QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Farmaci noti per alterare la struttura del cervello: spiegare gli effetti collaterali psicologici?

Sembra che i farmaci comunemente usati non solo combattano i disturbi fisici, ma abbiano anche un effetto sul cervello.

Questi sono i cosiddetti steroidi, più precisamente il sottogruppo dei glucocorticoidi. Prednisone e cortisone sono varianti note, ma sono anche usati negli inalatori per l’asma. Questo gruppo di farmaci sembra alterare la struttura e il volume della materia bianca e grigia nel cervello. Questo è il più grande studio sull’argomento fino ad oggi. Probabilmente spiega gli effetti collaterali psicologici, come ansia, depressione, mania e delirio spesso visti dopo l’uso a lungo termine, secondo i ricercatori dell’Università di Leiden, che li hanno studiati. in Bmj capito.

Molti effetti collaterali
Hanno studiato l’effetto dei glucocorticoidi sul cervello. Questi farmaci sono tra i più comunemente usati a causa del loro effetto immunosoppressivo. Sono usati per trattare una varietà di condizioni mediche. I farmaci sono molto efficaci, ma hanno molti effetti collaterali, compresi quelli psicologici.

Per scoprire in che misura gli effetti collaterali si verificano anche nelle persone che inalano steroidi per l’asma, ad esempio, i ricercatori hanno utilizzato i dati della biobanca britannica, un database con informazioni sulla salute di mezzo milione di britannici di età compresa tra 40 e 69 anni. Volevano vedere se c’erano differenze marcate nelle dimensioni e nella struttura del cervello tra utenti e non utilizzatori dei glucocorticoidi sistemici, che sono distribuiti in tutto il corpo, e la variante per inalazione. Hanno anche esaminato se la velocità di elaborazione del cervello e la risposta emotiva fossero diminuite.

Scansioni MRI
Le scansioni MRI di 222 persone che assumevano steroidi sistemici e 557 persone che assumevano la versione per inalazione sono state confrontate con 24.106 non utilizzatori. A nessuno dei partecipanti allo studio era stato precedentemente diagnosticato un disturbo neurologico, psichiatrico o ormonale o stava assumendo farmaci che alterano l’umore, come gli antidepressivi. I partecipanti hanno completato un questionario per valutare alcuni aspetti dell’umore nelle ultime due settimane.

READ  L'esperimento è iniziato con lo studio sulla popolazione del cancro del polmone

sostanza bianca
I risultati sono stati chiarissimi: le scansioni MRI hanno mostrato che i cervelli di entrambi i gruppi di utilizzatori di steroidi avevano una struttura della materia bianca meno intatta rispetto a quelli dei non utilizzatori. La materia bianca collega le aree del cervello e garantisce la comunicazione tra le aree e la trasmissione di informazioni.

Mentre la struttura della sostanza bianca è cambiata a causa dell’uso di steroidi, principalmente il volume della materia grigia è diminuito, afferma il professor Ono Meijer dell’UMC Leiden. Scienziati. nl. “Questi cambiamenti non sono molto significativi, e soprattutto non molto grandi. Con nostra sorpresa, i cambiamenti nella sostanza bianca sono più evidenti”. Ma anche questi cambiamenti sono piccoli, con una diminuzione dell’1-2%. “Questa è la media. In situazioni più estreme, come la malattia di Cushing, in cui i pazienti assumono steroidi, questi cambiamenti arrivano fino al 5 percento”.

Non immediatamente percepibile
Cosa notano i pazienti nella pratica? Alla maggior parte di loro non importa molto. Per l’utente medio, Meijer risponde, “non si noterebbe molto immediatamente, fortunatamente”. “Ma: per le persone che ricevono dosi elevate per lungo tempo, che sono anche sensibili, può avere conseguenze sul funzionamento del cervello, soprattutto nell’area della cognizione e dell’umore”.

dimensione del cervello
Gli effetti erano maggiori negli utilizzatori sistemici rispetto agli utilizzatori di steroidi per via inalatoria. Non è noto se il livello di dose faccia la differenza. “Abbiamo scoperto che le persone che hanno assunto questi steroidi per molto tempo, diciamo anni, hanno avuto maggiori cambiamenti nella loro sostanza bianca”.

Quelli che assumevano steroidi avevano un’area caudale più ampia del cervello e quelli che assumevano l’inalatore avevano un’amigdala più piccola. Entrambi fanno parte della materia grigia e sono coinvolti nelle funzioni cerebrali cognitive ed emotive. “La dimensione del cervello è spesso correlata a quanto è o può essere attiva una regione del cervello”, spiega la professoressa Leiden. “I cambiamenti nella sostanza bianca che abbiamo visto possono essere interpretati come: quanto è buona la comunicazione tra le diverse regioni del cervello”.

Tra le altre cose, gli spray contro l’asma contengono glucocorticoidi. Foto: Gpoint Studio

fatica
I consumatori di steroidi hanno anche ottenuto risultati peggiori in un test che misura la velocità con cui il cervello elabora e hanno riportato più sintomi di depressione, apatia, insonnia e affaticamento rispetto ai non utilizzatori. I pazienti che usavano gli inalatori erano solo più stanchi.

READ  Gli anziani fragili hanno maggiori probabilità di morire in ospedale

Secondo i ricercatori, è molto probabile che esista una relazione causale tra l’uso di glucocorticoidi e i cambiamenti nel cervello. Ma hanno avvertito che questa conclusione non dovrebbe essere tratta sulla base di questo studio. Alcuni altri avvertimenti sono che solo pochi indicatori di cambiamento dell’umore sono stati misurati in un periodo di due settimane. Gli sbalzi d’umore possono anche essere causati dalla condizione stessa piuttosto che dai farmaci.

Molti effetti collaterali psicologici
Tuttavia, hanno scritto: “Sebbene non sia chiaro se gli effetti influiscano sull’intero gruppo di utenti, questi risultati sono notevoli dati i comuni effetti collaterali psicologici dei glucocorticoidi sintetici”.

Hanno concluso: “Questo studio mostra che i glucocorticoidi sia sistemici che inalatori sono associati a una struttura della sostanza bianca alterata, che può essere parzialmente alla base degli effetti collaterali neuropsichiatrici osservati nei pazienti che assumono questi agenti”.

Meijer risponde: “La materia bianca sembra essere più sensibile della materia grigia quando si tratta di cambiamenti strutturali nel cervello dopo aver usato questi stimolanti. Ciò significa che dobbiamo anche guardare le cellule non neuronali”.

dose più bassa
Ma le implicazioni non sono significative solo per la scienza, lo studio potrebbe essere importante anche per i clinici. “Sorprendentemente, vediamo anche un effetto con gli steroidi per via inalatoria”, dice Meijer. Ogni medico sa che i glucocorticoidi sistemici possono causare molti effetti collaterali (tra cui diabete, ipertensione e cattiva salute delle ossa). Questo è molto meno con l’inalazione, ma vediamo ancora questo effetto. Non sappiamo se può essere annullato. Questo è un altro motivo per la dose “più bassa possibile” di questi farmaci, anche per i pavrates. “

READ  I respiratori Philips non sembrano causare alcun danno alla salute

Il professore è rimasto sorpreso dal fatto che ci fosse un effetto in un gruppo di pazienti che non usavano necessariamente molti di questi stimolanti. “È stato anche straordinario che in realtà stia succedendo molto poco nella materia grigia – e molto è stato pubblicato su questo in termini di esposizione (a concentrazioni più elevate) di glucocorticoidi. Questi neuroni sono sensibili agli steroidi, ma non si vede che si riflette a livello strutturale del cervello”. È anche degno di nota il fatto che la materia bianca abbia reagito in modo molto chiaro. “Quindi non dovremmo essere ‘neuroni centrici’ quando cerchiamo di capire cosa succede nel cervello quando esposto ai glucocorticoidi”.

In conclusione, dato il loro effetto sul cervello e l’uso diffuso di questi farmaci, sia i medici che i pazienti dovrebbero essere consapevoli dei potenziali effetti collaterali dei glucocorticoidi, affermano i ricercatori. Sostengono la ricerca di opzioni di trattamento alternative.