QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Fammi uscire, c’è un terremoto”: indignazione per il blocco del coronavirus in Cina durante un disastro naturale | All’estero

Ci sono storie e foto di residenti della città cinese di Chengdu che non sono riusciti a fuggire dalle loro case durante un terremoto. Il governo ha chiuso le loro case per prevenire la diffusione del Covid. Le immagini online ora portano rabbia e incredulità. Alcuni a Chengdu affermano che gli è stato detto di rimanere in casa durante il terremoto di magnitudo 6,8 che lunedì ha ucciso almeno 65 persone.

Chengdu, che ospita 21 milioni di persone, è attualmente soggetta a rigide regole di blocco. La Cina ha una cosiddetta politica no-coronavirus, il che significa che le chiusure delle comunità vengono regolarmente imposte quando vengono rilevati casi di virus. In alcuni casi, le unità abitative in cui almeno una persona è risultata positiva al Covid sono classificate come “aree chiuse”. Qui, ai residenti è vietato uscire di casa, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno il virus.

I video su Duyin, la piattaforma cinese TikTok, mostrano residenti terrorizzati dietro recinzioni incatenate, che urlano di uscire. In uno dei video, un uomo rimprovera una guardia mentre scuote il cancello del suo appartamento. Gridò: “Sbrigati, apri la porta, c’è un terremoto!” In risposta, le guardie hanno detto: “Il terremoto è già passato”.

“È solo un terremoto”

Nella registrazione audio si sente un messaggio dall’altoparlante che dice: “Vai a casa e non radunarti qui, è solo un terremoto. Abbiamo molta esperienza quando si tratta di terremoti”. Un uomo ha detto alla BBC di essere fuggito dall’edificio di 30 piani dopo aver sentito le scosse. Quando si è reso conto di essere intrappolato, ha gridato: “Cos’è più importante? Lo spegnimento o il terremoto?”

READ  Dopo 26 anni di ingiusta condanna, l'americano Dontai Sha ...

Non ci sono rapporti che colleghino i morti per terremoto a restrizioni sull’uso residenziale, ma sono stati comunque ricevuti commenti. È uno scherzo che ne stiamo discutendo”, ha detto un uomo sul sito di blog cinese Weibo. Il post era già stato visualizzato più di 3,7 milioni di volte martedì. Un altro uomo ha detto sarcasticamente: “Penso che vada bene se muoio in questo edificio, almeno non sono ferito”.

La Commissione sanitaria di Chengdu ha successivamente pubblicato sul suo account WeChat ufficiale che “si dovrebbe dare la priorità alla sicurezza della vita del pubblico in caso di terremoti, incendi, inondazioni e altri disastri”.