QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

esclusivo. Julie van den Steen ha perso la gravidanza. “Ancora non ho il coraggio di aprire l’asilo nido.” | perdita di aspettative

La presentatrice Julie van den Steen, 30 anni, ha annunciato oggi di aver perso il suo bambino durante la gravidanza. Racconta a NINA la sua storia ESCLUSIVAMENTE: come è passata dal paradiso all’inferno in poche settimane e del dolore che il mondo esterno ha molto sottovalutato. “La conversazione è stata fredda, come gli affari, ma l’effetto è colossale. Sono passato da speranze e sogni a… C’è un bambino morto dentro di me.”


Lisbeth Decarty


Ultimo aggiornamento:
09:54

Una donna su sei subisce un lutto durante la gravidanza, eppure l’argomento rimane tabù. Nina vuole cambiarlo con Julie van den Steen. in questo file Leggi tutto sui segnali di pericolo del tuo corpo, su come puoi aiutare come estraneo e perché è meglio parlare di aborto spontaneo piuttosto che di aborto spontaneo.

Incontriamo Julie van den Steen a Kortrijk, nella sua casa. Dice subito: “Scusa, non possiamo sederci a tavola”. “Non ho ancora posti a sedere.” Ci sono scatole di cartone in movimento sul muro. Ha senso, dal momento che vive nella sua nuova casa solo da poche settimane, che Julie definisce fondamentalmente un investimento intelligente. Anche se è anche il luogo in cui potrebbe vedere crescere suo figlio.

Julie van den Steen. © Jay Cocken

“31 maggio. Questa data è impressa nella mia memoria. Avevo appena terminato un mese di riprese e l’ultimo giorno di riprese mi sentivo strana. Avevo mal di schiena e seni doloranti, come se il mio corpo volesse dirmi qualcosa sbagliato. Tornando a casa mi sono fermata in una farmacia per comprare due test di gravidanza. Entrambi erano positivi, ma non ci potevo credere.”

perché no?

Il mio ciclo è molto regolare. Penso di aver fatto tardi a causa dello stress. Per essere sicuro, fai controllare il mio sangue dal mio medico. Mi ha chiamato il giorno dopo mentre stavo andando dal parrucchiere. Poi è diventato ufficiale. Ha detto: “Sei incinta”.

Cosa avevi in ​​mente dopo?

“Ho lasciato il telefono e sono andato dal parrucchiere. Lì mi sono guardato allo specchio per tutto il tempo. Non riuscivo quasi a dire nulla, il che era totalmente fuori dalla mia portata. È stato solo quando me ne sono andato che lei mi ha colpito davvero e io iniziato a piangere”.


Era il padre in quel momento nella foto?

“La mia relazione è appena finita. Così ho chiamato prima mia madre per dare la notizia. È una tua scelta, ha detto. Pensaci prima di dire qualcosa al tuo ex o a chiunque altro. Nei giorni seguenti sono stato preso dal panico, ma al Allo stesso tempo, il mio istinto sembrava prendere il sopravvento. Quando il cucciolo è saltato in piedi eccitato, ho subito voluto proteggere la mia pancia. Prima di mangiare o bere qualcosa, ho guardato se era permesso. Ho subito pensato: voglio provarci. mi sono sentito davvero bene quando l’ho detto ad alta voce a mio padre”.

Hai informato altre persone nella tua zona?

«Il padre, che vuole ancora avere un ruolo attivo, e un mucchio di altre persone. Sarebbe stato più opportuno che lo sapessero alcuni amici e parenti. Anche il mio ginecologo mi ha consigliato di dirlo a qualche persona. Ma qualcosa deve andare torto solo contro coloro che anch’io metterò in guardia».

Ora lo stai condividendo con tutti. Questo è coraggioso.

“Due giorni prima del mio test NIP, a metà luglio, ho notato una perdita di sangue quando sono andato in bagno. In preda al panico, ho chiamato immediatamente il mio ginecologo: è normale? Mi ha rassicurato: è sangue vecchio. Niente di cui preoccuparsi circa. Ma il giorno dopo ho sentito i crampi e ho deciso di andare al pronto soccorso. Lì ho fatto un’ecografia allo stomaco per la prima volta, come ho visto solo nei film. Poi improvvisamente il ginecologo ha detto, e lo farò non dimenticarlo mai: ‘Temo di avere brutte notizie.'”Inspira profondamente)

Ascolta l’estratto dell’intervista qui sotto:

“In retrospettiva, non è stato detto molto. Tranne che ho dovuto perdere spontaneamente il frutto. Raschiare potrebbe portare a complicazioni. La conversazione è stata disinvolta, fredda e concreta. Mentre l’effetto è stato colossale. Mi sono mosso dalle speranze, sogni e progetti per il futuro per… “C’è un bambino morto dentro di me.” (Piange piano) Cinque minuti dopo sono uscito di nuovo. Ho immediatamente inviato un messaggio a tutti quelli che lo sapevano. Ho perso il bambino”.


citazioni

Ci hanno chiesto se volevamo ancora vedere il frutto. Anche se abbiamo detto di no, l’hanno mostrato comunque. Poi l’hanno gettato nei rifiuti sanitari

Julie van den Steen

“La sera ho avuto contrazioni così terribili che ho urlato dal dolore. feto era bloccato e che avevo perso molto sangue. Le infermiere hanno dovuto rimuovere manualmente il feto. Ci hanno chiesto se volevamo ancora vederlo. Anche se abbiamo detto di no, lo hanno mostrato comunque. Dopodiché è stato gettato nel rifiuti sanitari”.

Sembra terribile.

“Lo era. Diverse ore dopo, sono migliorato di nuovo fisicamente e sono stato mandato a casa. Ma la parte più difficile deve ancora iniziare”.

Parli dell’impatto psicologico?

(gesti) Nelle settimane successive ho sentito tutto e niente allo stesso tempo. Non riuscivo a dormire, non potevo muovermi. solo guadagnare. Per lo più avevo molte domande. Come è potuto accadere? Ho fatto qualcosa di male? È stata colpa mia? La parte peggiore è che non possono darmi una risposta. I medici iniziano a cercare una causa solo dopo il terzo aborto spontaneo. O perdita di gravidanza, preferisco usare quella parola.


citazioni

Odio che non saprò mai perché è successo. Inizio. L’unica risposta che ho ricevuto è stata: “Non dovrebbe essere”.

Julie van den Steen

Odio il fatto che non saprò mai perché è successo. Mai. L’unica risposta che ho ricevuto è stata: “Non dovrebbe essere”. Beh, se devi accontentarti… il senso di colpa continua a tormentarmi. E Ho ancora paura di non riuscire ad avere un bambino.

Ascolta l’estratto dell’intervista qui sotto:

Ricevi molto supporto da persone che lo sanno?

“Quando ne parlo, mi rilassa. Ma trovo molto difficile essere vulnerabile, anche con amici e familiari. A dire il vero, non se ne è parlato molto”.

Forse la gente non sapeva cosa dire?

“Certo. Capisco anche questo, eh. Quando si tratta di lutto, le persone si sentono a disagio. Vogliono aiutare subito offrendo consigli, cercando una spiegazione o calmandosi. Qualcosa del tipo: ‘Ti cucinerò un delizioso pasto finché non ti senti meglio.'” È dolce, ma non funziona in questo modo. Solo ascoltare o abbracciare mi rende più felice. “

A volte hai ricevuto commenti che, sebbene forse ben intenzionati, sono comunque offensivi?

“Molto spesso.” “La natura ha deciso così.” “Sii contento che sia successo ora, qualcosa deve essere andato storto con il bambino.” Inoltre: “Era così grande.” (tenere il pollice e l’indice a pochi centimetri di distanza) Questa è una cosa scomoda, perché mi fa sentire come se stessi esagerando. Per molto tempo ho persino pensato di essere anormale perché l’ho presa così duramente.

Ascolta l’estratto dell’intervista qui sotto:


citazioni

Nella mia nuova casa c’è una stanza che ho voluto trasformare in un asilo nido. Ancora oggi non oso aprire la porta di quella stanza

Julie van den Steen

“Non puoi misurare l’intensità del dolore in base al numero di settimane di gravidanza”, afferma l’esperto di dolore Manu Kerse.

“Ha ragione. Nella mia testa c’era già un bambino a tutti gli effetti. Ero impegnata con tutti i preparativi, avevo programmato diversi appuntamenti ginecologici, seguivo le mie pagine Instagram per comprare le cose più carine per il mio bambino, avevo già riempito i cestini della spesa con vestiti premaman nei negozi online, e stavo pensando al nome, . .. Nella mia nuova casa c’è una stanza che volevo allestire come asilo nido.Ancora oggi non oso aprire questa porta.

A volte hai l’impressione che le persone pensino che dovresti andare avanti con la tua vita?

“Di recente un’amica mi ha chiesto come stavo. Quando ho risposto onestamente che non mi sentivo bene, ha detto: ‘Ancora no?’. Consulenza perinatale, so che posso lasciar andare il mio dolore. Devi sentirlo per curarlo. Soprattutto da quando vivo nella mia nuova casa, dove sto iniziando a fare da babysitter e crescere mio figlio, sento arrivare la tristezza. Questa è la cosa più difficile che abbia mai dovuto affrontare in vita mia. Montagna dell’Everest. “

Julie van den Steen.

Julie van den Steen. © Jay Cocken

Come stai davvero ora?

“Ora penso che il mio bambino avrà trenta settimane. Il mese scorso ho avuto delle registrazioni per Even Good Friends, e di solito le ho già. Durante le vacanze sarei rimasta incinta e sarebbe dovuto arrivare alla fine di gennaio. tutti criteri con cui ho difficoltà a gestire e che avrò difficoltà a gestire”.

“Inoltre, quest’estate ho compiuto 30 anni. Molti dei miei amici sono fidanzati o hanno un bambino. A volte mi sento come se fossi l’unico a stare fermo.”Silenzio) Poi penso: “Wow, quest’estate ho avuto un bambino nella pancia”. Papà voleva venire con me. Ora l’ho perso. E sì, a volte ci si sente molto soli. Lo scorso fine settimana, ad esempio, non ho trovato un motivo per alzarmi dal letto. Quello era un segnale d’allarme che avrei dovuto parlare del mio dolore”.

Due giornaliste straniere, Lorraine Kelly e Alexandra March, hanno parlato con centinaia di donne che hanno subito una perdita di gravidanza. Quasi tutti hanno detto: questa è l’esperienza più solitaria che abbiano mai avuto.

“Esatto, mentre il mio ginecologo mi ha detto che molte donne ne soffrono (Secondo la ricerca, più di una gravidanza nota su sei finisce male, ndr). Com’è? Perché non lo sapevo? Perché la gente non ne parla? sciocco. Mi sono sentito solo per molto tempo. Pensavo che il mio corpo fosse anormale. Ero anormale perché ero ancora in lutto”.

È per questo che vuoi raccontare la tua storia?

“Non voglio vendere intrattenimento solo in TV. Voglio aiutare e dimostrare che va bene essere così tristi. Lo scenario ideale è che il mio ‘segreto’ venga a galla e nessuno senta la solitudine che ho provato negli ultimi mesi. Forse è ingenuo da parte mia. Ma sento con tutto il mio corpo che devo farlo. Se fa sentire alcune donne meno sole, anche questo aiuta. (sospiro) Da un lato, mostro il mio lato più vulnerabile e ho paura di ciò che la gente penserà di me. Diranno che lo sto facendo per attirare l’attenzione? Correttamente, ma attiro l’attenzione sull’argomento. Se posso avere un impatto in questo modo, ho fatto qualcosa di giusto. E soprattutto: quindi questa esperienza significa qualcosa di positivo”.

Anche tu hai una storia #IkBen1Op6?

Hai anche sperimentato una perdita di aspettative? Non sei affatto solo. E insieme vogliamo assicurarci che le persone che attraversano la stessa situazione si sentano meno sole d’ora in poi. Quindi ci piacerebbe sentire la tua storia. Inviacelo tramite stephanie.verzelen@dpgmedia.be.

Leggi anche:

Senti la perdita della gravidanza e puoi fare qualcosa al riguardo? Il medico risponde a 9 domande urgenti

Cosa ti succede quando perdi una gravidanza? Esperti: ‘Molte donne smettono di piangere’

Da outsider, come aiuteresti qualcuno con un aborto spontaneo? “L’ambiente è silenzioso, letteralmente morto.”

READ  Maxime Meiland sposa il suo amico Leroy | spettacolo