindley (dopo il suo secondo posto nel 2020 Zero). Quindi la battaglia per la rosa non è così ampia. Juan Pedro Lopez e il suo team Trek-Sechafredo difenderanno quella maglia per un po’, forse fino a venerdì, viste le prossime fasi di transizione. Magari anche fino a sabato o domenica, perché i livelli di Torino e Cogne saranno duri, ma in pochi minuti non barare. Non ci saranno grandi cambiamenti nella classifica generale rimanenti fino al difficilissimo terzo Giroweek. Questa è un’osservazione sorprendente: dopo che Michael Landa ha lasciato la festa al Giro 2015, è arrivato terzo a 25 anni. Le fasi finali, quindi, non sono mai più arrivate sul palco di un grande tour. È arrivato quinto nella top ten cinque volte, inclusi i tour del 2017 e del 2020, tre dei quali sono stati quarti. L’eterna promessa della grande abilità alpinistica spagnola era dovuta al fatto che ha dovuto guidare troppo per il Team Sky con il capitano Chris Froome e non ha potuto farlo a causa di disgrazie, malattie, incidenti e frequenti cronometro, mai completamente recuperato da Alberto Condor. Tuttavia, ogni volta che “Landismo” persisteva, si innamorava della fiducia di molti dei suoi ardenti fan, del suo stile di arrampicata abbagliante e del suo aspetto curioso, e un giorno sarebbe arrivata la sua ora. Una speranza che è stata ravvivata quando Landa si è vantata di essere “nella forma della sua vita” di fronte a Jiro: lo era l’anno scorso, ma poi è caduta con una caduta drastica. , E discese a faccia in giù sull’asfalto. Sorprendentemente, Landa è andata senza nulla. Dopo di che, è stato il miglior scalatore della Blackhouse con Carabas e Bart. Gli dei del ciclismo sono finalmente favorevoli agli spagnoli? Il “Landismo” raggiungerà livelli senza precedenti? È visibile solo nella terza settimana. Nel frattempo se non cade di nuovo. Dal 2001, ad eccezione del 2008, 2014 e 2020, la squadra del Lotto ha conquistato un punto in ogni edizione Zero, il miglior bilancio dei tre Grand Tour fino ad ora. L’Amore è proseguito quest’anno con un tour in Italia. Sorprendentemente, a causa di un incidente, un leadout malfunzionante e un salto in ritardo, Caleb Ivan (ancora) non l’ha fatto. Scritto da Thomas de Gent, con l’inaspettata resurrezione a Napoli. Grazie per la sua esperienza, manovra tattica e ancora buone gambe. Ma grazie al forte lavoro di squadra con Harm Vanhock, è stato introdotto allo sprint. Nella battaglia per i tanto necessari punti del World Tour, Lotto-Soudal non va così lontano (questo livello di vittorie è molto inferiore a quello), ma è un incentivo. Stranamente, il team manager John Lelangue ha detto di aver notato se stesso e il suo piano in un tweet dopo il successo sul palco di De Gent, un esempio di notevole egoismo. Mark Cavendish è diventato il pilota più anziano della storia a giocare più veloce di Alessandro Petachi (4 pezzi) ed Eric Jabal (3 pezzi) in cinque sprint di massa in un Grand Tour dopo il suo 36esimo viaggio. Thomas de Gent (più di 36,5 anni dopo aver vinto la Pitrasanda nel 1983), il secondo campione di tappa belga senior nella storia del tour italiano dopo il 35enne Lucian van Imbe, ha preso il treno INEOS per la Blackhouse. Lì, il 39enne Pozzovivo è arrivato sesto, il 37enne Nibali ottavo e il 42enne Alejandro Valverde nono. Completare il 40enne per la prima volta in salita in una zona montuosa di Jiro. Anche due 39enni sono unicamente tra i primi dieci su una piattaforma del genere. Gli italiani si sono esibiti alla Grande Bardensa in Ungheria il 6 maggio, eguagliando il record più basso del 2017 e del 2018 a Zero, soprattutto se le loro piene qualità fisiche potevano essere combinate con la continua intensità professionale e l’entusiasmo ciclistico. , Senza quelle vere, per non parlare della maglia rosa nella categoria generale, contendente al posto di tappa. Nonostante l’assenza della star Filippo Khanna, il tour doveva essere un successo sul palco a tutto tondo. Ma guarda: nove giorni dopo nemmeno un italiano poteva festeggiare. Per la terza volta nella storia del Giro, dopo il 2010, Filippo Posado ha vinto la prima tappa nella 12a tappa (anche se Liquicas è stato il più veloce nella cronometro a squadre) e dopo il 2017 Vincenzo Nibali ha lasciato il Paese solo nella 16a tappa (l’unica Vittoria di tappa italiana in quel Giro). . Dopo il secondo posto di David Capuro dopo Thomas de Gent e il terzo posto di David Formolo e Giacomo Nijolo, Diphosi non ha potuto esultare per il primo Giroweek. In particolare, i ‘senior’ Domenico Pozzovivo (39, sesto in Blockhaus, ottavo nella categoria generale) e Vincenzo Nibali in partenza (37°, ottavo in Blockhaus, tredicesimo nella Battaglia per la Rosa) hanno ancora il camino blu. Dritto. Sembrano esserci buone probabilità che il peggior risultato finale del primo italiano (Nibali settimo nel 2020) venga eguagliato/’migliorato’. O come “La Tristesa de” Italia “continua a pedalare soprattutto dopo una primavera magra.

READ  L'Inghilterra ha preso un punto contro la Germania nella Nations League e finalmente l'Italia potrebbe vincere di nuovo