QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Esplorare set di dati per conoscere la malattia di Parkinson in fase iniziale

Il neurologo Rick Helmich e il neuroscienziato Roshan Coles di Radbodomic vogliono usare Ricerca Scopri come la malattia di Parkinson si diffonde attraverso il cervello in modi diversi e come questi modi si collegano ai disturbi. In questo modo sperano che in futuro sarà possibile riconoscere la malattia nelle sue fasi iniziali.

Molte persone a cui viene successivamente diagnosticata la malattia di Parkinson hanno sintomi molto prima di questo, il che può indicare una presenza di malattia di base. Per lo studio, le serie di dati di migliaia di pazienti, ad alcuni dei quali è già stato diagnosticato il morbo di Parkinson, provengono da sette paesi.

Set di dati per persone con sintomi precoci

Oltre ai dati dei pazienti di Parkinson, i set di dati contengono anche dati di persone con solo segni precoci della malattia, come la perdita dell’olfatto. La risonanza magnetica e gli esami del sangue sono disponibili da tutte queste persone. I ricercatori hanno fatto eseguire a tutti i partecipanti allo studio una serie di compiti al computer, con i quali potevano misurare in modo molto accurato gli aspetti del pensiero.

Nei Paesi Bassi ci sono sessantamila pazienti affetti da questa malattia e in tutto il mondo sono sette milioni. Il morbo di Parkinson è una delle malattie in più rapida crescita al mondo. Era già noto che i neuroni nel cervello muoiono, in particolare le cellule della dopamina. Ma non sappiamo ancora esattamente come avviene il processo di decadimento e come viaggia attraverso il cervello. Quali sono le seguenti regioni del cervello? Vediamo differenze significative tra i pazienti in questo senso. Vogliamo sapere come la malattia di Parkinson colpisce il cervello”, afferma il neurologo Rick Helmich.

READ  Identificato il tipo di coronavirus delta in Suriname

Sulla strada per il trattamento

Al momento non esiste una cura per il morbo di Parkinson. Un problema è che la diagnosi è di solito relativamente tardiva perché la malattia spesso rimane latente per lungo tempo senza essere associata al morbo di Parkinson. Di conseguenza, al momento della diagnosi, più della metà delle cellule dopaminergiche sono spesso già morte e non possono più essere riparate o protette.

“Vogliamo sapere esattamente cosa va storto quando si pensa. Potrebbe essere nella memoria, nella pianificazione, nella sensibilità alla ricompensa o nel controllo. Quindi correleremo queste differenze nel processo di pensiero con le differenze nella struttura del cervello in base alle scansioni MRI. , e sintomi clinici come cattivo odore e genetica. In questo modo possiamo filtrare diversi sottotipi e fasi della malattia con le loro caratteristiche associate dal database. Speriamo di conoscerli in una fase precoce in futuro. Solo rilevando nelle prime fasi della malattia possiamo testare nuovi trattamenti “, ha affermato. Helmich afferma che una migliore comprensione di come si manifestano i sintomi attraverso diversi percorsi biologici apre opportunità per lo sviluppo di nuove strategie di trattamento.

Cerimonia di apertura 2022

Vuoi partecipare anche tu alla dichiarazione di apertura per ICT e salute il 31 gennaio 2022? I biglietti sono gratuiti, ma sono già finiti! Quindi non aspettare e Registrati velocemente.