QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Ero sempre più infastidito dal rallentamento della VRT”

“Forse possiamo scattare la foto sullo sfondo del tratto asciutto della Schelda un po’ più avanti”, suggerisce Thomas de Sweety. “Una pianura fangosa e desolata in cui puoi sprofondare lentamente. La metafora perfetta della mia carriera”. Dopo una buona settimana in cui De Soete è stato ringraziato dal VRT per i servizi resi, la gente può ridere. Dice che è una scelta consapevole. “Non voglio perdere tempo a chiedermi perché. Né ho bisogno di dare una spiegazione dettagliata. Diciamo solo che entrambe le parti erano soddisfatte che un cambio d’aria mi avrebbe fatto bene”.

De Soete ha trovato quell’altra aria alla stazione radio digitale Willie. Lì sostituirà Wim Oosterlinck nel blocco mattutino da gennaio, che, su richiesta dei suoi due figli, si concentrerà per sei mesi su parole come il pesce rosa lunare, il lungo spartiacque e i sermoni su Martin Luther King. “Ho sempre definito la radio il mio hobby”, afferma Oosterlinck. “Ma a un certo punto ti rendi conto che è davvero un lavoro. Un lavoro che richiede molto anche a me. A settembre, improvvisamente mi sono reso conto di quanto fossi davvero stanco. Era solo il momento di premere a lungo il pulsante di pausa e duro.”

Ma prima di arrivare a questo, torniamo di nuovo alla scorsa settimana. Quando all’improvviso De Soete riceve una mail dall’ufficio del personale della VRT. “Le riprese non sono mai divertenti, ovviamente. Ma mentirei se dicessi che questa lettera mi ha davvero sbalordito”. Ciò che seguì sconvolse de Suet. All’improvviso era sulla prima pagina dei notiziari, insieme a un certo numero di capi famosi che hanno dovuto lasciare Reyerslaan.

Pensa che sia ridicolo. “Sono solo una delle 60 persone che sono state espulse dal VRT. Ma degli altri non si sente niente. Mentre ci sono persone che conosco bene che so che valgono oro per il VRT. Qualcuno come Bertrand Lafontaine , ad esempio, con cui anni fa ho fatto il programma di viaggio Sbarazzarsi di De Soete fatto. Questa è una persona con un profilo unico. Il suo ultimo successo è stato un documentario su Francis Alice, l’artista che recentemente è stato il nostro orgoglio nazionale alla Biennale di Venezia. Quest’uomo notoriamente non vuole essere intervistato. Ma Bertrand è riuscito comunque a prenderlo in trappola. Il risultato è stato un bellissimo documentario che è andato in onda su Canvas da qualche parte nel cuore della notte, ma comunque”.

Persone come Bertrand sono il carburante della radiodiffusione pubblica. E ora vengono semplicemente buttati via. Ho davvero il cuore spezzato per questo. Sono sicuro che alcuni degli sfollati ora diranno più tardi: “Dju, non avremmo dovuto lasciarli andare”.

Diranno lo stesso anche di Thomas de Sweet?

De Soete: “Sono sicuro che – date le giuste circostanze – potrei essere ancora prezioso per il VRT. Ma ero sempre più infastidito dalla sua infinità Caramella nella radiodiffusione pubblica. Ora prendi il programma Punto critico, che ho realizzato per Radio 1 con Vincent Bellew. Prima dell’estate è stato deciso che ci sarebbe stata una seconda stagione. Ma a settembre, sorprendentemente, questo non è più certo. Prima la decisione era prevista per ottobre, poi la prima puntata è stata posticipata a gennaio, e nel frattempo ho iniziato a lavorare su semilavorati che abbiamo pubblicato come podcast nel tentativo di brandizzare Punto critico sopravvivere. ”

Sembra la migliore terapia occupazionale.

De Sweet: “In tempi di esercizi di efficienza, non era certo il modo più efficiente per trattare con persone e risorse. Ma non era la prima volta che dovevo dare suggerimenti su cose che potevo essere in grado di fare. E io davvero non posso lamentarmi di questo.Mi ha portato Anche l’approccio è roba fantastica.Cose come Fisk Park Per esempio (La fiction scritta e girata da De Soete qualche anno fa, PD). Un progetto che nessuno – me compreso – sapeva dove stesse andando. Sebbene questa serie abbia utilizzato budget recenti per progetti pazzi, temo.

Osterlink: “Qui sono iniziati i problemi finanziari dell’emittente pubblica”.

Statua di Thomas Swertweger

Dolce: (non reversibile)Fisk Park Ha fatto molto bene. Erano anche molto soddisfatti del VRT. Ma da allora è emerso una sorta di “clima” in cui i rischi sono stati evitati il ​​​​più possibile. Tutto sembrava che stesse diventando sempre più difficile far decollare questo tipo di progetti. Subito il motivo per cui mi sono guardato intorno per un po’ per vedere dove c’erano ancora possibilità. Con Willie, per esempio.

come ci arriviamo?

De Sweet: “Primo incontro questa estate. Al Pukkelpop ho incontrato un ex collega di Radio 1 che ora lavora da Willy. Gli ho detto che Willy mi piaceva molto metodo canale e mi sono ritrovato ad ascoltarlo sempre di più. In realtà mi sono complimentato sfacciatamente con il trasmettitore. Senza accorgersi che c’era anche Kevin Moens, co-fondatore del canale. (Ridere) Dopo quella conversazione è venuto a chiedere una tazza di caffè e da allora non abbiamo mai smesso di parlare. Ho anche parlato con altre persone da Willy negli ultimi mesi. Con Luc Janssen per esempio. E con Wim ovviamente.

Qual è stata la conclusione di quella conversazione?

Osterlinck: “Questo Willie sarebbe davvero adatto a Thomas. E viceversa. Ma allora non abbiamo parlato del blocco mattutino. Inoltre, solo a settembre ho deciso di uscire per un po’”.

Perché esattamente?

Osterlink: “Perché sono stanco. Faccio radio da venticinque anni. Contrariamente a quanto ho sempre pensato, si è rivelato un vero lavoro e non una specie di hobby. Comincio a sentirmi Mi piace. Anche i miei figli hanno un ruolo in questa decisione. Ross, il maggiore, ora è in quinta elementare e sta iniziando a imparare il francese. Nostro figlio Beau ha appena iniziato la prima elementare e sta imparando a leggere. Passi importanti assicurano che possano usare un po’ di aiuto con i compiti tra le 17:00 e le 19:00. Solo allora devo impostare il mio programma. Funziona tutto, ma sta iniziando a pesare. È così che è nata l’idea di uscire un po’ più a lungo. L’unico problema è che non l’ho fatto non voglio lasciare il mio edificio mattutino da Willy’s, che ho iniziato io stesso un paio di anni fa.”

Fortunatamente, Thomas era ansioso di prendere in mano la situazione.

De Sweet: “Stavo parlando con la stazione da un po’ quando all’improvviso è sorta la domanda se la mattinata non sarebbe stata per me. E ovviamente volevo farlo. Quella mattina è molto speciale. È di gran lunga la più bel blocco radiofonico al mondo. Ci sono solo meriti.” .tranne che per l’orologio.”

Una volta ho descritto il tempo in cui mi sono occupato di quel blocco mattutino nello Studio Brussels come “un continuo jet lag di quattro anni”.

Osterlink: “È davvero meglio paragonarlo a quello. Soprattutto perché all’improvviso vivi con un ritmo diverso durante il fine settimana. È come viaggiare in un fuso orario diverso ogni venerdì e poi tornare la domenica sera. In realtà, è semplicemente pazzesco.”

De Soete: “Inoltre in quel periodo ho iniziato a suonare dischi anche nei fine settimana. A volte anche a due concerti di fila. Poi tornavo a casa la domenica mattina all’ora in cui dovevo alzarmi il giorno dopo. Molto stanco, anche se allo stesso tempo mi piaceva anche inciampare nei giorni in una specie di nebbia. Questo alla fine mi ha dato una sorta di iper concentrazione.

“Svegliarsi presto non è più un problema. Ho avuto molti bambini piccoli nel corso degli anni. Ogni volta che uno iniziava a diventare più grande, ne veniva aggiunto uno nuovo e più piccolo. Sarebbe scomodo se potessi improvvisamente dormire più a lungo adesso. ”

null Immagine Thomas Swertweger

Statua di Thomas Swertweger

Oosterlinck: “Sei anche guidato da tutte le possibilità che hai quella mattina. Puoi davvero svegliare le persone. E ciò che rende quelle mattine da Willy ancora più piacevoli—Thomas, non lo sai ancora—è proprio la morte- ascoltatori accaniti. Quando sono passato da Qmusic, ne avevo un po’ paura. Dato che gli ascoltatori di Willy sono molto meno, temevo che non ci sarebbe stata alcuna reazione a quello che ho fatto alla radio. Ma è vero il contrario. Gli ascoltatori di Willy rivelarsi molto leali e devoti. Aiuta moltissimo fare una buona trasmissione, anche se sei stanco. La cosa su un canale come quello di Willy è che dal momento che è un canale solo digitale, devi fare uno sforzo per trovalo. Ma una volta che lo fai, sei immediatamente un membro del club di Willy.

De Sweet: “Mi ricorda un po’ Harry Potter. Devi prima trovare la piattaforma giusta e poi far scivolare le palline sul muro Per arrivare dove vuoi essere. Ecco perché trovo così straordinario che mio padre – già sulla settantina – abbia trovato la sua strada da Willy. Anche se dovrei aggiungere in tutta onestà, ha ricevuto aiuto. (Ridere) Infatti, ha semplicemente chiesto al suo meccanico di officina di programmare il trasmettitore dell’autoradio. Ma ha davvero preso l’iniziativa. Questo mi dà speranza per il futuro”.

Entrambi avete lavorato con emittenti molto più grandi. Willie non è un passo indietro in questo senso?

Oosterlinck: “Non è la dimensione del tuo pubblico l’unica cosa che ti dà soddisfazione? Altrimenti, devi essere infelice di non farlo.” ultime notizie Lavori. Anche altri fattori giocano un ruolo».

De Soete: “Adoro il fatto che lavori per un pubblico leale e leale”.

Osterlink: “Il fatto che Willy sia così giovane ci dà anche una sensazione pionieristica. Siamo Davide contro Golia”.

De Sweet: “Mi ricorda un po’ un club giovanile. Non c’è budget per fare qualcosa di grosso, quindi cerchiamo di fare la differenza essendo cool. E quindi può succedere che quando i Rage Against the Machine annullano il loro tour, loro assicurati che Willy Bulls On Parade – e lei Una grande cover band tra l’altro – vengano a suonare nel soggiorno dell’ascoltatore per alleviare la sofferenza Bello, vero?

Osterlink: “In tempi come questi, essere piccoli aiuta molto. In Willie, un’idea non dovrebbe attraversare così tanti dipartimenti. Siamo solo in cinque. Se gridi ad alta voce agli editori una volta, tutti sono d’accordo. ”

A giudicare dall’elenco dei grandi nomi che Willy ha ora in scaletta, sembra che non sia poi così male con questo budget limitato.

De Sweet: “Ho chiesto pochissimi soldi e devo essere sincero”.

Osterlink: “Ovviamente, se sei appena stato licenziato, non hai molto da chiedere. No, sul serio, non ho idea di come lo facciano. Faccio radio e Questo è. Sono stato manager di Qmusic per un po’ e sono così felice di non dover più affrontare questo genere di cose”.

Il fatto che anche il tuo ex datore di lavoro Studio Brussel abbia ora un canale digitale completamente ampliato con De Tijdloze rappresenta una minaccia per Willy? O lo vedi come un complimento?

Oosterlinck: “Molte persone affermano che De Tijdloze è la risposta di VRT a Lully. Ma non so se sia davvero così. Cerco principalmente di vedere cosa stiamo facendo e cosa può essere migliorato. Ci sono anche grandi differenze tra i due canali.In De Tijdloze “Senti solo i classici, mentre Willy suona anche molta nuova musica. Principalmente da band che non senti da nessun’altra parte.”

De Soete: “È un canale gestito da appassionati di musica. L’hai sentito? Solo in Willie sono ancora sorpreso da quello che sento”.

Oosterlinck: “Penso che sia molto positivo che noi e VRT stiamo facendo le nostre cose. Posso solo augurare buona fortuna a De Tijdloze”.

Un’altra domanda. Cosa succede quando Wim torna a settembre?

Osterlink: “Allora lo rifarò domattina.”

De Dolce: “Vedremo. (Ridere) Dipenderà dalle personalità degli ascoltatori”.

Oosterlinck: “Scrivi solo che non siamo ancora ufficialmente autorizzati a dire nulla al riguardo”.

READ  Il nuovo film di Reminiscence di Hugh Jackman si è rivelato un enorme fallimento