QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Evergrande cerca di evitare il default in tempo | Economia

Due investitori che possiedono due delle obbligazioni hanno confermato di aver ricevuto i pagamenti. Hanno riferito a Bloomberg News sulla base dell’anonimato, poiché non erano autorizzati a parlare pubblicamente.

Gli investitori hanno aspettato di vedere se lo sviluppatore immobiliare screditato avrebbe effettuato pagamenti di interessi per un totale di 148,1 milioni di dollari prima della fine del periodo di grazia di 30 giorni di oggi. Evergrande ha mancato i primi termini di pagamento il mese scorso. Si tratta di tre prestiti con scadenza 2022, 2023 e 2024.

Il colosso immobiliare era sull’orlo del default in ottobre. Ma la società è riuscita a impedirlo. Il fatto che i fondi vengano ancora trasferiti non significa che la crisi del più grande emittente di obbligazioni spazzatura dell’Asia sia finita, data la montagna di debiti del gruppo. Anche molti altri sviluppatori hanno riscontrato problemi. I problemi si sono diffusi anche in altre parti del mercato del credito.

Lunedì, altri due obbligazionisti di Evergrande hanno dichiarato di non aver ancora ricevuto i pagamenti del prestito che sarebbero dovuti ufficialmente sabato. Anche in questo caso, si applica un periodo di grazia di 30 giorni prima che un mancato pagamento venga considerato un default.

Evergrande non ha ancora risposto a una richiesta di commento. Le autorità cinesi stanno cercando di mitigare gli effetti della crisi più ampia sul mercato immobiliare. Tuttavia, ci sono ancora preoccupazioni. Il creditore tedesco DMSA (Deutsche MarktScreening Agentur) ha precedentemente annunciato che Evergrande vuole presentare istanza di fallimento. DMSA è un ricercatore di mercato tedesco che possiede obbligazioni Evergrande. Invita anche altri investitori interessati ad aderire all’applicazione.

READ  Il valore della criptovaluta aumenta nonostante i timori di normative statunitensi più severe | Economia