QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Erdogan teme combattimenti intorno alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya: “Non vogliamo un altro disastro” | All’estero

La Turchia è preoccupata per le violenze che circondano la centrale nucleare ucraina Zaporizhzhya, che è sotto il controllo russo. Giovedì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha avvertito dei pericoli di una “nuova Chernobyl” dopo aver incontrato il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Guterres ha nuovamente chiesto il ritiro delle forze russe dalla più grande centrale elettrica d’Europa.

“Abbiamo espresso le nostre preoccupazioni per i combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya”, ha detto Erdogan. “Non vogliamo un’altra esperienza di Chernobyl.” Il presidente turco ha anche ribadito il sostegno della Turchia all’Ucraina. Ha anche offerto ancora una volta i suoi servizi come mediatore. Ha aggiunto che la guerra dovrebbe finire con mezzi diplomatici. “Quello che conta è trovare il percorso più breve ed equo per arrivare al tavolo delle trattative”. Erdogan ha promesso di discutere maggiori dettagli con il suo omologo russo Vladimir Putin.

centrale nucleare “smilitarizzata”.

Da parte sua, Guterres ha avvertito che qualsiasi danno alla centrale nucleare sarebbe “suicidio”. “Dobbiamo dire che le cose stanno così”, ha detto Guterres, chiedendo ancora una volta il “disarmo” dell’impianto. “C’è un urgente bisogno di un accordo per riportare Zaporizhia a un’infrastruttura puramente civile e per garantire la sicurezza della regione”, ha affermato Guterres. “Il buon senso deve prevalere per evitare azioni che mettano in pericolo l’integrità fisica o la sicurezza della centrale nucleare”.

Tuttavia, Mosca rifiuta di aderire alla richiesta di disarmo, su cui insiste anche Kiev.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres nella città ucraina occidentale di Lviv. © AP

Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver bombardato la fabbrica. E Mosca ha annunciato, giovedì, che gli ucraini, con il sostegno degli Stati Uniti e di altri paesi della NATO, stanno pianificando di lanciare un attacco alla regione centrale. Poco dopo, l’intelligence militare ucraina ha avvertito del sabotaggio russo della centrale nucleare. Ai dipendenti è stato, inaspettatamente, chiesto di non venire al lavoro venerdì, secondo il servizio di intelligence. Nessuna delle parti ha fornito ulteriori dettagli e le relazioni non hanno potuto essere verificate in modo indipendente.

Leggi anche:

Zelensky chiede il ritiro incondizionato della Russia dalla centrale nucleare di Zaporizhzhya, la Russia minaccia di chiudere la centrale

La Nato chiede all’AIEA un’ispezione urgente della centrale nucleare di Zaporizhzhya: “aumento del rischio di un incidente nucleare”

READ  Nuova ricerca: le persone completamente vaccinate possono sviluppare una variante delta...