QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Erdogan lancia bustine di tè al pubblico e critica per…

Mentre i vigili del fuoco continuano a combattere gli incendi che affliggono la costa meridionale della Turchia, il governo del presidente Erdogan è sempre più criticato per la sua impreparazione al disastro.

Otto persone, tra cui due vigili del fuoco, sono morte negli incendi boschivi che hanno inghiottito gran parte della costa mediterranea della Turchia dalla scorsa settimana, distruggendo vaste aree di foreste di pini e terreni agricoli. Sebbene 137 incendi siano stati spenti in più di 30 province, almeno cinque stanno ancora bruciando e più di 10.000 persone sono state costrette a tornare alle loro case, resort e hotel evacuati nel bel mezzo della stagione turistica.

Mehmet Tokat, sindaco della città portuale egea di Milas, ha dichiarato martedì sera di essere preoccupato per un incendio incontrollato che minaccia la centrale termica locale. Tokat ha pubblicato una serie di tweet sempre più urgenti che mostrano le fiamme che si diffondono su una collina nella presunta direzione della fabbrica.

Tokat è un membro del Partito popolare repubblicano, il più grande partito di opposizione della Turchia, e una delle voci sempre più critiche nei confronti della risposta del governo del presidente Recep Tayyip Erdogan al disastro. “Era ovvio che sarebbe successo”, ha scritto su Twitter mentre l’incendio si avvicinava alla fabbrica. “Piangerò di rabbia.”

Gli incendi boschivi sono scoppiati anche in Grecia, Spagna e Italia, perché l’aria calda proveniente dal Nord Africa fa salire la temperatura a più di 40 gradi. In Turchia, dove gli incendi hanno occupato oltre 95mila ettari di foresta, il governo turco è accusato di impreparazione dopo che il ministro dell’agricoltura e delle foreste del Paese ha ammesso che nel Paese non c’erano elicotteri antincendio utili. In alternativa, era possibile investire i soldi in progetti di costruzione e auto private.

READ  Numero record di migranti attraverso la Manica verso il Regno Unito | all'estero

bustine di te

La scorsa settimana, il presidente Erdogan ha visitato la regione colpita dal disastro di Marmaris. La sua visita ha suscitato stupore, poiché dopo il suo discorso ha iniziato a lanciare lattine di tè turco al pubblico (Guarda il video sopra). Dopodiché, alcuni camioncini della sua festa avrebbero potuto fare un giro per distribuire il tè. Mancanza di empatia eTrump mi ricorda di lanciare asciugamani di carta alla folla dopo un uragano‘, appare sui social media.

Come se lo stratagemma del tè di Erdogan non avesse generato abbastanza rabbia, un agente di polizia locale dell’AKP ha detto: “I termini del prestito per la ricostruzione saranno così generosi che coloro le cui case non sono state bruciate desidereranno che accada anche a loro”.

Un attacco terroristico?

Il governo vuole contenere la tempesta di critiche con notizie fuorvianti. Nei primi giorni degli incendi boschivi, i media statali hanno affermato che gli incendi sono stati avviati da bambini o da un sottogruppo del movimento terroristico PKK. L’organismo di vigilanza sui media turchi, che è legato al governo, ha avvertito i canali televisivi che la copertura in diretta degli incendi boschivi potrebbe essere punita perché “deprime il morale delle persone”.

“Dobbiamo iniziare subito a preparare il nostro Paese a nuovi disastri”, ha affermato Kemal Kiliclaroğlu, leader del Partito popolare repubblicano all’opposizione. “Il nostro Paese è nel bel mezzo di una crisi climatica e idrica”.